Piove…

Oggi Giove Pluvio era davvero di ottimo umore ed ha voluto dimostrare alla città di Roma tutta la sua benevolenza: ci ha regalato non una pioggerellina leggera e soave, che avrebbe solo rinfrescato l’aria, o un classico acquazzone per ripulire la città, ma un vero e proprio nubifragio, con tuoni, fulmini (hanno calcolato che ne siano caduti più di 7000), allagamenti, blocco del traffico e chi più ne ha ne metta!
 
Sono arrivata in ufficio tardissimo, completamente fradicia, grazie allo scooter di Franz che ha superato – fortunatamente indenne – tutti gli ostacoli e gli ingorghi inestricabili, trasformandosi ove necessario in una perfetta moto d’acqua: traffico congestionato, centinaia di pedoni affranti che vagavano senza meta alla ricerca disperata di un autobus o di una tettoia dove ripararsi, carreggiate stradali e marciapiedi invisibili sotto mezzo metro d’acqua, tram ed autobus bloccati, fulmini che si schiantavano sui palazzi (a poca distanza, oddioddiochepaura!)…
 
Con i pochi colleghi che sono riusciti a sopravvivere alla furia delle acque abbiamo trasformato i bagni dell’ufficio in stendibiancheria ed i phon asciugamani sono stati utilizzati a livello di guardia per asciugare abiti e scarpe. Ho appena ascoltato le previsioni meteo: non preannunciano nulla di buono anche per questa sera… 
 
In una giornata così, per riprendersi dal freddo e dall’umido e scongiurare raffreddori e malanni, ci starebbe  proprio bene una bella zuppa… questa sera, minestra di porri! Ingredienti:

la parte bianca di tre porri, tagliata a fettine
2 zucchine 
1 spicchio di aglio
2 patate medie
1 panetto di philadelfia
prezzemolo
sale, pepe (o peperoncino), olio
 
Affettare le zucchine a rondelle e le patate a tocchetti, aggiungere sale e pepe (oppure peperoncino), farle rosolare brevemente nell’olio assieme allo spicchio di aglio lasciato intero,  quindi unire i porri e tre bicchieri di acqua tiepida. Far cuoccere 40 minuti, togliere lo spicchio di aglio, passare le verdure al mixer ed aggiungere il formaggio mescolando finchè non si amalgama con la crema. Servire con un cucchiaino di olio a crudo e del prezzemolo sminuzzato e, volendo, qualche crostino di pane tostato.
Claudia Boccini

Curiosa di novità e di tendenze sociali e culturali, il mio karma è il viaggio

2 Commenti

  1. Avatar
    Marilu ottobre 20, 2011

    mi hai messo l’acquolina in bocca! (o dovrei dire la minestra…)

    Reply

Leave reply

Fare clic qui per annullare la risposta.

Your email address will not be published. Required fields are marked *