Una giornata ad Amatrice per assaggiare l’amatriciana!

Aggiornamento 2016: succede, eccome se succede, che un post scritto e pubblicato in un blog si trasformi suo malgrado in memoria e ricordo di una città. Amatrice è stata devastata, distrutta, rasa al suolo da un potentissimo terremoto che ha fatto vittime e creato disperazione. Amatrice non esiste più. O, almeno, non esistono più le chiese, le vie, i monumenti che ho fotografato. Un ammasso di pietre, campanile abbattuti, il bel rosone della chiesa di Sant’Agostino sbriciolato. Quando mi chiedono a cosa servono i blogger, penso anche a questo: a preservare la memoria di luoghi, per ricordarli come erano in attesa che la macchina burocratica si metta in moto per la ricostruzione. Amatrice è distrutta, Amatrice risorgerà. Forse non identica a quella in cui io ho passeggiato in una domenica di qualche anno fa, ma sarà ugualmente bella e affascinante. Io in questo ci credo.
Lo so, è passato un po’ di tempo da quando siamo stati ad Amatrice per la prima volta: una piacevole gita fuori porta fatta poco dopo dopo la grande nevicata del febbraio 2012 (siamo pazzi, lo so, noi giriamo con il freddo e con il gelo e per fortuna che per una volta avevamo lasciato lo scooter in garage!). Ma questo è un post evergreen, dove accanto a qualche consiglio turistico, c’è un grande premio finale: la vera ricetta della pasta all’amatriciana di Amatrice!
amatricecollage1

in senso orario partendo da sinistra in alto: Il rosone sulla facciata della Chiesa di Sant’Agostino, presso Porta Carbonara; Porta Carbonara (sec. XIII); Chiesa di Sant’Agostino – portale tardo gotico del 1400; Palazzo della ex Prefettura, sede del Polo Agroalimentare del Parco

Amatrice, in provincia di Rieti è nota soprattutto come la patria della pasta all’amatriciana (pasta semplice eppure talmente prelibata da aver varcato i confini dell’Italia, anche in versioni più o meno “fantasiose”), ma non è certo solo questo. E’ una cittadina ricca di tesori architettonici, di palazzi nobili e di moderne infrastrutture turistiche ed  è l’anello di congiunzione tra il Lazio, l’Abruzzo e le Marche nonché porta di accesso al Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga (amanti del trekking, qui ci sono decine e decine di sentieri interessanti!).

amatricecollage2
Ad Amatrice è stato costruito il Giardino della conoscenza, un piccolo parco in miniatura che  riproduce fedelmente il territorio del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga e permette di fare una piacevole passeggiata didattica con i bambini che, grazie alle statue a grandezza naturale, potranno fare incontri ravvicinati con gli animali simbolo: l’aquila, il lupo, il cervo.
Per visitare Amatrice, sul sito turistico della cittadina reatina trovate un virtual tour da scaricare sul vostro smartphone o tablet, utile e pratico. Inoltre, poco distante dalla città di Amatrice, si trova il Lago di Scandarello, un bacino artificiale nato negli anni ’20 a seguito dello sbarramento del Rio Scandarello. Noi lo abbiamo trovato completamente ricoperto di ghiaccio… ma in estate è un buon punto per pescare!
Ovviamente, ad Amatrice abbiamo assaggiato la vera amatriciana, che inizialmente ha origine come pasta in bianco (detta anche “alla gricia“) e solo a seguito dell’introduzione del pomodoro nella gastronomia italiana assume l’aspetto (e il sapore!) che conosciamo oggi. La proporzione “aurea” da utilizzare sempre è 4/4 di pasta – 1/4 di guanciale (quindi se fosse un chilo di pasta, 250 gr. di guanciale). E’ importante utilizzare proprio il guanciale, e non la pancetta, se si vuole fare una Amatriciana con il sapore corretto. Per gli appassionati, in agosto ad Amatrice si festeggia la pasta all’amatriciana, con una sagra dedicata
E questa è la pasta all’Amatriciana secondo la ricetta proposta dall’Associazione turistica locale (dosi per 4 persone):
  •  500 gr. di spaghetti
  • 125 gr. di guanciale di Amatrice
  • un cucchiaio di olio extravergine
  • un goccio di vino bianco secco
  • 6 o 7 pomodori San Marzano (oppure, 400 gr. di pomodori pelati)
  • un pezzetto di peperoncino
  • 100 gr. di pecorino di Amatrice (grattugiato)
  • sale
  1. Mettere in una padella, preferibilmente di ferro, l’olio, il peperoncino ed il guanciale tagliato a pezzetti.
  2. Rosolare a fuoco vivo, quindi aggiungere il vino.
  3. Togliere dalla padella il guanciale, sgocciolare bene e tenerlo da parte possibilmente al caldo, in modo da non farlo diventare troppo secco.
  4. Unire i pomodori tagliati a filetti e puliti dai semi. Aggiungere sale se necessario, mescolare e far cuocere per qualche minuto.
  5. Togliere il peperoncino, rimettere i pezzetti di guanciale e far cuocere ancora brevemente.
  6. Cuocere nel frattempo la pasta, che dovrà essere scolata al dente. Metterla in una zuppiera, aggiungere il formaggio pecorino grattugiato, attendere qualche secondo e poi aggiungere la salsa.
  7. Mescolare e aggiungere altro pecorino a piacere.
Claudia Boccini

1 Commento

  1. Avatar
    Gua-sta Blog aprile 06, 2012

    Gnam!!! Uno dei miei sughi preferiti. Bello anche il posto. Un po’ fuori mano per me, purtroppo.

    Reply

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *