Creare, decorare, arredare e viaggiare con i tessuti (La staffetta dei post)

Ho aderito alla staffetta dei blog anche questo mese, perchè l’argomento mi intrigava parecchio: le stoffe che creano, decorano, arredano e fanno viaggiare con i loro colori e le loro fantasie.
I tessuti assumono valore sociale e morale, fanno letteralmente la storia, diventano status symbol o  “bandiera” di rivoluzioni. Immaginate cosa sarebbero stati, anche a livello iconografico, Garibaldi  senza la camicia rossa, San Francesco senza il suo saio o la “meglio gioventù” degli anni ’70 senza il blue jeans?
Da brava blogger con propensione ai viaggi, come non visualizzare subito mentalmente le sete preziose dei sari indiani o dei kimono giapponesi, i cotoni variopinti africani, le lane pungenti irlandesi, i morbidi tappeti turchi…


Oppure, i pesanti broccati veneziani, le jute ruvide delle campagne italiane, il satin impalpabile che drappeggia i letti nella Reggia di Versailles …

La mia infanzia è stata costellata dalle stoffe. Anzi, sono cresciuta con ed insieme ai tessuti: una mamma che da giovane aveva lavorato negli atelier di moda romani, la sua passione per la macchina da cucire, tanti scampoli che venivano tramutati non solo in abiti ma anche in copridivani, cuscini, coperte patchwork… Un babbo che riportava dai suoi viaggi di lavoro in giro per il mondo  non regali o souvenir, ma stoffe incredibili: tessuti messicani, brasiliani, inglesi, scozzesi, americani, russi… in un  incredibile melting pot di materiali, colori, fantasie, consistenze …

 

E poi i tessuti antichi che a distanza di anni fanno ancora parte della mia quotidianeità.

Stoffe stipate dentro bauli per corredi hanno trovato nuovi usi, proprio come accade con i vecchi lenzuoli di canapa ruvida tessuta a telaio  dalla mia bisnonna che si sono inventati una nuova vita come tendaggi e tovaglie o come gli asciugamani di lino utilizzati come insoliti runner per la colazione. 

Le stoffe raccontano centinaia di storie e sussurrano migliaia di suggerimenti di utilizzo. E non è necessario saper cucire per usare creativamente il tessuto: la sua duttilitità è tale che anche annodato, incollato o pinzato, aggiunge valore e calore ad ogni oggetto o luogo.C’è un video emozionante, prodotto dall’Ikea, che ha come slogan “immagina un mondo senza tessili”: io non ci riesco ad immaginarlo, e voi?
Le foto di questo post sono tratte dal web: impossibile rinvenire tra le immagini di mia proprietà foto che racchiudano le infinite attitudini creative che la stoffa ed i tessili possiedono.
 
* * * * *
Questo post partecipa alla Staffetta dei post – di blog in blog, una vera e propria staffetta tra blogger. Ogni 30 giorni verrà stabilito un tema comune e il 15 di ogni mese usciranno, in contemporanea, tutti i post dei blog partecipanti.
Vi lascio la lista dei blog partecipanti e vi invito a curiosare liberamente per verificare in quanti modi si può affrontarelo stesso argomento!

 

Casa Organizzata – http://www.4blog.info/casaorganizzata
Alessia scrap & craft – http://www.4blog.info/school
La Diva delle Curve (Marged Flavia Trumper) http://www.divadellecurve.com/search/label/staffetta
simona elle – http://www.simonaelle.com/search/label/Staffetta%20tra%20blog
Palmy Learning is experience http://laproffa.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog
Monica e lo Scrapbooking http://monicc.wordpress.com/category/di-blog-in-blog/
Il Pampano http://ilpampano-designbimbi.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog
Mammachecasa! http://mammachecasa.blogspot.com/search/label/Staffetta%20Di%20blog%20in%20blog
Vivere a piedi nudi http://vivereapiedinudi.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog
unamammaperdue http://unamammaperdue.blogspot.it
accidentaccio http://accidentaccio.blogspot.it
Ostuni Magazine http://ostunimagazine.blogspot.it/
Cardamom: http://www.designcardamom.blogspot.it/
Mavie: http://www.mavie.it/tag/di-blog-in-blog/
Le avventure della Pandfamily – http://www.emmaeluca.com/?cat=40
Idea Mamma: www.ideamamma.it
Anna DIsorganizzata: http://disorganizzata.blogspot.com
Ero LucyVanPelt http://erolucyvanpelt.blogspot.com/search/label/di%20blog%20in%20blog”
Il Mondo di Ci’ http://ilmondodici.blogspot.it/search/label/staffetta%20blogmondo
Fiori e vecchie pezze http://fiorievecchiepezze.wordpress.com/
Il caffè delle mamme http://www.ilcaffedellemamme.it/tag/di-blog-in-blog/
La bussola e il diario http://bussolavita.blogspot.it

Ci vediamo prossimamente sulla Staffetta dei post, per un nuovo argomento a sorpresa!
Claudia Boccini

Curiosa di novità e di tendenze sociali e culturali, il mio karma è il viaggio

9 Commenti

  1. Avatar
    monicc settembre 16, 2012

    Hai pienamente ragione nemmeno io potrei immaginare un mondo senza tessuti…….

    complimenti molto bello il tuo post!!!!!

    a presto

    Moni

    ^_^

    Reply
  2. Avatar
    Tiziana Bergantin settembre 16, 2012

    Il mondo dei tessuti mi affascina sempre. Passo per un saluto ciao.

    Reply
  3. Avatar
    Lallabel settembre 15, 2012

    Come potrai immaginare.. adoro le stoffe indiane ed orientali!

    Reply
  4. Avatar
    simona settembre 15, 2012

    Concordo con Cristina, un mondo senza tessuti che mondo sarebbe??? bellissimo post! baci

    Reply
  5. Avatar
    Marilu settembre 15, 2012

    … e mentre tu festeggi insieme ad amiche carissime (sospiro) io ti faccio complimenti per un bel post!

    Reply
  6. Avatar
    Simona settembre 15, 2012

    Hai ragione, i tessuti raccontano centinaia di storie ed un mondo senza di loro sarebbe inimmaginabile. Simona

    Reply
  7. Avatar
    Giorgia settembre 15, 2012

    che bello avere un papa’ che porta tessuti dai viaggi e una mamma che li utizza con crearivita’, una goduria!

    Reply
  8. Avatar
    Cristina settembre 15, 2012

    Un mondo senza tessuti, sarebbe come un mondo senza colori.. Impossibile viverci :) Quanta varietà, che viaggio meraviglioso è leggere questo post. Brava!

    Reply

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *