Bagaglio a mano? No, meglio bagaglio addosso!

Tempo fa mi sono imbattuta in un articolo su La Repubblica D on line che presentava un particolare indumento che – secondo il suo inventore – è la panacea per l’ansia  da overweight luggage, ovvero peso eccessivo del babaglio, tipica di chi viaggia con gli aerei delle compagnie low cost (e, quindi, anche le mie ansie!): arrivare al check-in ed avere l’imbarco bloccato a causa del peso eccessivo del bagaglio a mano che vi costringeranno a pagare somme non indifferenti per un misero chilo in più che sfora la franchigia ammessa!
Tutti voi conoscete Ryanair, così come conoscete altrettanto bene Easyjet e i loro stringenti limiti al peso, al volume ed alla dimensione consentiti per il bagaglio a mano, che impongono al povero viaggiatore di rinunciare, di volta in volta, ad un libro, ad un maglione, ad un obiettivo fotografico in più pur di non essere costretto ad imbarcare la valigia (ed a pagare la relativa odiatissima tariffa extra!).


Ci voleva un ingegnere, John Power, per studiare e realizzare un bagaglio che si trasforma in un soprabito, in un cappotto o anche in un poncho dove riporre fino a 10 kg. tra vestiti, apparecchiature elettroniche, libri, ecc. dotato di decine di tasche e di contenitori che – almeno in teoria, perché le compagnie aeree low cost sono agguerrite  e “sgamano” subito le novità che riducono gli introiti – consente di aggirare il limite di bagaglio a mano trasportabile! Si chiama Jacktogo, la valigia indossabile, è prodotta in diversi materiali (dal pratico nylon al denim, per arrivare alla “lussuosissima” pelle) e con modelli adatti a uomini e a donne. Non proprio low cost il costo (il modello base parte da 69 euro), ma volete mettere la soddisfazione di farla in barba a Mr. O’Leary? :)

Immagino però che tutti noi abbiamo qualche trucchetto per aggirare il problema delle dimensioni limitate del “bagaglio a mano”, anche senza bisogno di una Jacktogo, vero? Voi come ve la cavate al momento dell’imbarco? Rinunciate a qualcosa o riuscite a “concentrare” tutto nel solo bagaglio a mano?

E poi, voi indossereste una Jacktogo?

Claudia Boccini

3 Commenti

  1. Avatar
    TheSweetColours novembre 02, 2012

    Mai preso l’aereo, pur essendo un aspirante ingegnere aerospaziale Ahahah, comunque credo che questo sia un valido aiuto ma come ci si mette quando si passa nel metal detector?

    Reply
  2. Avatar
    isabellamoroni ottobre 31, 2012

    Per principio non viaggio con queste compagnie “strozzine”, tanto prezzi bassi si trovano anche sulle compagnie di linea o, meglio ancora, sulle low cost delle compagnie di linea.
    Però viaggio sempre molto leggera.A meno di non dover viaggiare in paesi “avventurosi”, ma in quel caso non c’è nè la Ryanair nè l’Easyjet. Poche cose tutte abbinabili un solo paio di scarpe (l’altro l’ho ai piedi, per 10 giornio 3/4 maglie un vestito per eventuali occasioni eleganti un paio di pantaloni (oltre a quelli indossati), un maglioncino d’estate o uno scialle, ma soprattutto niente cose come shampoo, bagnoschiuma, liquidi lenti a contatto, etc. che si comprano sul posto e si lasciano quando si riparte. Così c’è spazio per il tablet, per un libro (se non si vogliono usare gli e book) e per qualche ricordo da riportare indietro.
    Però l’idea del giaccone-valigia la trovo straodinaria.

    Reply
  3. Avatar
    Lallabel ottobre 31, 2012

    Hahaha fantastica! Finora purtroppo ho viaggiato poco se non con voli a lunga percorrenza e valigie in stiva. L’unica volta è stata per andare ad un congresso in Scozia, sono riuscita a far stare tutto nel bagaglio a mano con molta ansia ma stavo la solo 4 giorni (però un cambio al giorno perchè “mica vorrai presentarti sempre con lo stesso vestito?” diceva la mia prof… per poi scoprire che “gli scienziati” andavano via in jeans e maglietta e costume da bagno… ecco)

    Reply

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *