Indispensabili in viaggio

credit: Asia Zen Shop

Quante volte vi è capitato di essere in viaggio (o, molto più banalmente, al lavoro o a scuola) ed accorgervi che vi manca un fazzoletto, un cerotto, una matita  o, magari, un ago con una gugliata di filo per riparare “quello” strappo… Insomma, quei piccoli oggetti che diventano indipensabili in viaggio! La soluzione? Una mini trousse (anche riciclata o do-it-yourself, cucita con qualche scampolo o lavorata all’uncinetto) con  il kit di indipensabili in viaggio – un vero e proprio kit di sopravvivenza urbana, a dir la verità –  da tenere sempre in borsa o nello zainetto:

 Irrinunciabili:

  1. pacchettino di salviettine umide multiuso (potranno servire per lavarsi le mani in mancanza di acqua, per rinfrescarsi, per pulire un tavolo o una scrivania);
  2. 1 pacchetto di fazzoletti di carta (per soffiarsi il naso, ma anche come fasciatura improvvisata, tovagliolino…);
  3.  1 penna (che quando serve non si trova mai);
  4.  1 blocchetto di post-it (per prendere appunti, segnare un telefono, scrivere un’idea, lasciare un messaggio);
  5.  2-3 caramelle (contro i cali di zucchero e per volersi bene);
  6.  stick burro di cacao (per le labbra, ma anche, in modica quantità scaldata tra le mani,  come cera per capelli);
  7.  campioncino crema grassa tipo Nivea (multiuso, dal viso alle mani);
  8.  2 spille da balia (dagli usi infiniti);
  9. piccolo set cucito, vanno benissimo quelli che regalano in hotel, così il bottone staccato tornerà subito al suo posto!;
  10. 1 mini calendario da borsa (oramai difficile da trovare, ma potete stamparvene uno con il pc);
  11. una busta per la spesa (utile per acquisti non previsti, come “cuscino” improvvisato se riempito con maglioni);
  12. 2-3 cerotti (per piccoli graffi, ma anche da utilizzare come scotch improvvisato);
  13. 1 chiavetta USB da un paio di Giga, per salvare o portare con voi documenti utili;
  14. e, per le signore, un assorbente di emergenza (che può anche essere usato per tamponare una ferita)

Suggerisco inoltre di inserire nella trousse degli indispensabili in viaggio anche alcune monete, per necessità improvvise come acquistare un biglietto del bus, prendere un caffè, comprare una scheda telefonica…

Claudia Boccini

Curiosa di novità e di tendenze sociali e culturali, il mio karma è il viaggio

4 Commenti

  1. Avatar
    I SOGNI DI CLAUDETTE gennaio 03, 2013

    Grazie x i tuoi ottimi consigli….
    Ti Auguro un Felice Anno Nuovo tra tanti viaggi…
    Claudette

    Reply
  2. Avatar
    Lallabel gennaio 03, 2013

    Claudia allora io sono ferratissima perchè queste cose le porto sempre con me nella borsetta, che tutti definiscono “di Mary Poppins”.. anche le mie amiche all’università sapevano sempre di poter contare sui miei cerotti, salviettine, assorbenti.. hehehe! E aggiungo anche un paio di analgesici contro cervicali e mal di testa o denti improvvisi!

    Reply
  3. Avatar
    Alessandra gennaio 03, 2013

    Claudia, la superorganizzata! preferisco dividere per tipo (ma va?!): ho il mio kit di sopravvivenza fuori casa, in cui ripongo trucchi, medicine salvavita (una bustina di Oki, un blister di Maalox più, fiale monodose di lacrime artificiali) e oggetti da pronto intervento (cerotti per ferite e per fiacche, assorbenti e copriasse – nonsisamai) e in borsa c’è sempre un miniastuccio (matita, gomma, penna e chiavetta usb); ma manca del tutto la minipochette con kit da cucito, spille da balia, caramelle, calendario e busta per la spesa. devo correre ai ripari.

    Reply
  4. Avatar
    patrickcolgan gennaio 03, 2013

    Un utile kit d’emergenza anche se si vede che è un punto di vista abbastanza femminile! Però penna, borsa di plastica, salviette e fazzoletti sono davvero irrinunciabili :)

    Reply

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *