Fiori ad Amsterdam

Tuli tuli tulipantuli tuli tulipan… Negli anni ’40 del secolo scorso, il Trio Lescano (tre cantanti di origine ungherese-olandese) imperversava alla radio dell’epoca con questo motivetto un po’ astruso che aveva come soggetto l’Olanda, i formaggi, i tulipani ed i mulini a vento: ed allora quale jingle più adatto per accompagnare il nostro viaggio ad Amsterdam, dove di fiori e formaggi se ne intendono davvero? Canzoncine a parte, che l’Olanda sia la terra dei tulipani è cosa nota anche ai bimbi che vanno all’asilo. Il collegamento Olanda=Tulipani è talmente automatico che immaginavo di scendere dalla scaletta dell’aereo e trovarmi immersa in una piantagione di fiori colorati!
FIORI-13 (1)Non sulle piste di atterraggio, ma nella città di Amsterdam i fiori sono ovunque: diventano la cornice elegante di canali e ponti, ingentiliscono facciate sobrie e decorano le piazze principali, arredano gli ingressi delle tipiche case mercantili con il tetto decorato da fregi e sono venduti (a prezzi molto abbordabili) nei mercati, nei negozi, nei supermercati e nei chioschi!
La passione per i fiori e per il giardinaggio deve far parte del DNA degli abitanti di Amsterdam: non c’è finestra, aiuola, fazzoletto di terreno che non sia abbellito da piante e fiori. Riescono a ricavare strisce di terra da coltivare (non più larghe di 25 cm!) perfino nel piccolo spazio che si crea nel punto in cui il marciapiede incontra il muro di un palazzo: ho visto crescervi profusioni di lavanda, rosmarino, erba cedrina, buganvillee, rose rampicanti e peonie!
FIORI-4I fiori sono ovunque, non solo nei grandi parchi urbani di Amsterdam (come al Vondel Park o al Sarfati Park, idilliache isole di verde nel cuore della città) o nelle aiuole che circondano gli alberi che costeggiano i canali e sono amati ed apprezzati da tutti: ho visto giovani con mazzi di fiori nei cestini delle biciclette, signore attempate che nel carrello del supermarket, tra un cartone del latte ed un chilo di mele, avevano bouquet variopinti, giovani manager che alla sera rientravano a casa con la borsa da lavoro ed un fascio di tulipani.
FIORI-13Se amate i fiori e volete fare un ripasso accelerato di botanica, non ci sono problemi: andate sul Singelgracht, uno dei canali di Amsterdam (è il più interno ed anche il più antico, di origine medievale), facilmente raggiungibile con i tram scendendo alla fermata Spui. Qui, su delle grandi chiatte galleggianti, si tiene il Bloemenmarckt, il mercato dei fiori (aperto dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 17.30, la domenica dalle 11.00 alle 17.30) dove sono in vendita centinaia di specie diverse, migliaia di bulbi, innumerevoli bonsai e migliaia di bustine di semi.
FIORI-11-RISK (1)Impossibile resistere allo shopping, anche se avete un pollice grigio o nero: sarete contagiati dalla voglia di portare con voi tanti piccoli souvenir green dell’Olanda… per fortuna i prezzi sono decisamente abbordabili! E poi ci sono i fiori dematerializzati, che hanno la capacità di attraversare indenni il tempo e lo spazio, che non appassiscono e conservano negli anni i colori brillanti: i fiori di Vincent Van Gogh, assolutamente da non perdere!
Gladioli, fiori di mandorlo, girasoli, viole, iris… li potete ammirare esposti nell’omonimo Museo (Museumplein, Paulus Potterstraat, 7). Non si vorrebbe mai andar via… ogni quadro racconta un’emozione, una storia… struggenti ed allo stesso tempo dotati di una forza vitale che racconta, ancora oggi, il tremendo travaglio psicologico vissuto dal pittore.
GOG-2Se ne restate incantati, potrete portarli via con  voi: non i quadri originali (magari!) ma una delle belle riproduzioni su tela che vendono nel Museumshop. E per gli acquisti dell’ultimo momento, troverete diversi negozi di fiori anche all’aeroporto di Schiphol, sia prima che dopo i varchi doganali!
FIORI-3
Claudia Boccini

Curiosa di novità e di tendenze sociali e culturali, il mio karma è il viaggio

2 Commenti

  1. Avatar
    Gua-sta Blog giugno 21, 2013

    Wow! Adoro fiori, mercati di fiori, quadri di fiori, stoffe a fiori…

    Reply
  2. Avatar
    Lallabel giugno 21, 2013

    Che carrellata anti-depressiva! Meravigliosi!

    Reply

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *