Le Chicche di Claudia: in Umbria a Villa Zuccari

Villa Zuccari a San Luca di Montefalco, in Umbria, è una grande dimora di famiglia del XVI° secolo trasformata con lungimiranza in un relais di lusso, dove la squisita ospitalità dei proprietari si unisce allo stile unico degli arredi e degli affreschi che decorano le sale e le stanze.

Mille dettagli da scoprire e di cui stupirsi parlano del grande amore – e dell’impegno che ne consegue – che Paolo e Daniela Zuccari hanno per questa magione.

Se come me avrete l’opportunità di soggiornarvi (#frantoiaperti13 è stato anche questo, la possibilità di visitare un Relais affascinante) non appena varcata la porta di ingresso sarete accolti da Pippo, un setter irlandese buonissimo che adora essere coccolato ed è in pratica il nume tutelare della casa.
Sbrigate le incombenze del check-in, sarete attratti dalle mille meraviglie di Villa Zuccari: il caratteristico pavimento in cotto antico, prodotto nelle fornaci di Castelviscardo, il soffitto con le formelle decorate, casualmente scoperto nel corso di una ristrutturazione, le numerose collezioni di oggetti antichi (vassoi, specchi, cornici), i salottini opulenti con i tavoli pieni di libri e riviste in attesa di di essere sfogliati. 

Resterete sorpresi, soprattutto, dalla strabiliante collezione di zuppiere antiche che Paolo Zuccari ha raccolto nel corso degli anni (oltre 500, provenienti da tutta Italia, ciascuna catalogata e ben disposta sugli scaffali che riempiono i corridoi di Villa Zuccari)!

Le sale comuni sono piacevolmente decorate con trompe l’oeil ed anche le camere hanno le pareti dipinte a mano con deliziosi tralci di roselline minute, opera paziente della signora Zuccari che, oltre ad essere una ex professoressa di lettere, è un’artista creativa.

Le stanze sono un mix&match riuscito di stili: accanto a pezzi ottocenteschi, a letti sovrastati da baldacchini e poltrone con tessuti a rose Sanderson, compaiono inaspettate – ma ugualmente prestigiose – le lampade Tolomeo di Artemide (non per nulla una delle figlie dei signori Zuccari è architetto!) ed i bagni sono degni di un sontuoso rituale SPA.

Alcune camere (e la nostra era tra queste!) hanno a disposizione un patio privato, dove rilassarsi nei pigri pomeriggi estivi dopo aver fatto un tuffo nella grande piscina circondati dall’aroma vitalizzante del rosmarino.

Il risveglio sarà incredibilmente dolce: le tante torte del buffet di colazione sono fatte dalla signora Zuccari, che privilegia l’uso di prodotti locali ed ha scelto di utilizzare, per quanto possibile, l’olio anziché il burro nelle sue preparazioni di pasticceria. Ogni giorno, insieme allo chef pasticcere, sforna torte alla crema, al cioccolato, strudel profumati, crostate fragranti, torte di mele con la cannella, gateau di albicocche, tortine con i pinoli… 

Entrare al mattino nella sala della colazione in stile liberty, che di sera si trasforma in bar e che vedete nella foto qui sotto, è catapultarsi in un jardin d’hiver dove le grandi vetrate sono il mezzo che pone in comunicazione gli interni riccamente decorati con il portico che affaccia sul parco. 
Attorno a Villa Zuccari si estende infatti un grande giardino, bello da togliere il fiato: più che un parco è un orto botanico dove tra viali e prati all’inglese vengono coltivate centinaia di rose, crescono palme ed erbe aromatiche ed i viali sono segnati da alberi ad alto fusto e da cipressi.
Qual’è il segreto che rende Villa Zuccari speciale? 
Innanzitutto la cordialità dell’accoglienza, lo stile garbato che affascina appena varcata la soglia, la grande cura che i proprietari mettono nel rendere sempre più ospitale la loro magione. Poi il suo essere a breve distanza dalle città d’arte umbre (Spoleto, Assisi, Foligno sono raggiungibili in pochi chilometri) ed avere “dietro l’angolo” Montefalco e le sue cantine dove dedicarsi alla degustazione del Sagrantino, uno dei vini più rinomati della Regione.    
 
Soggiornare a Villa Zuccari, anche solo per un fine settimana, avere la possibilità di passeggiare senza fretta nei viali del suo giardino, perdersi nell’immensità del panorama umbro che circonda il relais, è una esperienza che resta nel cuore perché l’arte, il bello e l’amore per le proprie radici sono il miglior biglietto da visita .
 
Informazioni utili:
Villa Zuccari si trova a pochi chilometri da Montefalco – la patria del vino Sagrantino – e si raggiunge percorrendo dalla via Flaminia la strada che da Trevi porta a Castel Ritaldi, poco prima di raggiungere la località Madonna della Stella. Se avete un GPS, vi conviene impostarlo con le coordinate 42º 51′ 42.80″ N ed 12º 41′ 20.92″ E.
L’hotel dispone di una piscina, di parcheggio, di wi-fi, di sale riunioni ed è possibile cenare presso il ristorante “La Zuppiera” (come altrimenti si sarebbe potuto chiamare?) dove vengono esaltati gli ingredienti e la cucina del territorio.

Il relais non è una struttura low cost, ma nemmeno esageratamente costosa (e spesso sul loro sito si trovano offerte vantaggiose). In ogni caso, il denaro speso sarà ripagato dall’unicità dell’accoglienza e del luogo.

Villa Zuccari dispone anche di una grande sala esterna alla struttura dove vengono ospitati banchetti e convegni.

Claudia Boccini

Curiosa di novità e di tendenze sociali e culturali, il mio karma è il viaggio

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *