Riflessioni (molto personali) di quasi fine anno

Ci siamo, anche quest’anno siamo quasi arrivati alla fine di un ciclo temporale convenzionalmente denominato “anno”. Tra breve aggiungeremo un numero al datario che scandisce lo scorrere delle nostre esistenze e ci sentiremo un pochino più vecchi (l’ideale sarebbe sentirsi più saggi, ma tant’è!) e, sicuramente, molto malinconici.

Che poi questa consuetudine di mettere un punto (molto virtuale, a pensarci bene) allo scorrere del tempo per poi riprendere immediatamente dopo ad occuparci delle medesime attività interrotte un nanosecondo prima, mi è sempre sembrato piuttosto bizzarro ed anche molto finto… esattamente come i cin-cin forzatamente gioiosi a base di spumante dolce (sappiatelo, io non sopporto lo spumante dolce, semmai vada per un brut o meglio ancora champagne!), il lancio compulsivo di petardi e fuochi di artificio, i baci sotto il vischio ad uso e consumo dei parenti serpenti presenti. 
No, non voglio dire che festeggiare il Capodanno non mi piaccia, anzi. Adoro la confusione, stare insieme ad altre persone, ballare e giocare. Solo che raggiungo un basso livello di sopportazione quando l’allegria è forzata, il “divertiamoci” diventa un obbligo. Se non c’è molto da festeggiare, se lo spirito non è esattamente quello adatto – e una volta tanto nella vita di ognuno di noi ci può stare, no? – molto meglio starsene tranquilli a casa, con una bella tazza di tisana al miele, musica di sottofondo e un consolatorio barattolo di Nutella, che non andare in giro con “facce addobbate” che fanno venire l’ansia!
L’ultimo dell’anno in realtà un suo valore intrinseco importante lo possiede: questa forma apotropaica di salutare il tempo trascorso e oramai irrecuperabile, è l’occasione per riflettere su quanto fatto e quanto ancora da mettere in cantiere. Nel bene e nel male un anno che termina è una parte della nostra vita che non potremo più riavere.
 
Tempus fugit… e allora cerchiamo di viverlo tutto, secondo dopo secondo!
Claudia Boccini

Curiosa di novità e di tendenze sociali e culturali, il mio karma è il viaggio

2 Commenti

  1. Avatar
    Ernesto de Matteis dicembre 29, 2013

    Azz…
    Profondissima Claudia.
    Io però, piuttosto che vedere un anno che finisce e di conseguenza una parte di vita che non potremo riavere, la vedo più come un anno che sta per cominciare e una parte di vita che mi ha fatto crescere…
    Pace e bene…

    Reply
  2. Avatar
    Lallabel dicembre 29, 2013

    Infatti, il mio motto è “Carpe diem”, da sempre! Buon 2014 Claudia!

    Reply

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *