L’Accademia a Firenze: la forza dei Prigioni, la perfezione del David

Siamo stati alla galleria dell’Accademia a Firenze ed anche questa volta la città toscana ha colpito! Una serie di colpi forti, che fanno battere e ribattere il cuore mentre cammini per le sue strade, alla vista di selciati antichi, dinanzi a chiese, palazzi e statue uniche, che il mondo ci invidia. Quelle stesse che troppo spesso non sappiamo apprezzare con competenza o che misconosciamo. L’arte italiana, il nostro patrimonio più grande, il nostro passato ed il nostro futuro.
Ovunque ti giri Firenze ti circonda di bello. Bello assoluto, dove l’arte, la cultura, il cibo meraviglioso si uniscono al colore del cielo e alle mille sfumature dei marmi, al lento scorrere dell’Arno che sembra impigliarsi da un momento all’altro sotto le volte di Ponte Vecchio.
Firenze dei Medici e delle Arti, Firenze che ti commuove nelle formelle delle porte dei Battistero, nella policromia del Duomo o nelle sale dei suoi Musei. Se per molti il must è visitare la Galleria degli Uffizi (strabiliante contenitore di opere d’arte, opera d’arte essa stessa), per me è soprattutto la Galleria dell’Accademia a Firenze. Meno appariscente, più raccolta, eppure altrettanto ricca: nelle sue sale, davvero poche se raffrontate agli Uffizi, Michelangelo regna sovrano.
Nella Galleria dell’Accademia a Firenze la vista del David di Michelangelo lascia senza fiato, è strabiliante nella sua perfezione scultorea (e la possibilità di vedere l’opera “a tutto tondo” grazie alla sua posizione centrale ne moltiplica la forza plastica) mentre i Prigioni, le grandi 4 statue solo abbozzate nel marmo rappresentanti nudi maschili, emozionano non poco il visitatore rendendo concreto e percepibile lo sforzo sovrumano dell’artista per far emergere le statue dalla morsa della pietra.
Tutto il resto presente nella Galleria dell’Accademia a Firenze, opere pittoriche di artisti fiorentini, tra cui Granacci e Rodolfo del Ghirlandaio, per quanto bello e degno di nota, scompare dinanzi a tanto genio.
Informazioni:
Via Bettino Ricasoli 60
50122 Firenze
Tel. 055.294883
Biglietto intero € 6,50
In caso di mostre temporanee il costo del biglietto potrebbe variare
Aperta dal martedì alla domenica dalle 8.15 alle 18.50
Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *