Sagra Valdarbia 2014

Come è ormai tradizione nella seconda metà di settembre Buonconvento è in festa con la 46^ Sagra della Valdarbia, iniziata sabato scorso e che proseguirà fino a domenica 28 settembre 2014. I palazzi, le vie e le piazze del borgo (lo ricordate? Buonconvento è uno dei “Borghi più belli d’Italia”!) saranno impegnati ad ospitare mostre, esibizioni, momenti ludici e itinerari d’arte.

Coinvolti in prima fila i Musei della cittadina con tante attività proposte: visite al Museo di Arte Sacra della Valdarbia guidate dagli allievi dell’Istituto Dante Alighieri di Firenze; trekking facili alla vicina Pieve di Piana con degustazioni di vino (Buonconvento è a soli 11 km. da Montalcino, il terreno è diverso ma il vino che vi viene prodotto è di alto livello), incontri con esperti d’arte accompagnati da sottofondo di musica medievale.
Anche il patrimonio urbanistico di Buonconvento entra di diritto a far parte del programma della Sagra ed attraverso un trekking facile e goloso – terminerà con una degustazione di cioccolato! – si potranno vedere e in alcuni casi visitare le architetture liberty che caratterizzano il tessuto urbano.
 
E finalmente il 28 settembre, quasi un anno dopo la terribile alluvione che ha distrutto parte del patrimonio museale ed ha danneggiato i collegamenti audiovisivi, verrà inaugurato il nuovo impianto multimediale del Museo della Mezzadria senese.
Quest’anno è poi un’edizione particolare della Sagra, perché 70 anni fa a Buonconvento passò il “fronte“, ovvero quel momento storico particolarissimo e terribile in cui le da una parte le truppe naziste fuggivano in rapida ritirata dopo la sconfitta e dall’altra entravano vittoriose le truppe di liberazione. Fu proprio durante il passaggio del fronte che venne fatta saltare Porta Romana, la porta che una volta chiudeva la cinta muraria nella direzione sud. Da una parte gli sconfitti, dall’altra i vincitori e nel mezzo la povera gente: ho in mente i racconti degli anziani che con le lacrime agli occhi ricordavano i momenti bui in cui era precipitato Buonconvento, la paura, la corsa a nascondere quel che poco possedevano, gli uomini nascosti per evitare rappresaglie e le donne ed i vecchi lasciati in balìa di se stessi. La Sagra è un momento importante nella vita sociale di Buonconvento e quale migliore occasione per ricordare e raccontare il passato e renderlo meno difficile da comprendere alle nuove generazioni?
 
Torniamo al programma della Sagra, che prevede attività per tutte le età: reading di poesia, mostre di pittura, esposizioni artigiane, concerti, rappresentazioni teatrali e proiezioni di documentari, sfilate di moda, balli in piazza, giochi e raduni di auto ed ovviamente il tradizionale mercato di merci varie. 
 
Come sempre lungo i “chiassi“, le viuzze accanto alle mura medievali che circondano il centro storico di Buonconventoci saranno gli oramai famosi quattro “ristoranti” che prendono il nome dai quattro quartieri in cui è suddiviso il paesino.

Il menù è a prezzo fisso e abbordabile ed i gustosi piatti della tradizione senese ci son quasi tutti. Da segnalare, tra le tante proposte, la zuppa di pane, i maltagliati al sugo di cinta senese, la lepre in umido, il brasato di chianina all’alloro, la pasta con le briciole, le chiocciole (lumache, n.d.r.), i pici, la nana arrosto (anatra n.d.r.). Sempre accompagnati da antipasti, dolci e buon vino rosso. Vi assicuro che scegliere tra un ristorante e l’altro è davvero arduo. Tutti i “ristoranti” sono autogestiti dai volontari, che ci lavorano con passione. E senza di loro, forse, la Sagra della Valdarbia sarebbe solo una festa di paese qualsiasi.
* * * * *
Per leggere con una migliore risoluzione le locandine, potete andare sul sito del Comune di Buonconvento.
Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *