Sarteano: vera Toscana

4a

Toscana regione, toscanità del carattere e dei paesaggi: questo ho ritrovato a Sarteano, nella forma più pura dell’accezione. Ed era tanto che non mi accadeva più di guardare la “mia” terra con occhi sorpresi, con lo stesso sguardo che dovevano avere i viaggiatori che si incamminavano lungo i numerosi rivoli che dan vita a quella che noi oggi chiamiamo via Francigena, mentre da lontano osservavano la torre del Castello svettare alta sul colle.

4g

Perché a Sarteano ho ritrovato la Toscana “vera”, ancora non sciupata dagli effetti distorti del turismo portato all’estremo, la Toscana garbata fatta di terra generosa che trova nutrimento e concime nell’amore e nella passione, di poderi avvolti da boschi dove trova rifugio la selvaggina e di borghi dove il tempo scorre con ritmi più simili a quelli del cuore.

4f

Nascosta tra le colline che demarcano il confine con l’Umbria, tant’è che nelle belle giornate Orvieto si intravede ed il Lago Trasimeno brilla sull’orizzonte, Sarteano è schiva, un po’ schiacciata tra le vicine città toscane di Chianciano, Montepulciano e Pienza. Che poi, uno dice Pienza e pensa al cacio, pensa a Montepulciano e immediatamente viasualizza un calice di vino, nomina Chianciano e rapido c’è il collegamento alle acque termali. Ma se si parla di Sarteano (ma se ne parla?) si resta senza associazioni. Sarteano, cosa?

4b

Io stessa – e son decenni che frequento questa parte di Toscana, percorrendo le numerose strade che si intersecano tra la Val d’Orcia e la Val di Chiana – non la conoscevo. Eppure è a 6 km. dal casello autostradale di Chiusi Chianciano, lo stesso da cui esco per raggiungere Buonconvento. Una freccia ad un crocevia, ecco cos’era per me Sarteano fino a pochi giorni fa. Poi capita che ti invitino a trascorrere a Sarteano un fine settimana, ti permettano di viverla insieme a chi ci abita e ci lavora, di condividerne i riti e le tradizioni e per di più ti lascino carta bianca. Libera di girare le strade, di entrare nelle chiese, di perderti a guardare le targhe commemorative sulle mura, di entrare nelle botteghe per riempirti di odore di pane appena sfornato. Di assumerne i ritmi sereni e un po’ slow, proprio te che vivi in città e non sai quasi più quanto può essere piacevole sedersi al bar per bere un caffè facendo scorrere la giornata.

4e

No, non pensate ora che Sarteano sia noioso. E’ tutto, fuorché una cittadina soporifera. Qui chi viene per vacanza ha mille possibilità di riempire le giornate. E ce ne sono per grandi e per piccini. Per chi ama dare un piglio attivo alle sue giornate affrontando a piedi o in bicicletta i sentieri che si allungano sui monti e per le colline o, ancora, per i felicemente pigri che preferiscono rilassarsi sui bordi delle piscine di acqua termo-minerale. A Sarteano la storia dei libri di scuola assume contorni tangibili nel Museo civico archeologico e nelle necropoli etrusche, così come nelle imponenti pietre con cui è stato edificato il Castello.

4d

E se l’arte classica trova una delle più alte rappresentazioni nella sublime Annunciazione del Beccafumi conservata nella Chiesa di San Martino e Santa Vittoria, anche  l’arte contemporanea trova spazio e seguito. Sarteano è piccola, raffrontata alle altre città  vicine: meno di 5.000 anime suddivise tra chi dimora nel capoluogo e chi ha scelto di continuare ad animare le piccole frazioni.

4h

Un borgo medievale le cui due due porte, Monalda ed Umbra, sono ancora vie d’accesso e dove le piazze e le vie nella sera ritrovano il fascino discreto di salotti. E potrà capitare anche a voi di vivere attimi sospesi nel tempo ascoltando il suono che giunge da un liuto lontano accompagnato dalla melodia del silenzio, mentre la brezza fresca dell’autunno fa muovere lentamente i drappi delle bandiere.

4i

Claudia Boccini

Curiosa di novità e di tendenze sociali e culturali, il mio karma è il viaggio

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *