Bruges, le belle Fiandre

51b

Arrivare a Bruges da Bruxelles è facile: si va alla stazione, si sale su uno dei treni frequenti e… dopo 90 km. e circa un’ora e mezza di viaggio si scende nella bella (no, troppo poco: meravigliosa) città fiamminga. Già nel percorso che dalla stazione di Bruges porta al centro della città (15 minuti di passeggiata tranquilla) si capisce che siamo in un posto speciale, a metà tra il sobrio villaggio medievale e la sontuosa città barocca e mercantile.

 51c

Lungo la via che porta dalla stazione fino al centro della città, si costeggiano deliziose casine di mattoni dalle finestre decorate da leziose tendine, vasi fioriti e statuine aggraziate o piccoli oggetti: è davvero difficile non cadere nel voyeurismo e trattenersi dallo scrutare all’interno per cercare scorci di quotidianità!

51d

Paragonata a Venezia per i canali che la attraversano e la circondano – sebbene Venezia sia davvero un’altra cosa – la città di Bruges – o, con il nome fiammingo, Brugge – è una delle destinazioni a mio parere assolutamente imperdibili nel corso di un viaggio in Belgio. Se Bruxelles è affascinante, Anversa monumentale (e mi fermo qui perché queste sono le sole città che ho avuto tempo di visitare), Bruges è romantica e struggente. Persino in periodo di Avvento quando, come è capitato a noi, le sue piazze e le sue vie sono così piene di persone a passeggio che è complicato perfino camminare e del tutto impensabile riuscire a fare delle foto senza “presenza umana”.

 51e

Il centro di Bruges, dal 2000 Patrimonio dell’umanità Unesco, è raccolto e consente ai turisti che fanno base a Bruxelles di concentrare la visita in una giornata. Tuttavia, se dovessimo tornare in Belgio (anzi, correggo: quando torneremo in Belgio) vogliamo dedicare almeno un paio di giorni alla città fiamminga per aver tempo di entrare con tutta calma nei suoi musei, nelle sue chiese, per perderci tra le vie che costeggiano i canali, passeggiare di sera quando le luci rendono Bruges un paese delle favole.

 51f

A Bruges è interessante anche lo shopping: ci sono negozi di livello internazionale molto interessanti ed ancor più lo sono le rivendite di cioccolata, di alta qualità e con costi più economici rispetto alla Capitale belga. Sembra che le cioccolatere in città siano più di 55: noi non le abbiamo contate ma di certo sono tante ed hanno vetrine espositive da far vernire voglia di assaggiare tutto!

 51g

Non bastasse, per i choco-addicted a Bruges c’è anche un museo del cioccolato, che noi purtroppo non abbiamo visitato per il troppo poco tempo a disposizione. Ma di Musei buffi e bizzarri, oltre che di interessanti, a Bruges ce ne sono diversi: il Museo delle patatine fritte, quello dei diamanti, quello della birra

 51i

La passione per il commercio e per gli scambi economici di Bruges risalgono al medioevo: già porto commerciale sull’Atlantico, a cui è tutt’oggi collegata da un canale navigabile da piccole imbarcazioni, era la base per i commerci di stoffe, di lane e sete preziose che si svolgevano nel continente europeo e uno dei porti della Lega Anseatica a cui facevanoi riferimento anche i mercati di Genova e Venezia. L’ampliarsi dei contatti portò conseguenzialmente lo sviluppo delle banche e del sistema finanziario tant’è che anche i banchieri di Firenze avevano un loro “sportello”, come lo definiremmo oggi, qui a Bruges e nel 1309 fu istituita quella che a ragione può essere considerata l’antenata delle moderne borse valori.

 51l

Torniamo all’itinerario che abbiamo seguito per visitare Bruges: per arrivare in centro dalla stazione è sufficiente attarversare la grande piazza e prendere la Oostmeers, via che attraversa il canale del Minnenwaterpark per poi entrare nella città vecchia. Alla fine della strada va seguita per pochi metri la Gaoezeputstraat fino ad incrociare la Kleine Heilige Geeststraat. Alla fine ci si trova sulla piazza su cui affaccia la cattedrale di Bruges, Sint-Salvator. Qui una sosta è dovuta: la chiesa è particolarmente interessante, sia nei suoi interni che nelle strutture esterne, sebbene quando ci siano stati noi (fine novembre 2014) fossero in corso imponenti lavori di restauro che ne limitavano parecchio la fruibilità della Cattedrale e l’mponente coro ligneo non fosse visibile.

51n

Poco più avanti inizia la Steenstraat, principale via commerciale di Bruges, con negozi, rivendite di cioccolata, librerie e un paio di sale da tè dove in inverno è piacevole rifugiarsi per sfuggire al freddo. Dopo aver girato per le vie laterali e percorso anche la bella Silverstraat, abbiamo proseguito fino al Markt, una piazza grandissima che, dopo le piccole vie dominate dai palazzi dalle tipiche facciate smerlate, ci è sembrata incredibilmente enorme. Gli edifici che circondano la piazza erano i cosiddetti “palazzi delle nationes”, ovvero le ricche sedi delle corporazioni dei mercanti che arrivavano a Bruges da ogni parte del continente europeo.

51o 51p

Sulla piazza svetta il Belfort la torre campanaria civica alta 83 metri che volendo si può “scalare” (sono 366 scalini) per avere un panorama grandioso sulla città dopo aver acquistato ad 8 euro ilbiglietto di ingresso. Al suo interno p conservata quella che era la camera del tesoro ed il meccanismo dell’orologio con un carillon di 47 campane.

 51q

Dopo aver passeggiato pigramente anche nelle vie laterali del Markt (qualche suggerimento? Philipstokstraat, Vamingstraat, Geldmuntstraat) ed esserci riempiti gli occhi di bello, abbiamo proseguito l’itinerario percorrendo la breve Breidelstraat fino a raggiungere il Burg, la piazza su cui si trovano due delle tante meraviglie di Bruges: il Municipio e la Chiesa del Santissimo Sangue.

 51v

Questa in particolare si è rivelata una grande sorpresa, perché in realtà sono due chiese: quella inferiore in stile romanico e quella superiore in stile neogotico (per raggiungerla si deve entrare in un portone adiacente e salire una scala), vero contenitore di tesori artistici, tra i quali io ho molto apprezzato il pulpito a forma di mappamondo (e poteva essere altrimenti?).

 51s

51t

Un’altra chiesa che a Bruges “val bene una messa” è la Chiesa di Nostra Signora, edificata in stile gotico brabatino, che al suo interno custodisce la scultura di Michelangelo “Madonna col Bambino”, commissionata all’artista fiorentino dai Mouscron, mercanti di tessuti di Bruges che commerciavano con l’Italia, in cambio di 4.000 fiorini.

 51a2

Il vicolo Blide-Ezelstraat vi porterà dritti dritti su uno dei ponti da cui si ammira la vista sui canali della città e qui abbiamo fatto una scelta che si è rivelata vincente per conoscere meglio la città di Bruges: ci siamo imbarcati per un giro turistico su una delle tante lance che solcano i canali: da una prospettiva diversa abbiamo scoperto angoli e scorci della città fiamminga che altrimenti difficilmente avremmo potuto vedere.

 51a1

Il percorso in battello costa 7 euro a persona ed il circuito è di circa 40 minuti. Nel costo è incluso il commento turistico del pilota in inglese, fiammingo e francese. Se vi è possibile, cercate di sedervi davanti per poter scattare belle foto.

51a4

Complici i panorami e le antiche case costeggiate, lungo le vie d’acqua il tempo diviene rarefatto. Suggestivo il canale nel punto in cui si passa sotto al ponte che immette nel Beghinaggio (Begijnhof in fiammingo), un insieme di abitazioni che risalgono al 1200 dove trovavano dimora le Beghine, donne pie dedite ad attività di preghiera e di carità, tradizione che ancora permane: il Beghinaggio – visitabile libermente – ospita oggi una comunità di monache benedettine.

 51a3

Una simpatica e nutrita comunità di cigni è la fotografatissima protagonista del romantico laghetto artificiale Minnewater. I cigni sono un po’ la mascotte della città e protagonisti di una leggenda che sconfina nella storia: dopo che Pieter Lanchals (Pietro Collolungo) – uno degli amministratori della città di Bruges nell’epoca in cui la stessa era sottoposta al dominio di Massimiliano d’Austria – fu giustiziato, il sovrano impose alla città di mantenere per l’eternità una colonia di cigni, ovvero di “colli lunghi”.

51a8 51a7 51a5

Il clima insolitamente mediterraneo che ci ha accolti, il cielo azzurro e la luce speciale tipica del nord Europa ci hanno presentato una Bruges spettacolare, i cui colori erano ben distanti da quelli riprodotti nei loro quadri dai pittori fiamminghi.

51a9

51a10

A proposito di pittori fiamminghi e di arte: a Bruges va visitato il Groningen Museum, a cui si accede da un ingresso sul Dijver e che possiede una collezione notevole di opere di artisti fiamminghi primitivi tra cui Van Eyck e Memling.

 51a12

51a13

Per gli appassionati dei mercatini di Natale, a Bruges le tipiche casine vengono allestite sia nel Markt che nella Simon Stevinplein, uno slargo alberato che si trova sulla destra prima di arrivare al Markt. Inoltre, nei paraggi della stazione c’è la grande ruota panoramica, che attrae grandi e bambini.

51a14

Per muovervi nel solo centro della città non vi serviranno mezzi pubblici e per mangiare non avrete problemi: come in tutto il Belgio si mangia molto bene e con costi adeguati a tutte le tasche (potete trovare sia il chiosco che vende panini che il ristorante sofisticato, con tutte le gradazioni possibili nel mezzo).

51m

Molti i menù a prezzo fisso, non necessariamente turistici (come il Duc de Bourgogne, storica locanda affacciata sul canale dove noi abbiamo pranzato molto bene). Ovviamente le “trappole per turisti” ci sono anche a Bruges (come nel Caffè accanto alla Cattedrale di Sint Salvator dove ci siamo limitati ad un cappuccino dopo aver consultato il menù dai costi decisamente eccessivi.

 

Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *