In gita da Roma: la magia del Natale a Vallerano incantata

47a

Questo fine settimana non ci siamo allontanati troppo da Roma: complice il periodo di Avvento e le numerose iniziative organizzate dai Comuni del Lazio, abbiamo scelto di trascorrere la domenica a Vallerano. Nel cuore della Tuscia viterbese (poco distanti ci sono le belle Nepi, Sutri, Caprarola ed i Monti Cimini), Vallerano è un tipico borgo edificato utilizzando i “tufoni”, i mattoni di tufo su cui facilmente il muschio trova l’habitat ideale per proliferare e che contribuisce a rendere suggestive le case e le vie, dando loro quel caratteristico aspetto misterioso e alquanto “vissuto”.

47b

Per dirla tutta, siamo capitati a Vallerano un po’ per caso al termine di una piacevole passeggiata attorno al Lago di Bolsena, mentre ritornavamo a casa dopo aver trascorso una bella serata a Canino, una delle città dell’olio del Lazio. Scivolando lungo le strade che dal Lago portano verso Viterbo, anziché immetterci sulla via Cassia per tornare a Roma, come al nostro solito, abbiamo proseguito verso le terre dei Farnese, con una sosta a Bagnaia (famosa per la bella Villa Lante) per poi seguire le indicazioni che portano al piccolo paese in provincia di Viterbo. Questo è stato uno dei casi in cui le deviazioni si rivelano ricche di scoperte interessanti!

47c

Dopo aver parcheggiato sulla via che porta al Santuario della Madonna del Ruscello, la visione d’insieme di Vallerano ci trasporta immediatamente in clima natalizio: la città è un tripudio di decorazioni, un grande albero abete ci ha dato il benvenuto e poco più avanti la banda allietava i visitatori con musiche della tradizione. Perfino nel piccolo mercatino degli artigiani, dove valenti maestri mostravano la loro arte, la mercanzia in esposizione era in tema!

47d

47e

Non mancavano le castagne – una delle eccellenze del territorio per cui Vallerano è famosa – arrostite al fuoco di legna, né la possibilità di fermarsi a pranzo o a cena in una delle “cantine”, dove i menù prevedevano poveri e caratteristici della zona.

47f

La musica, il mercato, i decori… solo l’inizio di un percorso che ci avrebbe fatto scoprire la magia che le mura e le vie di Vallerano vecchia avevano in serbo per noi. Salendo verso la rocca, la prima sorpresa… Il suono lieve di una musica natalizia ci ha invitato ad aprire una porticina socchiusa: ci siamo fatti coraggio e… abbiamo scoperto la casa di Babbo Natale! Il vecchio dalla gran barba bianca non c’era (forse era andato al Polo Nord per controllare la produzione dei regali destinati ai bambini nella sera della vigilia di Natale!) ma tutto faceva presagire il suo ritorno a breve: la giacca rossa lasciata sull’attaccapanni, il camino scoppiettante, le lettere scritte dai bambini pronte per essere lette ed esaminate.

47g

Superata la porta d’accesso a Vallerano vecchia ci sono poi venuti incontro esseri angelici che, in una staffetta di poesia, preghiere e riflessioni, ci hanno preso per mano accompagnandoci nel lungo l’itinerario di visita ai presepi, che si snoda tra un vicolo, una scala, una piazzetta nascosta, fino a raggiungere gli angoli più nascosti di Vallerano.

47h

Seguendo il chiarore soffuso dagli angeli abbiamo percorso vie decorate da luci, sceso scale che portavano a portici ombrosi, scoperto antichi ospedali, chiese e cappelle. Un itinerario che si percorre sospinti dalla curiosità ma che ben presto diviene itinerario nella fede popolare, fatta di piccole cose semplici.

47i

47l

Nel centro storico sono infatti stati allestiti numerosi presepi, sia di concezione tradizionale che grandi rappresentazioni statiche, ovvero realizzate con manichini a grandezza naturale in cui la natività viene cristallizzata nel singolo attimo ed assume la forza dirompente della semplicità che crea stupefatta emozione.

47m

Vallerano è delizioso: un paese che conserva il centro storico immutato, i cui punti di attrazione, oltre alla Chiesa di Sant’Andrea Apostolo, alla Chiesa dedicata al patrono San Vittore Martire, alla Chiesa dell’Oratorio ed al vecchio Ospedale (su questa piazza è allestito un presepe statico con numerosi personaggi), sono le vie stesse, la stratificazione di abitazioni, di pertugi, di passaggi che connettono i diversi livelli dell’abitato.
Se poi si ha l’occasione di visitare il paese nel corso della manifestazione “Vallerano Incantata”, si vedranno i luoghi antichi prendere vita, animarsi di figure accoglienti, colte nell’attimo in cui i cuori di protendono verso il mistero divino.

47n

La manifestazione Vallerano Incantata prosegue ancora fino al 6 gennaio, con eventi e iniziative che ruotano attorno al Natale ed alla Natività. Il 20 ed il 21 dicembre in programma ci saranno ancora mercatini di Natale, un concerto di cornamuse, l’arrivo di Babbo Natale e tanti altri eventi legati al saper fare tradizionale, mentre fino al 6 gennaio resteranno allestiti i presepi statici. Una bella meta per una passeggiata “fuori porta” da Roma.

47p

47o

Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *