Bip e Experience Brussels: la prima tappa a Bruxelles

bip10

Experience Brussels, una delle sale espositive

Il BIP (e il circuito informativo  Experience Brussels) noi l’abbiamo scoperto del tutto casualmente solo l’ultimo giorno che eravamo a Bruxelles, eppure è il luogo che bisognerebbe visitare per primo nella capitale belga, ancor prima di andare a vedere la Grand Place o entrare dentro l’enorme Atomium. E prima ancora di visitare presso la sede dell’Unione Europea il Parlamentarium. Perchè ad Experience Brussels si conoscere la città, si approfondiscono la storia e gli aspetti sociali di Buxelles. E soprattutto non ci si annoia!

bip collage

Experience Brussels spazi gioco e spazi per imparare

Il BIP di Bruxelles è un po’ la “casa” della città e  della regione brussellese, al tempo stesso centro espositivo e didattico, museo, punto di contatto per gli imprenditori. Ed è anche la sede del Governo regionale di Bruxelles, che da quel che ho capito ha competenze più estese rispetto a quelle attribuite alle nostre Regioni.

Il BIP è inserito in un bell’edificio in stile neoclassico risalente alla fine del XVIII° secolo,  poco distante dal Palazzo Reale e soprattutto è ad ingresso gratuito: un po’ titubanti siamo entrati e alla nostra richiesta di avere più informazioni su Bruxelles (ci aspettavamo il solito depliant e la classica cartina) ci è stato proposto di visitare l’esposizione “Experience Brussels!“, che si raggiunge salendo con l’ascensore al  piano di sopra.

bip1

Experience Brussels – un grande puzzle tridimensionale per scoprire Bruxelles

La gentile hostess, prima ancora di indicarci il percorso di visita, ci ha proposto di fare una foto insieme a… Bruxelles! Grazie ad un sistema di ripresa automatizzato, si può scegliere lo sfondo preferito tra i principali luoghi turistici della città e poi non resta che mettersi  in posa ed… aspettare lo scatto! Una copia della  foto vi verrà inviata tramite mail e sarà un simpatico  ricordo della vostra visita a Bruxelles; inutile dire che noi abbiamo monopolizzato la sala riprese per più di un quarto d’ora, scattando foto con tutti i fondali disponibili. Ci siamo divertiti come non mai ma sono sicura che i ragazzini in gita scolastica che visitavano come noi Experience B! avranno pensato di essere al cospetto di due adulti un po’ bislacchi!

bip5

Experience Brussels – allestimenti innovativi che movimentano gli spazi, colori chiari su cui contrastano i pannelli esplicativi

Superata la fase “selfie”, l’hostess ci ha muniti di mappa dell’esposizione ed abbiamo iniziato il nostro viaggio alla scoperta della “Capitale d’Europa”; se pensate ad una mostra barbosa, con documenti esposti dentro bacheche e plastici polverosi, dovrete ricredervi.  Inserita nel BIP, Experience B! è una mostra autonoma ed è anche il regno della multimedialità e dell’approccio ludico, con punti informativi che attraggono per la loro scenografia insolita. Proprio per questo motivo, è una mostra che i bambini DEVONO visitare, perché potranno diventare i protagonisti di esperienze attive, in un contesto accattivante e piacevole da visitare adatto ad ogni età.

bip8

Experience Brussels – e cosa ci fanno questi ombrelli aperti? Mettendosi al di sotto, si ascoltano le tante voci della città. Metterli in funzione tutti insieme è… un concerto di suoni e idiomi!

L’itinerario è multimediale ma anche multisensoriale: potrete ascoltare i rumori e le voci della città, annusarne i profumi,  giocare con mappe e puzzle tridimensionali, scoprire il suo multiculturalismo seguendo il racconto di una mappa interattiva, ripercorrere la storia della città e la sua evoluzione urbanistica su un gigantesco plastico luminoso ed, ovviamente, saperne di più su Bruxelles come sede dell’Unione Europea.

Informazioni  utili:

BIP e Experience B! s trovano a Bruxelles in Rue Royale 2-4 e sono aperti dal lunedì alla domenica dalle ore 10.00 alle ore 18.00, ad eccezione del giorno di Natale e del 1° gennaio. Piccola nota pratica: a disposizione dei visitatori toilette ed anche un bookshop.

(curiosi di vedere una delle tante foto “selfate”? Qui sembro decisamente perplessa per il contrasto classico/moderno, ma è quella meno terribile! Sullo sfondo, il Jardin Botanique e la nuova zona di uffici sorta accanto alla Gare du Nord)

BipImage (5)

Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *