Carnevale brasiliano? Oh, si!

Carnival_in_Rio_de_Janeiro

“Carnival in Rio de Janeiro” di Sergio Luiz – Flickr. Con licenza CC BY 2.0 tramite Wikimedia Commons – http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Carnival_in_Rio_de_Janeiro.jpg#mediaviewer/File:Carnival_in_Rio_de_Janeiro.jpg

Buon giovedì (grasso e frittelloso) di Carnevale a tutti!

Se in molte località italiane si stanno preparando carri e corsi mascherati, sfilate di maschere o terribili battaglie all’ultima arancia (qualche nome a caso? Viareggio, Ivrea, Putignano, di Venezia, di Cento), sicuramente il carnevale brasiliano è il più conosciuto nel mondo. Uno pensa al Carnevale di Rio de Janeiro e subito immagina piume, paillettes, belle donne vestite al limite del succinto e ballerini scatenati mentre in sottofondo risuona la musica carioca.

Brazil… papparapperopappà trallallallalallalà Brazil…

Insomma, adrenalina e gioia di vivere concentrati, che trovano l’apoteosi in una manciata di giorni.

Nel 2016 il Brasile ospiterà gli spettacolari festeggiamenti dal 5 al 9 febbraio e sarà la meta di centinaia di migliaia di turisti che arrivano da ogni parte del mondo per farsi travolgere dall’atmosfera allegra e colorata e seguendo il ritmo delle scuole di samba che sfileranno lungo le vie con i loro costumi esagerati: non solo famoso, il Carnevale di Rio è davvero il “Carnevale più grande del mondo”!

Bonecos_de_Olinda_-_Pernambuco,_Brasil

“Bonecos de Olinda – Pernambuco, Brasil” di Prefeitura de Olinda – Flickr. Con licenza CC BY 2.0 tramite Wikimedia Commons – http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Bonecos_de_Olinda_-_Pernambuco,_Brasil.jpg#mediaviewer/File:Bonecos_de_Olinda_-_Pernambuco,_Brasil.jpg

I festeggiamenti del Carnevale brasiliano risalgono agli inizi della dominazione coloniale portoghese e non sono altro che l’evoluzione dell’ “Entrudo“, una tradizione di origini pagane che festeggiava l’arrivo della stagione primaverile con scherzi, frizzi e lazzi a scapito di malcapitati passanti: il più delle volte veniva gettata acqua (insomma, gli antenati dei nostri “gavettoni“) ma qualche volta lo scherzo diventava di cattivo gusto e al posto dell’acqua poteva esserci fango o… altro!

Christ_on_Corcovado_mountain

“Christ on Corcovado mountain” di Artyominc – Template:Artyom Sharbatyan. Con licenza CC BY-SA 3.0 tramite Wikimedia Commons – http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Christ_on_Corcovado_mountain.JPG#mediaviewer/File:Christ_on_Corcovado_mountain.JPG

Tuttavia la vera anima del Carnevale brasiliano è il ritmo della sua musica, il Samba, che ha origini non occidentali ma africane, eredità degli schiavi strappati dalla loro terra per essere utilizzati come mano d’opera nelle immense piantagioni brasialiane. A proposito, sapete che il Samba è uno dei patrimoni  immateriali dell’umanità dell’Unesco?

Comunque non pensate che in Brasile il carnevale sia festeggiato solo a Rio de Janeiro: se Rio è famosa per le sfilate, le feste, gli spettacoli nel Sambodromo e per le infinite parate, i festeggiamenti sono diffusi un po’ in tutto il Paese. Particolarmente famoso è il Carnevale di San Paolo, così come quelli di Salvador de Bahia, di Florianòpolis, di Recife e di Olinda.

Mangueira-1998

“Mangueira-1998″ di Felipe Ferreira – Digital camera. Con licenza CC BY 2.5 tramite Wikimedia Commons – http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Mangueira-1998.jpg#mediaviewer/File:Mangueira-1998.jpg

Un po’ di numeri e di curiosità sul carnevale brasiliano:

  • circa 75.000 spettatori assisteranno alla cerimonia di inaugurazione del Carnevale nel Sambodromo di Rio de Janeiro: il personaggio di Re Carnevale, detto Re Momo, dopo esser stato incoronato dal sindaco di Rio apre le feste e la prima sfilata di samba con il proclama “Dichiaro aperto il carnevale della meravigliosa città di Rio De Janeiro. Dichiaro gioia per tutti per decreto“. Essere “obbligati” alla gioia, non vi sembra bellissimo?
  • le sfilate delle scuole di samba sono accompagnate da carri e coreografie scenografiche;
  • a Salvador de Bahia ben 15 miglia di strade sono invase dalle sfilate;
  • a Florianòpolis il Carnevale ha i colori dell’arcobaleno, con grande spazio ai gruppi LGBT;
  • a Recife oltre al Samba si balla il Frevo, tipica danza del Pernambuco e del nord est del Brasile

Mentre sognate e pensate al Brasile, mi raccontate come vivrete la vostra giornate di Carnevale? Farete dolci particolari? Avete feste in programma? Se avete bambini, che maschere indosseranno?

Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *