A Padova biodiversità, eventi e formazione

Il prossimo fine settimana andremo alla scoperta di Padova e delle sue ricchezze turistiche e culturali – per una volta con calma,  non di corsa tra un treno e l’altro mentre siamo diretti verso altre destinazioni del Veneto – e lo faremo in occasione di un evento davvero speciale: siamo stati infatti invitati, come blogger, alla XXIV Convention annuale del Capitolo Italiano di MPI (Meeting Professionals International, associazione globale con 18.500 soci che rappresenta i professionisti dell’industria degli eventi e dei congressi, del turismo e della comunicazione aggregata), in programma per dal 4 al 6 luglio 2015.

A Padova racconteremo live e fisseremo attraverso foto, hashtag, post e parole i momenti più importanti della Convention nonché le curiosità e gli angoli meno noti della città. Sarà una gran bella esperienza perché l’evento, anziché svolgersi unicamente nel chiuso di una sala, si impadronirà dei punti focali della città trasformandoli in set teatrali con momenti fatti di networking: occasione per scoprire lo storico Caffè Pedrocchi, il Palazzo della Ragione, le Chiese, le vie e le piazze e soprattutto  il Giardino Botanico con il nuovo settore del Giardino della Biodiversità. Tra laboratori, visite guidate (un percorso turistico classico ed uno storico sulle tracce del Rinascimento e della Massoneria), e team building,  ci sarà spazio per formazione innovativa e appuntamenti conviviali. Insomma, non ci annoieremo di certo!

675px-Giardino_della_Biodirversità

“Giardino della Biodiversità” di MdBsonoio – Opera propria. Con licenza CC BY-SA 4.0 tramite Wikimedia Commons Photo credit:

La XXIV Convention annuale del Capitolo Italiano di MPI farà apprezzare Padova ai partecipanti sia come meta turistica o termale – i vicini Colli Euganei saranno meta di una giornata di pre-convegno –  ma soprattutto come città vocata ad accogliere convegni ed eventi di rilievo internazionale. Nell’anno di Expo2015 il filo conduttore di tutto l’evento sarà quindi incentrato sul concetto di biodiversità, applicato non solo all’ambiente naturale ed allo sviluppo agricolo ma, per estensione, alla cultura ed agli ecosistemi sociali che nell’ambiente vivono e si espandono.

La giornata di domenica 5 luglio, in particolare, si svolgerà presso l’Orto Botanico di Padova, in assoluto il più antico giardino botanico universitario del mondo (è stato creato nel 1545), ampliato nel 2014 con l’innovativo e tecnologico settore del Giardino della Biodiversità e con una serra ipertecnologica a bassissime emissioni e scarso impatto ambientale. In un solo luogo, a Padova, si uniscono il passato, il presente ed i futuro creando un ecosistema unico in Europa. Il tema della Biodiversità sarà sviluppato in senso positivo e propositivo: la diversità – anzi, per meglio dire, l’unità nella diversità – è un valore aggiunto che se ben impiegata diviene il  motore che mette in moto il cambiamento e che consente alle specie di collaborare e di evolversi.

Nel Giardino della Biodiversità avremo modo di apprezzare le tecniche costruttive –  green ed ecosostenibili – utilizzate per edificare la serra, un grande edificio in vetro lungo ben 100 metri ed alto 18, per la quale sono stati impiegati materiali innovativi che consentono il risparmio energetico ed abbattono l’impatto ambientale. Importante e nuovo il riuso dell’acqua – recuperata da pozzi artesiani o tramite la raccolta delle acque piovane – i pannelli foto-catalitici per ridurre gli agenti inquinanti, il sistema computerizzato di gestione dell’ apertura/chiusura della finestre della serra, attivate automaticamente in base al livello di ossigeno o di anidride carbonica presente nell’atmosfera. Sarà interessante andare alla scoperta delle 1300 specie vegetali ospitate nel Giardino della Biodiversità, che si aggiungono alle 6.000 dell’Orto Botanico. Volendo, potremo interagire e saperne di più sulla serra ed i suoi ospiti vegetali utilizzando uno smartphone ed un’ App dedicata: notifiche ed approfondimenti renderanno piacevole ed istruttivo il percorso.

Insieme ai partecipanti alla XXIV Convention annuale del Capitolo Italiano di MPI potremo poi visitare la cinquecentesca Villa Vescovi, splendido edificio sui Colli Euganei di proprietà del FAI, in cui verrà allestita la cena di gala  dell’evento, che – per restare in tema di sviluppo, alimentazione e biodiversità – si concluderà il giorno successivo a Milano con la visita guidata di una delegazione del Capitolo di MPI ai padiglioni di Expo2015.

Prato_della_valle_padova

Photo Julien Lagarde – This work is licensed under the Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 License.

Sarà una bella sorpresa essere accolti da una città che negli ultimi anni ha investito molto per rinnovare la sua immagine  in precedenza legata per lo più al turismo religioso: la città è una smart city per quel riguarda il basso impatto ambientale, promuove progetti di responsabilità sociale per l’inclusione sociale e multiculturale in cui le persone sono al centro dell’attenzione, i suoi programmi di sviluppo e di ricerca sono riconosciuti a livello internazionale.

Padova è anche una città giovane, grazie all’apporto dei numerosi studenti che frequentano la sua prestigiosa Università, la seconda fondata in Italia, e possiede ha opere d’arte di valore inestimabile come la giottesca Cappella degli Scrovegni, la raccolta pittorica di Tiepolo, Tintoretto e Veronese ai Musei Civici, il ciclo di affreschi di Giusto de’ Menabuoi nel Battistero, il teatro anatomico a Palazzo Bo. Da non perdere, inoltre, il Musme, il museo multimediale della storia della medicina, il Museo del Precinema a Prato della Valle (una piazza che da sola vale il viaggio a Padova) con una interessante raccolta di cimeli e di tecniche di ripresa cinematografica. Piacevole anche andare a “caccia” delle opere di street-art di Kenny Random, sparse nei vicoli e nelle piazze della città.

Per seguire il nostro live-tweet gli hashtag sono:

#visitpadova – #MPITAcon15 – #MPITAcon15.padova

Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *