Londra insolita: un itinerario turistico diverso

Qualche tempo fa, poco prima di partire per Londra, avevo lanciato un SOS sulla rete per avere suggerimenti di cosa fare/vedere nella Capitale britannica che non fossero i soliti musei ed attrazioni inseriti in tutti i circuiti turistici. Londra la conosco bene, ci sono stata da ragazza per un periodo prolungato e tornata più volte. Sebbene torni sempre volentieri a visitare il Bristsh Museum o la National Gallery, così come la Tate Gallery e la Torre di Londra, avevo voglia di qualcosa di differente. Volevo scoprire la Londra insolita.

londra1

La rete è potente, è un veicolo di conoscenza e di condivisione senza eguali, amplifica richieste, bisogni (si, vero, anche chiacchiere e pettegolezzi, talvolta) ma soprattutto ha la capacità di stimolare proposte e connettere idee. Tempo poche ore, ed avevo bell’è pronto un itinerario alternativo per andare alla scoperta di una Londra insolita o, comunque, poco battuta dal turismo.

In ritardo, a posteriori, un grazie grande grande a tutti i blogger di viaggio che mi hanno dato ottimi suggerimenti per scoprire Londra insolita e che a mia volta, sicura di fare un piacere a chi ha in programma un viaggio nella città inglese, condivido con qualche annotazione di dettaglio:

consigli su Londra insolita di  Camilla Areddia,  di Consigli per viaggiare

  • Museo della Raf: è ad ingresso gratuito, aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00. Vi sono conservati oltre 100 aerei ed alcune navi. Ben fatto e con tanti eventi programmati, si raggiunge velocemente dal centro di Londra con la metro.
  • Museo dei brand & advertising: una raccolta di oggetti e materiali che percorrono oltre 150 anni di storia del consumo e del packaging (ed anche del consumismo). Il Museo sarà chiuso fino ad ottobre 2015 perché sta trasferendo la sua sede in Lancaster Road.
  • Cartoon museum: una notevole collezione che racconta la storia dei fumetti e dei cartoni animati dall’800 ai giorni nostri. Vengono anche organizzati laboratori per adulti e per bambini.
  • Mercato di Petticoat Lane: si trova poco distante da Liverpool Street Station: non è solo turistico perché lo frequentano normalmente i londinesi, c’è tutti i giorni sebbene sia consigliato visitarlo di domenica perché i banchi sono più numerosi.
  • Regent’s canal: è il canale che arriva fino a Camden che nella zona di Paddington e fino a Little Venice si trasforma in un angolo idilliaco della città (ci siamo stati, bello davvero!).

londra4

consigli su Londra insolita di Arianna Serra, di Arianna the travel planner

  • la nuova zona di Stratford: sede del villaggio olimpico durante le Olimpiadi di Londra 2012, sebbene sia decentrata si raggiunge agevolmente con la DLR, la ferrovia leggera ed interessante da visitare (non era troppo distante dal nostro hotel e ci siamo stati: ci sono anche centri commerciali per shopping compulsivo!)
  • il Victoria&Albert Museum (familiarmente, V&A): sebbene sia uno dei musei londinesi più conosciuti e visitati, è talmente grande ed ha esposizioni temporanee che variano talmente spesso che ogni volta…è la prima volta! Ci siamo ritornati molto volentieri e, oltre a visitare l’esposizione temporanea, ne abbiamo approfittato per scoprire la collezione di porcellane: non riuscivo più a venir via!

londra7

consigli su Londra insolita di Lucia Parpaglioni  di I Viaggi dei Mesupi

  • il Kyoto Garden: inserito nella zona nord del più grande Holland Park, polmone verde cittadino, è un giardino giapponese donato dalla camera di commercio di Kyoto nel 1991. Holland park è aperto tutti i giorni dalle 7.30 di mattina fino a mezz’ora prima del tramonto;
  • per chi è in astinenza da caffeina, un cappuccino da Caffè Vergnano a Leicester Square può essere risolutivo (ovviamente costo tanto, ma vuoi mettere?)
  • la vecchia sede della Fox a Soho (Soho non è solo la zona conosciuta dei teatri ma anche il quartiere londinese in cui hanno sede numerose case cinematografiche e di produzione indipendenti);
  • la visita dello stadio di Wembley: lo stadio “domestico” di Londra, che si raggiunge facilmente dal centro della città, non può non intrigare tutti gli appassionati di football. Questo grande stadio ha ospitato grandi eventi sportivi o concerti di star del rock e se volete potete anche prenotare una visita guidata;
  • Battersea: quartiere a sud del Tamigi, caratterizzato dalle due enormi ciminiere della Battersea Power Station, sta diventando un nuovo centro di sviluppo urbano con edifici residenziali, centri commerciali e punti aggregativi a cui hanno lavorato architetti di fama internazionale (tra gli altri: Forster+Partners, Gehry Partners).

londra10

consigli su Londra insolita di Martina Santamaria, di PympMyTrip

  • il mercato di fiori di Columbia Road: ogni domenica mattina dalle 8.00  la strada si trasforma in una serra temporanea, che richiama londinesi con il pollice verde e turisti appassionati di giardinaggio. Lungo la via, gallerie d’arte, pasticcerie e sale da tè, negozi di abbigliamento vintage o di antiquariato.

consigli su Londra insolita di Giovy Malfiori, di Emotion Recolled in Tranquillity

  • alcune escursioni fuori dalla città, e quindi un giro a Reading nel Berkshire (si raggiunge in treno in circa mezz’ora dalla stazione di Paddington), oppure Rugby (nel Warwickshire, non distante da Birmingham – ci si arriva in treno da Euston, percorso variabile da un’ora ad un’ora e mezza in base al treno) o l’Herfordshire, contea a nord di Londra 

consigli su Londra insolita di Daniele Pipitone di Un sardo in giro

  • cosa c’è di più bello che  indossare un paio di stivali, preparare un sandwich e un termos pieno di buon tè caldo e incamminarsi per una  bella camminata a piedi in mezzo a Richmond Park (dove ci sono i cervi!)?
Claudia Boccini

Curiosa di novità e di tendenze sociali e culturali, il mio karma è il viaggio

6 Commenti

  1. Avatar
    Martina agosto 13, 2015

    WOWWWW che bello vedermi citata in questo post! Tra l’altro mi fa davvero piacere eeserlo in un post su una città che amo tanto come Londra, della quale non mi stanco mai. Londra è ogni volta una scoperta diversa. spero che il mercato di Columbia road ti sia piaciuto, per me è un vero viaggio nel tempo, lo adoro e ci torno tutte le volte che posso :)
    Un abbraccione!!!

    Reply
    • Avatar
      Claudia Boccini agosto 14, 2015

      il mercato è bello-bello e mi son piaciute tanto anche le botteghine lungo la via. Grazie ancora!

      Reply
    • Avatar
      Claudia Boccini agosto 14, 2015

      non solo mi fa piacere, ma appunto info per quando ci torno! :)

      Reply
  2. Avatar
    Lucia agosto 13, 2015

    Che bella la mia Londra! Non vedo l’ora di tornarci!
    Seguirò anche io i consigli degli altri, stavolta :D
    Grazie per averli condivisi!

    Reply
    • Avatar
      Claudia Boccini agosto 14, 2015

      Ho pensato tanto prima di scrivere questo post, era pronto da tempo ma non mi decidevo a pubblicarlo per timore di fare cosa sgradita a chi mi aveva dato i suggerimenti. Però nei giorni scorsi mi sono arrivate mail e messaggi di di amici che mi chiedevano cosa fare e dove andare a Londra e questi erano informazioni e consigli talmente validi che mi sembrava un peccato tenerli solo per me!

      A proposito del tuo cappuccino… lo abbiamo preso in una giornata piovosa ed uggiosa, in cui i brividini di freddo entravano nelle ossa. E’ stato meglio di una medicina (ma forse lo è dell’anima, no?) :)

      Reply

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *