Viaggiare in scooter in inverno

decalogo per scooter in inverno

Ciao a tutti da Francesco. Se tra voi ci sono moto-scooteristi-motorinisti che non rinunciano ad utilizzare le due ruote anche in inverno, quando fa freddo e piove, questo post è per voi, perché l’autunno e l’inverno sono stagioni che – dal punto di vista della percorribilità delle strade – creano disagi un po’ a tutti, ancor più a chi viaggia in scooter, a cui è in particolare rivolto questo post. Ma prima di ogni altra cosa, perché viaggiare in scooter in inverno? Il primo motivo, quello più pratico e fondamentale che mi viene in mente, è che se abitate in città grandi e caotiche come Roma, spostarsi sulle due ruote è l’unico modo per riuscire a rispettare impegni, orari ed appuntamenti; poi le moto, gli scooter ed i motorini sono una salvezza in caso di traffico bloccato (uno spazietto per passare si trova sempre…) e, ultimo ma non per questo meno rilevante, anche in autunno ed in inverno e nonostante il freddo,  è bello regalarsi qualche escursione domenicale.

Nella grafica che apre il post ho riportato il mio “decalogo” per viaggiare in scooter in inverno: sono 10 punti facili da ricordare, che garantiscono serenità in viaggio e maggior comfort a bordo. Vediamoli insieme uno per uno:

  1. Controlla le gomme:  suggerimento  valido in tutte le stagioni, in inverno diventa basilare per assicurare stabilità al veicolo. Applicate  i valori della pressione degli pneumatici indicati dalla casa costruttrice del veicolo ma ricordatevi che con il freddo la pressione “tiene meno”, per cui gonfiate le gomme con qualche decimo di bar in più. E ricontrollatele spesso. Inoltre, valutate lo stato del battistrada: fate in modo che il copertone vi garantisca una buona aderenza sul bagnato, sulla fanghiglia e sulle strade con la brina.
  2. Controllate l’olio: in inverno l’ideale è utilizzare un olio con una fluidità maggiore rispetto a quello utilizzato in estate, per garantire una costante lubrificazione della meccanica (io uso 10W) .
  3. Metti l’antigelo: il liquido di raffreddamento del motore è a base acquosa e rischia di congelare alle basse temperature. Normalmente una percentuale di antigelo è sempre presente nell’impianto di raffreddamento ma se il freddo è davvero eccessivo e la colonnina di mercurio punta sotto lo zero, valutate se è il caso di aggiungerne una minima quantità.
  4. Verifica i freni: per limitare i danni da pioggia e freddo e conseguenti “grippate”, fate controllare l’efficienza dell’impianto frenante prima ancora che inizi la stagione delle piogge e del gelo e se vi trovate a dover frenare sul ghiaccio, non fatelo se non volete andare lunghi. Piuttosto, cercate di scalare le marce e decelerare utilizzando il freno motore (se il vostro mezzo ha le marce), mentre ancora più attenzione dovranno avere gli scooteristi  che non hanno freno motore e quelli senza ABS. E ricordatevi di controllare anche le pasticche dei freni!
  5. Controlla il kit di emergenza: prima di viaggiare in scooter in inverno, ricordati di verificare se il tuo kit di emergenza ha bisogno di essere rinnovato o integrato. Ricordatevi di portare una candela di emergenza, la bomboletta per gonfiare le gomme forate, cavi di avviamento nel caso la batteria vada in avaria, un rotolo di nastro isolante, un paio di cacciaviti e brucole, un paio di guanti da lavoro.
  6. Monta il parabrezza: è un po’ limitante ed abbassa le performance, non c’è dubbio, ma fa la differenza quando si tratta di viaggiare con temperature gelide: avere uno scudo davanti che “spezza” il vento ed il freddo dona comfort quando si gira in scooter per lungo tempo
  7. Copriti!: rendete felice il vostro scooter (ma soprattutto voi stessi) regalandogli una copertina impermeabile, detta anche termo scudo. Soprattutto se usate lo scooter per muovervi in città e per lavoro, usare la giacca tecnica impermeabile in abbinamento con il termo scudo vi eviterà di arrivare  congelati agli appuntamenti o, peggio, bagnati zuppi in caso di pioggia
  8. Vestiti con abbigliamento tecnico: quasi inutile ricordarlo, ma in inverno in scooter (o in moto e motorino) ci si veste a strati per limitare i danni da freddo. L’abbigliamento tecnico costa di più ma garantisce idrorepellenza, protezione da cadute, facilità nei movimenti. In caso di pioggia abbondante, tenete nello scooter anche un completo impermeabile di taglia abbondante, da indossare sopra la giacca tecnica ed i pantaloni (dopo tanti tentativi, abbiamo capito che l’unico tipo di abbigliamento – a costi ragionevoli – che davvero evita di bagnarsi è quello che viene utilizzato in barca a vela. Se vi interessa, il mio set anti pioggia l’ho acquistato da Decathlon, reparto sailing.)
  9. Fatti vedere: in inverno piove, c’è foschia, ancor più spesso nebbia e talvolta la visibilità è così limitata che si rischia di essere travolti perché non visti. E’ quindi importante farsi notare dagli automobilisti e dai camionisti indossando fasce o abbigliamento catarinfrangente, non solo di notte ma anche di giorno.
  10. Valuta la situazione: se vedi che le previsioni meteo mettono neve o ghiaccio, se per un qualsiasi motivo non ti senti sicuro a guidare con la pioggia, se pensi che lo stress di viaggiare in scooter in inverno sia maggiore dei possibili vantaggi, nonostante possa dispiacerti e limitare i tuoi movimenti, non aver timore di lasciare lo scooter in garage. Ricordati solo, se lo lasci fermo per lungo tempo, di staccare la batteria.

Ricordati: metti sempre tanta, ma  tanta attenzione, nella tua guida; sii sempre attento ma rilassato; non dimenticare che il bello delle due ruote è che ti permettono di vedere quello che accade attorno a te e se corri troppo… non vedi nulla!

Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *