Italian Stories, storie di saper fare italiano

Ho incontrato le Italian Stories a Rimini. Era uno dei miei tanti appuntamenti (forse troppi, è stata una faticaccia riuscire ad incontrare tutti)  con enti ed operatori del settore turistico per farmi conoscere e verificare la possibilità di eventuali, future, ipotetiche collaborazioni. Mi aveva incuriosito il nome e volevo assolutamente saperne di più questa giovane start-up turistica  – e giovani sono i due ragazzi e le due ragazze che l’hanno ideata e realizzata.

Se non è stato amore a primo ascolto, poco ci manca. Perché quando le idee sono valide, intelligenti ed anche ben presentate, scatenano inarrestabili passioni.

Voi avreste mai pensato di far incontrare turisti, appassionati di arte e produzioni tradizionali o estimatori di eccellenze artigianali italiane con chi realmente, giorno dopo giorno, le crea? Oppure, avreste mai pensato di coinvolgere gli artigiani italiani in un progetto di condivisione del sapere rivolto a turisti e persone che non sono del mestiere ma vogliono sapere come nasce il vero “Made in Italy”? Avreste mai osato proporre a schivi artigiani di presiedere laboratori esperenziali rivolti a chi è curioso di apprendere come avviene la realizzazione di  prodotti di altissimo livello e far raccontare dagli stessi artigiani il loro mestiere? A me, è sembrata un’idea bellissima, un riuscire a tramandare saperi e a farne partecipi le persone che magari arrivano dagli Usa, dall’Australia, dall’Asia e sono “affamati” di Made in Italy.

12038516_899761306776461_2618557543518869677_n

ph. credit: Italian Stories

Italian Stories, storie italiane: la conoscenza che nasce dal “saper fare”, la nostra capacità di esportare eleganza, di valorizzare con il lavoro materiali più o meno pregiati è il bene più prezioso che abbiamo. Le competenze italiane tanto apprezzate oggi nel Mondo sono frutto di sapienza e di umiltà di chi,  tra difficoltà non indifferenti, continua a credere nel lavoro fatto bene, nell’impegno e nella cura del dettaglio.

Italian Stories è l’esperienza cucita addosso al turista che non si accontenta più solo di vedere e di fruire passivamente: è per chi vuole provare, mettersi alla prova, arricchire il suo bagaglio con esperienze vissute in prima persona, che poi sono i migliori ricordi del viaggio. Con Italian Stories tutti hanno la possibilità di trasformarsi – solo per poche ore o anche per qualche giorno –  in apprendisti artigiani, seguendo i consigli, i suggerimenti, le storie raccontate da chi l’artigiano lo fa davvero e per mestiere.

10945738_898714143547844_1512709812726479344_n

ph. credit: Italian Stories

Italian Stories è tagliata per i turisti, ma non solo per loro: quanti di noi vorrebbero entrare in un laboratorio di liuteria, partecipare ad un laboratorio di ceramica, provare a lavorare il feltro o realizzare una pipa vera? Le esperienze che vengono proposte su Italian Stories cambiano in base alla stagione e sono continuamente aggiornate. Difficile non trovare qualcosa interessante.

Ogni singolo artigiano è attentamente selezionato, le esperienze da proporre sono vagliate e valutate in base alla fattibilità ed all’interesse che possono destare, un lavoro accurato di relazioni mette in contatto artigiani e fruitori delle esperienze perché le Italian Stories da raccontare sono davvero tante, e ciascuna ha un suo pubblico che aspetta solo di rimboccarsi le maniche per farle diventare anche parte della propria storia.

12143296_898232553596003_3177318503005094051_n

ph. credit: Italian Stories

 Le esperienze di Italian Stories sono una bella idea anche per fare un regalo diverso, che parla di affetto per chi riceve il regalo e di amore per il nostro Paese.

Ora so già che mi direte: bello, bellissimo, ma i prezzi?

Considerata la qualità degli artigiani coinvolti ed i pacchetti disponibili, i prezzi non sono troppo elevati ma adeguati alle esperienze che si possono vivere. Qualche esempio?

  • un laboratorio a Bologna di 15 ore per apprendere l’arte del merletto Aemilia Ars dalla merlettaia Francesca, costa 260€;
  • creare un cappello in juta con la cappellaia Carlotta a Verbania, costa 198€;
  • apprendere i segreti della lavorazione della ceramica con Gabriele, mastro ceramista esperto nella costruzione di stufe in ceramica a Bolbeno (TN), costa 48€;
  • a Francavilla a Mare (CH) il ceramista Amato in 4 ore insegna a decorare e smaltare un piatto ad un costo di 75€ (ed ovviamente il piatto poi sarà vostro!);
  • una visita in un laboratorio di oreficeria di Firenze per apprendere le tecniche e i segreti che si nascondono dietro un oggetto di oreficeria, costo 20€

e poi tante, tante altre proposte di Italian Stories, divise per tipologia o zona geografica, pronte per essere narrate!

Per chi sono indicate le esperienze Italian Stories?

  • chiunque voglia approfondire le tecniche creative;
  • chi vuole apprendere seguendo le indicazioni di Maestri artigiani;
  • chi è curioso di incontrare veri artigiani e vuol conoscere come lavorano ed organizzano la loro giornata;
  • per chi non si spaventa a rimboccarsi le maniche;
  • per chi vuole fare (o farsi) un regalo inconsueto;
  • per chi vuole arricchire il suo viaggio (o la conoscenza di un territorio) con attività ed esperienze  “sul campo”.
12109174_898230143596244_1006529305007205896_n

ph. credit: Italian Stories

Tre le tipologie di esperienze proposte da Italian Stories:

Visit: l’artigiano accompagna a visitare il laboratorio e racconta i diversi momenti  produttivi.

Workshop: qui l’esperienza non si limita solo alla conoscenza ma “ci si rimboccano le maniche” sotto la guida dell’artigiano.

Special: l’artigiano fa conoscere il territorio i cui vive e da cui trae ispirazione.

Per partecipare ad una delle esperienze, è sufficiente registrarsi  sul sito di Italian Stories, scegliere e prenotare  l’esperienza che si vuole provare, pagare (il costo sarà addebitato solo alla conferma dell’appuntamento da parte dell’artigiano). Si riceverà una mail di conferma e con quella ci si presenta il giorno dell’appuntamento.

Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *