Una bella visita al Moderna Museet di Stoccolma

modernacollage2

Cartello di ingresso del Moderna Mseet, il corridoio che raccorda le diverse sale espositive, la sala ludica per i bambini, la sala della caffetteria, alcuni dolci della caffetteria (ottime le kanebullar!)

Che Stoccolma ci sia piaciuta parecchio, si è oramai capito: da quando ci siamo stati, numerosi sono i post che abbiamo scritto per condividere con voi la nostra breve esperienza scandinava e ancora non riusciamo a smettere! Le cose sono due: o noi siamo degli inguaribili entusiasti oppure… davvero Stoccolma ha una marcia in più sia come città che come offerta culturale e turistica. Per dire: ha tanti Musei curati, con allestimenti moderni, possibilità di seguire visite guidate, spazi dedicati ai bambini ed alle famiglie. Solo per parlare di uno dei tanti Musei che si trovano in città, noi abbiamo fatto una bella visita al Moderna Museet, il museo di arte moderna e contemporanea che si trova  sull’isola di Skeppsholmen – collegata da un ponte con il molo di Strömkajen, lo stesso su cui affaccia il Grand Hotel e da cui partono i battelli che collegano la città con le isole dell’Arcipelago –  è uno di quelli che ci è piaciuto di più, sia in termini di fruibilità che di collezioni esposte.

Si arriva con facilità al Moderna Museet con l’autobus n. 65, che ferma proprio accanto al complesso di edifici che formano il museo oppure si può anche raggiungere scendendo alla fermata della metropolitana di Kungsträdgården con una piacevole passeggiata lungo il molo. Una volta fatti i biglietti al banco che si trova nella grande sala vi consiglio, prima ancora di iniziare la visita, di andare diretti agli armadietti guardaroba che si trovano nel corridoio dietro il bookshop per lasciare borse ingombranti e giacche: il clima del Museo è piacevolmente caldo e non ne sentirete la mancanza (per usare gli armadietti ricordatevi di portare con voi qualche moneta da 5 corone: vanno inserite per attivare la serratura ma poi vengono restituite).

modernacollage1

“After Babel”, installazione temporanea; Carsten Höller, scultura; Meret Oppenheim -Ma gouvernante, 1936; Robert Rauschenberg, Monogram, 1955–59

La collezione permanente del Moderna Museet è collocata in numerose sale a cui si accede dal lungo corridoio a sinistra della biglietteria (lo stesso corridoio è utilizzato come aerea espositiva) e comprende sculture, installazioni, opere di grafica e di fotografia, dipinti, stampe mentre le esposizioni temporanee sono allestite per lo più nella grande sala di fianco alla biglietteria o ai piani inferiori. Tra i capolavori esposti, solo per fare qualche nome noto, si va dalle opere di Pablo Picasso, di Henry Matisse a quelle di Andy Warhol, di Francis Bacon, di Robert Rauschenberg, di Jason Pollock, di Salvador Dalì, di Marchel Duchamp, di Giacomo Balla, di Edward Hopper. Un excursus interessante e mai noioso lungo l’arte del  XX secolo.

Un dettaglio che mi  è piaciuto davvero tanto sono i piccoli soggiorni e salottini in stile scandinavo, dall’aspetto molto accogliente e familiare, dove ci si può sedere per consultare volumi d’arte e le guide messe a disposizione: comprendere l’arte contemporanea non è facile e poter contare su libri che aiutano ad interpretare le opere d’arte è molto utile. Gli stessi libri,  potranno poi essere acquistati al fornito bookshop, che vende anche oggetti di design e una bella selezione di oggetti di cartoleria.

modernacollage4

decori mobili; salottino di consultazione; Raymond Hains, Alumettes Blanches; Marcel Duchamp, Rotorelliefs (particolare); altro salottino di relax e consultazione con vista su Dijurgarten

Al Moderna Museet l’arte non è solo all’interno degli spazi museali, ma straborda al di fuori delle mura del Museo: negli spazi verdi accanto al museo sono esposte opere mobili di Calder e i fantocci onirici di Niki de Saint Phalle, il Dejuner sur l’erbe di Picasso, oltre  numerose installazioni di artisti scandinavi meno noti al grande pubblico.

Per visitare le collezioni permanenti che le esposizioni temporanee con cognizione, potete scaricare gratuitamente l’App con l’audio guida da utilizzare direttamente sul vostro smartphone o tablet (le audio guide gratuite sono in inglese e in svedese e sono disponibili sia per iOS (Iphone, Ipad) che per Android; si può anche noleggiare alla biglietteria un Ipad già con l’App al costo di 50 SEK). Per il download, se non fatto in anticipo, potete usare il wifi gratuito del Museo (il segnale prende nella sala di ingresso, assai meno nelle sale di esposizione).

modernacollage3

Andy Warhol, Brillo Soap Box; Öyvind Fahlström, Esso – LSD; Marcel Duchamp, Fountaine; installazione;

Come dicevo qualche paragrafo prima, il Moderna Museet ha a cuore i bambini e cerca di favorire il loro approccio ludico all’arte fin da piccoli, organizzando mini tour dedicati alla fascia di età tra i 2 ed i 6 anni ed a quella tra i 7 ed i 14 anni guidati da educatori che li invitano a dipingere, disegnare, creare prendendo ispirazione dalle opere esposte nel Museo. Peccato che gli incontri – ci sono ogni giorno alle 11 (2-6 anni) ed alle 13 (7-14 anni) – si svolgono solo in lingua svedese.

Fanno parte del Moderna Museet servizi indispensabili come il ristorante, la caffetteria (ho assaggiato qui ottimi kanebullar, i dolcetti tipici con la cannella), il chiosco del caffè  ed a disposizione dei visitatori c’è anche uno spazio dove poter mangiare il proprio pranzo al sacco.

Collegato con il Moderna Museet (è in pratica un’ala del medesimo edificio) c’è ArkDes,  il Centro di Architettura e design svedese, un interessante percorso che ripercorre le tappe dell’architettura in Svezia e che ospita esposizioni temporanee specialistiche o innovativi progetti di architettura. Attenzione: da quel che ho capito con lo stesso biglietto del Moderna Museet si entra anche ad ArkDes (sono insicura perché noi, con la Stockholm Card, avevamo inclusp gratuitamente l’accesso a quasi tutti i Musei di Stoccolma).

moderna 46

Sturtevant, Raysse Peinture à Haute Tension, 1969

Informazioni utili:

il Moderna Museet è in  Slupskjulsvägen 7, 111 49 Stockholm,  ed è aperto dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 18.oo ad eccezione del martedì e del venerdì in cui l’orario è prolungato fino alle 20.00. Tutti i venerdì c’è ingresso gratuito alle collezioni permanenti, ma solo dalle 18.00 alle 20.00

Il costo del biglietto è di 150 SEK, previste riduzioni e gratuità per i ragazzi di età inferiore ai 18 anni


Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *