Il Museo MuDEC di Milano

Il Museo delle Culture di Milano – MuDEC è stato inaugurato a Milano a marzo 2015 in quella che era l’area della vecchia fabbrica dell’Ansaldo, in Via  Tortona, zona conosciuta per essere uno dei luoghi della città in cui  la sperimentazione artistica è di casa, particolarmente amata da creativi e artisti.  Il Museo MUDEC nasce come opera di un architetto di grido, uno di quelli che vengono definiti archistar che ha però tolto la sua “firma” per dissapori sulla gestione delle finiture di un pavimento che, per un problema di materiali, non rispetterebbe il progetto originario. L’architetto in questione ha anche minacciato ripercussioni legali a tutti quelli che accosteranno il suo nome con il nuovo Museo di Milano, tant’è che sulla pagina di presentazione della struttura non c’è nessun riferimento all’architetto che ha curato l’opera e quindi il il MUDEC è senza un papà!

La struttura complessiva del Museo MuDEC – con grande uso di zinco e cristallo, affinché la luce naturale possa arrivare fino alle aree interne del museo – si estende su oltre 17.000 mq. in quello che è – a tutti gli effetti – un esempio di recupero di archeologia industriale. Oltre alle mostre temporanee che ciclicamente vengono allestite, trova spazio al primo piano del museo la collezione permanente che ha un patrimonio di oltre 7000 opere d’arte, oggetti d’uso comune, stoffe, strumenti musicali che arrivano dai 5 Continenti).

Il complesso del MuDEC  – che è sia museo che polo di ricerca e di divulgazione sulle culture del mondo –  è poi completato da un auditorium-teatro, un bistrot  un ristorante, sale per incontri e conferenze, spazi per attività didattiche e dal MuDECJunior, in cui i bimbi tra i 4 e gli 11 anni possono scoprire culture diverse dalla propria attraverso il gioco e  modalità innovative di apprendimento e interazione. Da menzionare, inoltre, il MuDEC  design store, specializzato in libri, cataloghi ed oggetti di design.

Fino al 31 agosto 2016 la visita alla sola collezione permanente del MUDEC (quindi non le esposizioni temporanee) sarà ad ingresso gratuito e si potranno ammirare oltre 200 pezzi – tra oggetti, documenti, opere d’arte esotiche di alto valore etnografico – raccolti a partire dal XVII secolo, spesso disomogenei quanto a genere e percorso di ricerca, che però testimoniano l’istinto di scoperta che da sempre accompagna l’uomo. La collezione permanente completa del Museo MuDEC (come dicevo, è composta da oltre 7.000 oggetti) è conservata in depositi accessibili e visitabili con visite guidate riservate a gruppi (su prenotazione e a pagamento).

miro-ita-hp

ph. credit: Mudec

Da segnalare che a partire dal 25 marzo 2016 e fino all’11 settembre 2016, al MUDEC di Milano ci sarà la mostra su  “Joan Miró. La forza della materia“, in cui verrà presentata una selezione di opere realizzate dall’artista catalano, esponente del surrealismo, nel cinquantennio dal 1931 al 1981 con materiali diversi, utilizzati spesso in modo insolito, che si astraggono dalla realtà per focalizzarsi sulla concettualizzazione delle immagini.

Informazioni utili:

Museo MuDEC – Museo delle Culture – via Tortona 56, Milano (tel. 0254917)

giorni ed orari di apertura: lunedì dalle 14.30 alle 19.30; da martedì a domenica (giovedì e sabato esclusi) dalle 09.30-19.30 ed il giovedì ed il sabato dalle 9.30 alle 22.30.

Biglietti mostra Joan Miró: 12€, previste riduzioni.

Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *