Matera 2019 Una finestra sul Mediterraneo

20150502_130618

Vi dico la verità: io a Matera non ci sono mai stata, sebbene l’abbia messa nella lista delle città italiane da visitare quanto prima. Mi attrae il suo essere città fatta di sassi e di rupi, immobile nel tempo eppure così viva, pittoresca ed impressionante, tanto da meritare la nomina a Capitale Europea della Cultura per il 2019, battendo – ebbene sì, c’era anche la mia amata Siena – città forse più conosciute in ambito internazionale. E’ quindi con curiosità e ben più di un pizzico di interesse che ho scoperto che lunedì 7 marzo 2016, il Teatro Vascello di Roma ospiterà l’ evento, lungo una giornata,  “Matera 2019 Una finestra sul Mediterraneo” , organizzato dalla Compagnia dei Terrazzi di Ada (i cui fondatori, Rocco Ditella e Anna Rita Luongo, sono di origine lucana) in collaborazione con  il Centro Studi Lucani del Mondo, l’Associazione Amici della Basilicata, Associazioni dei Lucani a Roma e il Municipio XII di Roma Capitale.

L’appuntamento è ad ingresso gratuito e per un intero giorno Matera (e la Basilicata tutta) verrà raccontata utilizzando suoni, musiche, immagini fotografiche, rappresentazioni teatrali, esposizioni di produzioni artigianali. In particolare, in occasione dell’evento al Teatro Vascello verrà esposta la mostra fotografica di Domenico Notarangelo “Il Vangelo secondo Matera”, tratta dal set del film “Il Vangelo secondo Matteo” di Pier Paolo Pasolini e una mostra di sculture dell’artista Anna Bodini.

Non mancheranno gustose degustazioni ( :), d’altra parte una città, un paese, i suoi abitanti si conoscono anche attraverso la gastronomia del teritorio. A proposito, lo conoscete il pane di Matera? Buonissimo è dir poco! E avete mai visto le melanzane con la  buccia arancione? Sono una specialità della Basilicata! Insomma, quella che verrà proposta al Teatro Vascello di Roma è una vera e propria festa dedicata a Matera, a cui sono stati invitati a partecipare attori, registi, esponenti del cinema e della letteratura.

programma

Il programma della giornata dedicata a Matera è suddiviso in tre parti: si inizia con una coreografia dello Studio Danza Artemosa sui temi del Mediterraneo ed al legame forte, quasi indissolubile, che unisce i lucani alla propria terra di origine.  Dalle 10.30 fino alle 12.30 segue la proiezione – aperta anche alle scuole – di alcuni documentari su Matera:

  • “Inno Matera 2019 – città della cultura” (I Tarantolati di Tricarico);
  • Matera film -”Un viaggio con gli occhi dei grandi registi” (Francesco Lomonaco e Franco Mazzoccoli);
  • “Dalla terra alla luna – la scienza riscopre la Basilicata” regia Vania Cauzillo (Liberascienza);
  • “Stand by me” (Marco Giuseppe Albano).
  • Selezione scene tratte dal film “Rocco Scotellaro” (Maurizio Scaparro).

Prima della sosta per il lunch, l’attore e regista Giovanni Nardoni racconterà “La Resistenza a Matera - 21 Settembre 1943”, che farà riflettere e conoscere su una pagina di storia materana (ed italiana) ancora poco nota.

IMG_6191

I prodotti alimentari di Matera e della Basilicata saranno i protagonisti di un momento di convivialità, tutte produzioni tipiche che sono state offerte da aziende locali, come i formaggi del Caseificio Lavanga, il pane dell’Associazione per la promozione e la valorizzazione del Pane di Matera, il vino delle Cantine Mantegna, l’olio del Frantoio oleario Ruscigno Giuseppe&company, i dolci della Premiata pasticceria Libutti, dal 1850 Antica pasticceria Lucana.

 Nel primo pomeriggio (ore 15.30) ci sarà tempo per la Tavola Rotonda Matera 2019 evento sfida per il Sud e per l’Italia” con interventi di esponenti della cultura, dell’arte e della società civile, tra cui il registra e critico teatrale Maurizio Scaparro.

La terza parte del programma, che conclude la giornata dedicata a Matera, inizia alle 16.30 ed è tutta all’insegna dello spettacolo, della musica e del teatro. Si inizia con lo spettacolo musicale Viaggio nella terra dei suonicon Antonio Infantino, Tarantaraba, Antonio Miseo e Antonio Guastamacchia, quindi alle 17.45 lo spettacolo “Terra…Madre”, scritto da Anna Rita Luongo, promotrice dell’appuntamento romano “Matera 2019 – Una finestra sul Mediterraneo” che rende omaggio alla Basilicata e ripercorre – attraverso lo scrupoloso recupero di fonti storiche e testimonianze, la storia dell’emigrazione dalla Basilicata vista da una prospettiva diversa, in genere non valorizzata: quella delle donne.

LOCANDINA TERRA..MADRE (1)

Tornerà poi di nuovo sul palco Giovanni Nardoni con un altro brano tratto da “La Resistenza a Matera – 21 Settembre 1943”; per concludere, la festa romana dedicata alla città di Matera dedicherà un omaggio al cantante Giuseppe Mango, lucano d.o.c., con una coreografia del ballerino Roberto Massacci sulle note del brano “Mediterraneo”.

Informazioni:

Matera 2019 Una finestra sul Mediterraneo, presso Teatro Vascello – via G. Carini, 78 Roma (quartiere Monteverde, si raggiunge con gli autobus  44, 75, 870, 871, 982). L’evento inizia alle 10,30 e termina alle 20,30

Ingresso gratuito.

logo matera

Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *