Consigli per visitare la Camera dei Deputati

Il Parlamento cerca di essere vicino ai cittadini aprendo le porte di entrami i suoi rami, Camera e Senato, a tutti coloro che interessa scoprire cosa c’è dentro i cosiddetti “centri del potere” di Roma. E anche questa possibilità – così come la visita del Palazzo del Quirinale – va presa in considerazione se si viene a Roma per turismo. Perché non serve essere invitati da un Deputato e/o un Senatore – sebbene sia ancora il metodo più veloce per accedere all’interno dei Palazzi – ma è sufficiente aspettare i giorni di apertura pubblica e seguire le indicazioni, leggermente diverse tra Camera e Senato.

Cominciamo, appunto, dalla Camera dei Deputati che si può visitare in occasione degli eventi  “Montecitorio a porte aperte”, con visite guidate di gruppo all’interno della sede parlamentare e concerti di bande militare sulla piazza prospiciente. La manifestazione viene programmata in genere la prima domenica del mese, comunque in date ben definite segnalate sul sito della Camera dei Deputati. Gli accessi sono permessi a partire dalle 10.30 alle 15.30 (orario di partenza dell’ultimo gruppo).

Palazzo_Montecitorio_Rom_2009

Di Manfred Heyde – Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=6423734

Come fare per accedere alla Camera:

  1. il giorno stesso dell’apertura (sul sito della Camera dei Deputati trovate le date aggiornate) dovete andare all’Infopoint della Camera dei Deputati  in Via Uffici del Vicario, angolo via della Missione. L’Infopoint apre alle 9.30 e qui potete prenotare il biglietto, collegato ad uno slot orario specifico tra le 10.30 e le 15.30, da scegliere a piacere in base alla disponibilità;
  2. ciascun adulto può chiedere il biglietto per sé e per un’altra persona, oltre ai biglietti per tutti i minori che lo accompagnano nella visita. Quindi se siete un gruppo di amici, ognuno di voi non potrà prenotare più di due biglietti, ricordatevelo e… mettetevi in fila!
  3. I biglietti sono gratuiti
  4. Una volta che avrete ottenuto i biglietti, dovete recarvi, 10 minuti prima dell’orario di visita, all’ingresso principale di Piazza Montecitorio dove verrete sottoposti ai controlli di rito (scan di tipo aeroportuale, in ogni caso ricordatevi i documenti di identità!).
  5. Attenzione: se arrivate in ritardo, perdete il diritto all’ingresso.
  6. Nel percorso di visita, si viene accompagnati da assistenti parlamentari che hanno anche il compito di fiornire le principali informazioni sul Palazzo e sul suo patrimonio storio-artistico.

Cosa si vede? Cosa comprende il percorso di visita?

  • l’Aula dei Deputati
  • il Transatlantico (è il lungo corridoio davanti all’Aula)
  • le scalinate del Bernini che portano ai piani superiodi del Palazzo
  • alcune sale di rappresentanza: Sala della Lupa (attualmente in corso di restauro e non visitabile), Sala Aldo Moro, Sala della Regina
  • eventuali mostre o esposizioni tematiche in corso

Diversa invece è la procedura se si vuole assistere ad una seduta della Camera dei Deputati:

  • bisogna recarsi nella Sala del Pubblico in Piazza del Parlamento n. 24 almeno ¾ d’ora prima che inizi la seduta, con un documento di identità valido; qui vi verrà dato un modulo da compilare e quindi si attende l’autorizzazione;
  • ottenuta l’autorizzazione, si deve andare in Piazza del Parlamento 25 dove, fatti i controlli di rito, si ottiene il biglietto di ingresso e si può accedere alle tribune destinate al pubblico;
  • non sono ammesse foto, riprese ed è richiesto un abbigliamento consono al luogo (per gli uomini, giacca e cravatta). Dovrete inoltre lasciare al guardaroba zaini, borse voluminose, cappotti, telefoni cellulari;
  • I minori di 14 anni non sono ammessi sulle tribune del pubblico;i ragazzi tra i 14 ed i 18 anni possono assistere solo se accompagnati da adulti;
  • una volta in tribuna, bisogna stare a capo scoperto e in silenzio, senza esternare approvazione/disapprovazione e rispettando tutte le indicazioni che vengono impartite dagli addetti della Camera.

Cattura

*****

Se visitare la Camera dei Deputati vi ha messo un certo appetito (d’altra parte, la visita si svolge a ridosso dell’ora di pranzo/merenda), nei dintorni di Piazza Montecitorio ci sono alcuni indirizzi romani che meritano tutta la vostra attenzione:

  • in Via Uffici del Vicario si aprono le vetrine di Giolitti, storica caffetteria-gelateria della città (buono il gelato alla nocciola, sebbene a mio parere l’ambiente sua un po’ troppo vecchio stile. In ogni caso, almeno un sguardo datelo, questo è uno di quei posti in cui è facile trovare politici e giornalisti);
  • sempre in tema gelati, in Via della Maddalena trovate una delle tanti sedi di Grom e la Gelateria della Palma, famosa per avere un’infinità di gusti mentre poco più avanti trovate Fiocco di Neve, altra gelateria sfiziosa. Per un caffè nello stile di Napoli (e sfizi salati come sartù, gateau di patate, pizze di pasta) l’indirizzo è il Gran Caffè La Caffettiera, in Piazza di Pietra.
  • Fame vera? Allora puntate verso Via di Campo Marzio e per l’esattezza in Vicolo Rosini: trovate la Trattoria Dal Cavalier  Gino, verace cucina romana-ciociara, oppure proseguite verso San Lorenzo in Lucina: in piazza della Torretta c’è l’Antica Focacceria San Francesco con street food siciliano di qualità.
  • La vostra è una fame low-cost? Puntate la zona di Fontana di Trevi (dall’altra parte di Via del Corso, in pratica) e qui troverete McDonald’s, pizzerie a taglio, paninoteche espresse per tutti i gusti e tutte le tasche.
Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *