Il bar dei gatti a Groningen, in Olanda

IMG_5113

Li avevo visti solo a Tokyo ma pare che ce ne siano anche a Parigi, Melbourne, Budapest e Londra: sono i Neko Cafè, i bar dei gatti, locali dove oltre a prendere un tè o un caffè, leggere e rilassarsi  si possono coccolare gatti e stare in loro compagnia. Gli amanti dei morbidi e flessuosi felini potranno trovare anche nella città di Groningen un bar dei gatti, un Neko Cafè – anzi, visto che siamo in Olanda, un Katten Cafè . Lo Op z’n Kop, questo è il nome, è un gradevole locale che si trova in pieno centro cittadino nella Oude Ebbingestraat 57: una volta all’interno, oltre a bere un caffè, sorseggiare un tè o assaggiare una fetta di torta appena sfornata, si potrà interagire con ben 6 gattini  che vivono nel locale, socievoli eben disposti a ricevere carezze e coccole.

Kattencafé

I gattini dello Op z’n Kop non sono mici blasonati, ma gattini sfortunati e/o abbandonati: i 6 gatti – Mies, Lientje, Joosje, Flip, Domien e Mr. Bojangles, questi i loro nomi – sono stati infatti selezionati tra i randagi del gattile di Groningen tra quello più tranquilli, non aggressivi e curiosi del contatto umano. Uno degli obiettivi del locale è anche di sensibilizzare i clienti sulla piaga del randagismo, dimostrando che adottare i gattini abbandonati rende la vita migliore a loro e a chi li adotta. Non per nulla, sembrerebbe che chi vive con un gatto in casa, con la possibilità di accarezzarlo e ascoltare le sue fusa ed i suoi miagolii, tragga vantaggi per la salute: una sorta di cura antistress a quattro zampe morbidissime!

Lo Op z’n Kop  è un caffè costruito a misura dei clienti umani ma soprattutto degli ospiti con la coda e le vibrisse, che possono giocare a nascondersi, arrampicarsi su mensole appese sul muro, accoccolarsi in deliziose cucce a loro misura.

Da “gattolica osservante” (la definizione non è farina del mio sacco, devo averla letta tanto tempo fa in un libro di cui non ricorso l’autrice) sono molto attenta al benessere dei gatti ed allo Op z’n Kop i mici non sono solo un richiamo per curiosi: l’attenzione è massima, i mici sono curati e accuditi e ci sono delle regole ferree che devono essere rispettate. I clienti di Groningen non possono svegliare i felini se stanno dormendo, non devono stressarli con coccole eccessive e nemmeno possono dar loro da mangiare, in quanto la loro dieta è attentamente bilanciata.

In ogni caso, il format Caffè dei gatti funziona e ben presto Groningen ospiterà un secondo locale “NeKo Café”, il Poeslief (“zuccherino”).

Dotje

Per entrare nel locale non ci sono tariffe di ingresso (ma una consumazione sarà ben gradita), a differenza dei Neko Café giapponesi dove non è inconsueto dover pagare un “biglietto”, anche piuttosto costoso,  per entrare. Oltre a funzionare come caffetteria, allo Op z’n Kop si può fare shopping a tema gattoso, con tazze, shopper, quadretti che riproducono la sagoma di un micio. E per  presentare al meglio le caratteristiche dei singoli gatti che abitano nel Caffè dei gatti Op z’n Kop di Groningen, sul sito web del locale sono state pubblicare le loro biografie con tanto di foto: molto più che gatti, delle vere star!

IMG_5109

Qualche informazione (davvero minima) su Groningen:

  • Groningen è nel nord dell’Olanda,è  una città universitaria ed è stata una delle prime città a dar vita,  attorno all’anno 1000, alla Lega Anseatica (unione commerciale tra città del nord Europa).
  • I canali circondano la zona storica della città, che è famosa per promuovere l’uso della bicicletta.
  • Il simbolo della città di Groningen è la Martinitoren, la torre di San Martino, insieme alla Martinikerk (chiesa di S. Martino) e al Grote Markt, la piazza del mercato grande.
  • Chi ama l’arte moderna e contemporanea troverà “pane per i suoi denti” al Groningen Museum, il cui bizzarro edificio (una serie di cubi e parallelepipedi fuori asse, coloratissimi e circondati da un laghetto) è opera degli architetti Alessandro Mendini, Michele de Lucchi insieme a Philippe Starck e Coop Himmelb(l)au.
  • Da Amsterdam, Groningen dista circa 180 km. e si può raggiungere in un paio di ore con il treno (si può fare un’escursione in giornata, la stazione ferroviaria non è troppo distante dal centro cittadino).

Per maggiori informazioni, utile il sito del turismo a Groningen  (con informazioni anche in italiano).

Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *