Cosa mangiare in Scozia?

Cosa mangiare in Scozia? La tradizione gastronomica e’ robusta e carnivora, adeguata a soddisfare chi, per secoli, ha tratto sostentamento da quello che offrivano pascoli e foreste. Quindi formaggi intensi che profumano di erbe e sanno di panna, cacciagione, carne di manzo allevato a erba e fieno, ovini che hanno ruminato su pascoli lontani da inquinamento e poi si’, tante patate, lesse, arrosto, fritte, in pure’!

image

Cosa mangiare in Scozia? Haggis!

Questo nell’entroterra, perché sulle coste e sulle isole scozzesi si possono scegliere piatti a base di frutti di mare, crostacei e pescato del giorno: in generale i prodotti della pesca sono molto diffusi e il salmone, affumicato con legni profumati, e’ squisito.

Per mangiare bene e tradizionale in Scozia una risorsa da non sottovalutare sono i pub, dove ci si va non solo per bere e stare in compagnia ma anche per un pranzo o una cena a costi inferiori di quelli di un ristorante. Non vi aspettate cucina raffinata ne’ dietetica, ma il confort food e’ assicurato!

Ad Edimburgo, così come nel resto della Scozia, c’è solo l’imbarazzo della scelta: pub più o meno storici, più o meno ben frequentati, con  arredi studiati o semplicemente vissuti e talvolta con tappezzerie che hanno assorbito odori di cucina, fumo, muffa. A proposito: oggi nei pub non si fuma più.

Ma cosa si mangia in Scozia in un pub? Cosa ordinare?

Secondo me ci sono dei piatti classici “da pub” a cui non si può rinunciare e che bisogna assolutamente provare. Tre sono gli irrinunciabili di un viaggio in Scozia: l’haggis con neeps and tatties (*);  il fish and chips, merluzzo fritto accomoagnato da patatine fritte,  si trova anche in Inghilterra, ma in Scozia il merluzzo e’ migliore e le porzioni pantagrueliche; le zuppe del giorno accompagnate da pane e burro da spalmare. E per dessert, un biscotto shortbread (**) da sgranocchiare sorseggiando un bicchierino di sherry.

image

Cosa mangiare in Scozia? Fish & chips

Anche il porridge di fiocchi di avena con miele e cannella, sebbene sia più adatto alla colazione che ad altri momenti, e’ un classico da assaggiare e io lo trovo perfetto per dessert.

Ma una vera cena scozzese non è completa se non è accompagnata da una birra, forte e aromatica, prodotta da uno dei tanti birrifici che si trovano nel territorio delle Highlands. Sulla birra fatemi aprire una parentesi: scordatevi i bei boccali gelati a cui siamo abituati: in Scozia (e in tutta la Gran Bretagna, sigh!) la birra viene spesso servita a temperatura ambiente: pare che così  si esaltino maggiormente  gli aromi

(*): da wikipedia – l’haggis  e’ un insaccato di interiora di pecora macinate e condite con grasso di rognone, cipolla e spezie a cui si aggiunge farina di avena e brodo. Con l’impasto si riempie uno stomaco di pecora e viene fatto bollire a lungo. Il sapore e’ buono, nemmeno troppo forte (e visto che si tratta di pecora il rischio che potrebbe essere) ed è con pure di patate e zucca. Una porzione e’ un pranzo completo (ma non così pesante come si potrebbe immaginare). Viene tradizionalmente servito con pure’ di patate e di zucca o rape

(**) lo shortbread è il tipico biscotto secco scozzese la cui ricetta prevede 1 parte di zucchero, 2fi burro e 3 di farina.

Claudia Boccini

2 Commenti

  1. Avatar
    Giovy luglio 04, 2016

    Il Fish & Chips in Scozia è buono ma per me il livello è come quello del resto del Regno Unito, porzioni comprese.
    A Londra non è così generoso ma nel resto dell’Inghilterra sì.
    Invece del merluzzo, spesso gli scozzesi usano l’eglefino (alias Haddock)… buono buonissimo. Mi fai venire una nostalgia immensa!
    Aspetta, però, di provare il Fish & Chips gallese (o quello dell’Isola di Man): vedrai che “sleppe” di pesce!

    Per quanto riguarda la birra, per me è proprio meravigliosa servita a temperatura ambiente.
    La Ale non ha bisogno di essere fredda ma fresca dà il meglio di sé.

    Reply
    • Avatar
      Claudia Boccini luglio 05, 2016

      La mia “educazione alla birra” nasce in Sudtirolo: fredda, freddissima meglio, ma capisco anche che… Paese che vai, usanza (e birra) che trovi, quindi mi adeguo!

      Reply

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *