Ristorante Fonte La Tavola Abruzzo gourmet

pentola1

Provare un’esperienza gastronomica di alta qualità a cavallo dei confini di Lazio ed Abruzzo, lontani da centri abitati di rilievo in un ristorante che o sai che c’è oppure nemmeno lo vedi, non è cosa di tutti i giorni. Ed è stato un vero caso se ci siamo fermati per pranzo al Ristorante Fonte La Tavola, sulla via Tiburtina all’altezza dell’uscita autostradale Carsoli della A24. Non un semplice ristorante ma qualcosa di più, in cui l’accoglienza, gli ambienti curati e piacevolmente vintage esaltano la capacità dello chef Carola De Santis di creare accostamenti singolari ed intriganti.

pentola2

Davanti al Ristorante ci saremo passati davanti almeno 200 volte, forse di più, diretti verso Carsoli o Tagliacozzo, le cittadine abruzzesi “a portata di scooter” da Roma, senza mai accorgerci del casale rosso circondato da un patio fiorito leggermente discosto dalla via consolare. Poi capita che per necessità ti fermi a far benzina dopo una delle nostre escursioni in scooter, tra le valli della Sabina sconfinando ripetutamente tra la provincia di Roma, quella Rieti e pure quella dell’Aquila. Una gita senza troppo senso logico se non quello di andare alla ricerca del fresco ma comunque del tutto scapestrata, in cui uno scooter Honda 400 si trasforma suo malgrado e per colpa del pilota e del navigatore, che non vedono un divieto di accesso, in una moto da enduro costretta a percorrere strade sassose non asfaltate e mezzo franate. E con la tensione di aver sbagliato strada, la paura di cadere e l’incubo di finire la benzina, alla fine un po’ di appetito lo senti per cui se davanti al distributore vedi un cartello “Ristorante Fonte La Tavola – Moderna Trattoria“, non ci pensi due volte e senza nemmeno consultare – come abitudine –  i siti di recensione di ristoranti prendi ed entri, pensando di trovare la solita trattoria di campagna senza pretese, giusto per riposarsi un attimo e mangiare un piatto di pasta veloce prima di riprendere la strada.

pentola13

Varcata la soglia ti rendi conto, invece, che devi resettare preconcetti e preclusioni, perché ti ritrovi in un ambiente curato, accogliente e luminoso, dove il bianco è il colore dominante ed in cui i mobili in stile shabby, i caminetti, i quadri con paesaggi lontani ed i meravigliosi, grandi lampadari di cristallo creano un salotto esclusivo. Complementi di arredo vintage – una Radio Marelli, lampade Liberty, alzatine e teiere di peltro, vasi di cristallo ed una piccola libreria completano le sale con i tavoli per gli ospiti. ma dove siamo capitati?

pentola12

Non pensate che al Ristorante Fonte La Tavola si badi solo all’apparenza e poco alla sostanza: appena ci siamo accomodati, ci sono stati portati i i menù e la carta dei vini – eccellente cantina, con etichette prestigiose nazionali e una buona scelta di qualità per quel che riguarda i vini abruzzesi –  e, come benvenuto, un amuse bouche delizioso, raffinato e semplice nello stesso tempo: un bignè di pasta choux riempito con una mousse di mortadella al pistacchio guarnita con semi di papavero.

Decidiamo di saltare gli antipasti e iniziare con i primi (in fondo, eravamo entrati nel ristorante per un piatto di pasta, no?) e quindi scegliamo tagliolini fatti in casa al ragù abruzzese per me (ben mantecati e saporiti, arricchiti da una abbondante spolverata di pecorino) mentre Francesco opta per un primo fuori menù, splendide linguine al purè di piselli con seppie scottate e bottarga.  Inutile dire che abbiamo avuto la conferma che non ci trovavamo in una semplice Trattoria!

pentolacollage1

Solo un piatto di pasta? Ma anche no! E allora ben vengano i secondi, morbidissimo guanciale di vitello brasato al vino Montepulciano d’Abruzzo accompagnato da cicoria dei campi e carrè di agnello alla brace su letto di patate sfogliate al forno, che confermano la qualità e la creatività della cucina.

Nella cucina del Ristorante Fonte La Tavola la chef Carola opera  assieme al marito Luca De Luca, artefice di piccoli capolavori di pasticceria mai banali, anche nei nomi. Francesco si sacrifica per assaggiare il dessert “ragione e passione“, un tortino morbido al cioccolato Valrhona, con cuore caldo e con granella di mandorle, accompagnato da crema al caffè servita in un contenitore realizzato con cioccolato. Per solidarietà di coppia, scelgo di sacrificarmi anche io e provo un altro particolare dolce, il croccante vintage (croccante come l’omonimo gelato di panna, fondente e granella di nocciola farcito con ripieno di amarene che ha accompagnato la mia adolescenza).  Credo che le foto siano abbastanza esplicative. Chicca finale, il caffè servito in adorabili tazzine di Limoges con il coperchio: adorabili!

pentolacollage2

Costo totale per due persone 83€, incluso il coperto, una bottiglia di Montepulciano d’Abruzzo La Cuvee dell’Abate delle Cantine Zaccagnini di Bolognano (alle pendici del Parco nazionale della Majella), una bottiglia di acqua, due caffè e tanta gentilezza!

Indicazioni utili:

Ristorante Fonte La TavolaModerna trattoria Via Fonte la Tavola 4 – Carsoli Oricola (Aq). Telefono 0863. 900094. Il ristorante ha il wi-fi a disposizione degli ospiti, parcheggio e si trova dopo l’uscita Carsoli dell’ autostrada A24, continuando sulla Piana del Cavaliere verso Oricola. Da Roma dista all’incirca 40 minuti di auto. Tutto intorno, le verdi montagne dell’Abruzzo.

pentola14

Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *