Schiaccia dolce di mele e amaretti

La schiaccia dolce di mele e amaretti non è un dolce da cena importante, ne’ da gara di cucina e men che meno da portare in dono alla suocera. E’ molto semplicemente un comfort food, che riempie di profumo buono la cucina e che vi coccola come un abbraccio affettuoso; un morso è una carezza, con due ritrovate il sorriso anche nelle giornate più ‘no’! D’altra parte, che non sono una food blogger ne’ tanto meno una cuoca capace, lo sapete. Nonostante ciò, mi piace parecchio cucinare in quanto è una vera attività creativa, dove le possibilità sono infinite tanto quanto gli ingredienti: le ricette si possono seguire alla lettera oppure modificare, stravolgere, innovare. Io sono per la sperimentazione in cucina, mi piace pasticciare ed una delle mie sfide più grandi è aprire il frigorifero (o il freezer) ed in base a ciò che trovo tirare fuori qualcosa di buono. E’ successo esattamente così (poco tempo, un dolce da preparare per il pranzo dell’indomani) anche con la schiaccia dolce di mele e amaretti, super veloce e che necessità di pochi ingredienti.

In dispensa avevo ancora la scatola  di amaretti che avevo trovato in una Degustabox (in un post di qualche tempo fa vi ho spiegato di cosa si tratta e perché l’aspetto ogni mese con curiosità), in frigo un eccesso di mele – che compro sempre per avere in frigo una scorta di frutta scarsamente deteriorabile, ma che alla fine non mangia nessuno! –  e nel freezer un paio di rotoli di pasta sfoglia che volevo assolutamente eliminare.

schiaccia dolce di mele e amaretti

La schiaccia dolce di mele e amaretti: ingredienti

Per preparare il dolce di mele e cannella ho sbucciato e tagliato a fettine non troppo sottili 5 mele rosse e croccanti, le ho cosparse di succo di limone per non farle annerire ed ho aggiunto un paio di cucchiaini di cannella in polvere e due cucchiai di zucchero di cocco, che ha il pregio di addolcire senza innalzare eccessivamente il picco glicemico e che per di più ha un ottimo sapore (io l’ho preso all’Esselunga, ma immagino che si trovi anche nei negozi bio). Dopo aver mescolato, per bene, ho messo in frigo per una mezz’ora ad insaporire.

schiaccia dolce di mele e amaretti finita

La schiaccia dolce di mele e amaretti quasi pronta per essere informata

Ho quindi srotolato la pasta sfoglia nella tortiera da 22 cm. di diametro lasciando sotto la carta forno con cui era avvolta (accortezza importante se non utilizzate una teglia apribile) ed ho accuratamente sbriciolato con il frullatore metà della scatola di amaretti da 200 gr. (non sono troppi, altrimenti che dolce di mele e cannella sarebbe?) versandoli nella tortiera. Questo per un duplice motivo: danno sapore e aiutano a raccogliere il succo che le mele producono in cottura. Sopra le briciole di amaretti ho fatto ancora uno strato con gli amaretti rimasti. Ho aggiunto quindi le mele scolate dal liquido ed ho coperto con il secondo disco di pasta sfoglia, sigillando per bene i bordi con l’aiuto di un velo d’acqua. Importante: punzecchiate con i rebbi della forchetta il disco superiore, per far uscire il vapore ed evitare che il ‘coperchio’ si rompa.

Ho messo in forno (160° con forno ventilato) per 40 minuti e ho sfornato, togliendo la schiaccia dolce di mele e amaretti dalla teglia con l’aiuto della carta forno e facendola freddare molto bene prima di assaggiare. La stessa schiaccia si può preparare anche con le pere (anziché la cannella metteteci riccioli di cioccolato fondente) oppure con le pesche. Alla marinata della frutta si può anche aggiungere un paio di cucchiai di liquore dolce, se vi piace. La schiaccia dolce di mele e cannella non è vegana, non è dietetica, non è ipolipidica (*) ma è veloce da fare, non occorre pesare nulla e soprattutto è buona!

schiaccia dolce di mele e amaretti

La schiaccia dolce di mele e amaretti finita

(*) può diventare più ‘sana’ se anziché acquistare la pasta sfoglia già pronta, avete la pazienza di farvi la base da soli, in modo da limitare i grassi.

Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *