A Roma prova le fettuccine del ristorante Mattarello

Può un manifesto visto in metropolitana essere tanto potente da spingerti una domenica mattina a trascinare il tuo compagno e i suoi parenti nelle vie assolate di una Roma estiva, alla ricerca della trattoria-ristorante pubblicizzata? E può la trattoria-ristorante di cui sopra rivelarsi talmente valida (e, ammettiamolo, pure inaspettatamente valida, perché il fatto che un ristorante abbia bisogno di un simile schieramento di pubblicità per attrarre clienti qualche dubbio me lo aveva fatto venire), da farti giurare pubblicamente che sì, al ristorante Mattarello ci voglio tornare di sicuro e ne parlo pure sul blog e lo consiglio agli amici che cercano la cucina romana? Succede se oltre al nome, al manifesto, alla pervasività e attrattività della pubblicità c’è la sostanza. E al ristorante Mattarello, che offre cucina romana e che ha il suo caposaldo nelle ‘tagliatelle ‘gnoranti‘, di sostanza ce n’è davvero parecchia, sia come proposte del menù che come porzioni!

Mattarello pubblicità metro

Il Ristorante Mattarello è in realtà una catena di ristoranti ed ha scelto di aprire i suoi locali in alcuni quartieri romani non propriamente turistici: non sono periferici ma nemmeno centrali (ma sono ben collegati con i mezzi pubblici) per cui scordatevi di trovare i locali del Mattarello dalle parti del Colosseo o accanto al Vaticano! Al momento a Roma ci sono 5 ristoranti Il Mattarello, in zona Aurelia, Boccea, Tuscolana, Magliana, Parioli e nella foto, trovate tutti  gli indirizzi e i telefoni.

manifesto

Noi abbiamo provato il locale di Via dei Quintili, una traversetta a poche centinaia di metri da Porta Furba, nella zona meno commerciale di via Tuscolana. Scordatevi la Roma chic e modaiola, qui siamo in una zona popolare della città, dove non ci sono palazzi barocchi ma palazzoni e palazzine costruite nel periodo del boom economico, i cui intonaci sono spesso trasformati in tele per graffiti colorati e street-art. Il luogo giusto per aprire un ristorante-trattoria legato alla tradizione romana, con i tavoli di legno coperti dalle immancabili tovaglie di carta paglia e una piccola terrazza dove in estate si aprono gli ombrelloni per cene al fresco. E proprio come una vecchia trattoria romana, alla sera si accende il forno e c’è la possibilità di ordinare pizze.

IL Mattarello 1

Ma secondo me (ed anche secondo Francesco e tutto il parentado), quello che davvero fa la differenza sono le fettuccine, tirate a mano come una volta, tagliate belle larghe e con una sfoglia alta capace di assorbire bene il sugo ed i condimenti, fettuccine cotte al dente e che restano ‘sostanziose’ sotto ai denti. Un piacere assaggiarle e un dispiacere terminarle, anche se va detto che le porzioni sono davvero esagerate (ogni porzione è da 220 gr. di pasta a crudo, il che significa che con un piatto di fettuccine ci si mangia tranquillamente in due a meno di non voler puntare sul piatto unico). Fettuccine condite generosamente con sughi della tradizione romana e laziale – amatriciana, arrabbiata, pecorino romano e guanciale, cacio e pepe, pomodoro e parmigiano (ops, dovrei dire parmiggiano!), con tonno e olive, alla siciliana con melanzane e capperi. Per chi non può (o non vuole) assaggiare le fettuccine, è disponibile la pasta ‘normale’, comunque cucinata al momento (ed infatti vi avvertono che dovreste aspettare circa 20 minuti!).

IL Mattarello 3

Noi abbiamo scelto diversi piattoni di fettuccine: semplici con pomodoro e parmigiano, alla siciliana, alla carbonara (indovina chi? No, non sono io :) ) e la cacio e pepe. Tutte buonissime, in assoluto la medaglia va alla cacio e pepe – che già preparare la pasta ‘normale’ con questo condimento non è esattamente una passeggiata ed il rischio che si incolli tutto è sempre dietro l’angolo –  che aveva la giusta cremosità pur mantenendo intatta la consistenza della fettuccina: tu, cuoco del ristorante Mattarello di Via dei Quintili, devi essere proprio bravo!

IL Mattarello 4

Dopo le fettuccine, quasi impossibile proseguire con altre pietanze: ci siamo limitati ad un assaggino di fritti, chi un filetto di baccalà, chi un fiore di zucca ripieno, chi una ciotolina di zucchine julienne in pastella. Ad accompagnare il tutto, acqua e vino bianco della casa, bevibile e portato al tavolo in un vecchio fiasco impagliato (mi piacciono tanto, i fiaschi, un vero peccato aver gettato tutti quelli che avevo). In ogni caso, il ristorante Mattarello ha anche una piccola cantina, con diverse etichette anche di pregio.

Parliamo ora di costi: a mio parere, sono assolutamente imbattibili! Un piatto(ne) di fettuccine costa tra 9,90 e 11,90; i secondi – sempre serviti con contorno – partono da 9,90€ (petto di pollo, hamburger) a salire e se siete amanti della carne è possibile scegliere anche bistecche di Black Angus; gli sfizi fritti varano tra i 2,50 e i 4,50. Dolci e dessert tra i 4 ed i 5€.

IL Mattarello 5

Un altro punto a favore – almeno nel nostro caso – è stata la cordialità dello staff, la grande attenzione al cliente e l’infinita pazienza. Perché sopportare una cliente rompiscatole e curiosa come me non è semplice, una che ti chiede per filo e per segno come nasce il locale, chi c’è dietro la compagine societaria (sì, è una catena, ci sono soci che seguono i singoli locali), che genere di clientela frequenta il locale (giovani e meno giovani, accomunati dal piacere di mangiare bene), quanti piatti di tagliatelle vengono serviti di media ogni giorno (anche 70-80, ma spesso di più!), quanti locali ci sono a Roma e in Italia e all’estero (sono 5, solo a Roma, ma a settembre dovrebbe aprire un ristorante Il Mattarello anche in Olanda, a ‘s-Hertogenbosch, nel Brabante settentrionale), come bisogna fare per prenotare (per telefono oppure direttamente via web dal sito). Insomma, in altre situazioni mi avrebbero mandato a… mangiare le tagliatelle direttamente a casa, altro ché!

Per altre informazioni: Mattarello (il sito si carica con un po’ di lentezza, vi avverto)

IL Mattarello 2

Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *