Tempo di blog: come trovare le idee per i post

Dopo il post su Come ottimizzare i tempi per scrivere sul blog, vi racconto come trovo le idee per i post e riesco (quasi sempre) ad accendere la luce anche quando la lampadina delle ispirazioni è temporaneamente fulminata o scarseggia il materiale. Anche qui, premessa indispensabile e necessaria: vi sto raccontando il mio metodo, che come sempre è ‘tagliato’ su misura per me e quindi – poiché ciascuno di noi ha caratteristiche diverse e ogni blog ha un taglio specifico – non è detto che funzioni per voi o che vi sia utile. In ogni caso, poiché sono convinta che la condivisione delle idee migliora sempre la conoscenza e le abilità e sono sicura che il vostro metodo/sistema per trovare idee per i post funziona meglio di quello che uso io, vi invito a leggere ma soprattutto a raccontarmi, nei commenti, di come voi trovate le vostre idee e ispirazioni.

Premessa:

la Bussola e il Diario è un blog di viaggi, o travel blog che fa molto più international – anche se io più che una travel blogger preferisco definirmi una narratrice con la valigia, perché quello che mi piace più di ogni altra cosa è scrivere e raccontare. I viaggi sono il core business (*) dei post che scrivo e quindi per avere materiale è fondamentale che io viaggi spesso. All’estero, certo, ma anche in Italia dove ci sono migliaia di piccoli borghi, un patrimonio storico e culturale unico al mondo, montagne imponenti e un mare che spesso è più bello di tanti paradisi tropicali – e qui penso alla Puglia, alla Sicilia, alla Sardegna ma anche ad alcune zone della mia Toscana. Perché – questo è fondamentale –  non si può avere un blog di viaggi se non si viaggia o non si conosce il proprio territorio, uno di cucina se non piace per nulla mangiare o parlare di cibo (ma in compenso si può non saper cucinare!), uno di moda se non si conoscono i principali brand. Bisogna avere, insomma, un minimo di competenza e di propensione per il tema che si è scelto di sviluppare (sappiatelo: io non vi parlerò mai di sport e viaggi attivi, semmai lascio questo compito a Francesco!).

la piramide degli argomenti

Tuttavia viaggiare, per quanto si voglia e si possa farlo in modo spartano ed economico (e non è il mio caso, se seguite il blog lo sapete) ha comunque un costo ed impegna tempo che spesso non si ha (io per viaggiare devo prendere ferie dal lavoro, ed una volta finite… stop!) per cui devo ‘cogliere l’attimo’ e cercare di trarre quanto più materiale possibile da ogni occasione in modo da scongiurare il rischio, sempre dietro l’angolo, di non avere argomenti su cui scrivere. E devo anche cercare di sviluppare quanto più possibile tutto ciò che ruota attorno al tema principale, in modo da non limitarmi a pubblicare solo post di viaggio ma cercare anche argomenti correlati che possano arricchire il blog.

Per restare in tema travel blog, non bisogna infatti mai dimenticare che un viaggio è unico ma è fatto di infiniti dettagli, che a loro volta possono trasformarsi in altrettanti singoli post. Ma così succede anche per un food blog (ricette, ingredienti, chef, materiali, accessori, strumenti, ecc.), per un mommy blog (qui gli argomenti sono infiniti, credo che non servono nemmeno esempi), per un techno blog (software, hardware, novità, marche e aziende, comparazioni, the best of…), per un healthy blog (tecniche di rilassamento, retreat, tecniche olistiche, esercizi, palestre, abbigliamento, alimentazione, ecc.), idem per un fashion blog (outfit, marche, accessori, tessuti, abbinamenti, eventi, artigianato di eccellenza, siti di shopping, ecc.) senza parlare dei lifestyle blog che sono un po’ un mix di tutto. Insomma, in caso di crisi da argomenti su cui scrivere post, fermatevi e pensate a tutto ciò che gira attorno al tema principale del vostro blog prendendo appunti.

Poi, volendo, ci potete pure fare la mappa mentale – io uso il programma Mind42, facile, intuitivo e soprattutto gratuito, che permette di esportare il lavoro fatto. Ma quello che a mio parere è importante, al di là della forma, è che abbiate la consapevolezza che attorno ad un singolo tema possono girare tanti altri argomenti che equivalgono ad infiniti post (e mi raccomando: come a scuola, cercate di non andare troppo fuori tema!).

Trovare le idee per i post: alcuni esempi tratti dal mio blog :

  • gli itinerari di viaggio (un report completo e dettagliato, pieno di informazioni utili, con mappe e indicazioni)
  • l’organizzazione pratica del viaggio (post tematici: auto, valigie, trasporti, biglietti, aeroporti, compagnie aeree, stazioni, migliore stagione per viaggiare, abbigliamento di viaggio, ecc.)
  • i racconti  di viaggio (episodi e aneddoti vissuti)
  • i percorsi culturali classici e/o alternativi (dove trovare artisti e creativi, le gallerie d’arte, i centri culturali, ecc.)
  • le visite ai musei (informazioni sulle collezioni, sui musei per bambini e per famiglie, sui musei innovativi ed insoliti, ecc.)
  • i giardini, i parchi e le riserve (perché visitarli, particolarità, itinerari e sentieri, visite guidate, flora e fauna, ecc.)
  • le persone incontrate in viaggio (interviste, biografie, ecc.)
  • tradizioni tipiche locali:
  • i libri e le guide di viaggio (recensioni, selezioni, proposte)
    • esempio di recensione: I Viaggi Naturali, di Andrea Ferraretto (tra l’altro, un libro che può essere utilizzato anche come guida di viaggio, se vi capita leggetelo);
  • lo shopping in viaggio (negozi particolari dove acquistare, creativi locali, cosa portare in regalo a… da…, le migliori aziende artigiane di una località, i mercati locali e caratteristici, ecc.)
  • la cucina tipica e locale (recensioni di ristoranti, prodotti di eccellenza, ricette tipiche, ricette etniche, negozi specializzati, cantine, birrerie, pasticcerie, ecc.);
  • gli indirizzi speciali:
  • gli hotel e le strutture alloggiative (recensioni di hotel, B&B, alloggi alternativi; i migliori hotel di…; gli hotel speciali, ecc.)
  • consigli di viaggio specifici per target di utenti (famiglie, coppie, adulti, diversamente abili, nonni, LGTB, ecc.)
  •  gli eventi e le manifestazioni locali (feste, sagre, appuntamenti ricorrenti)
  • le offerte di viaggio e le presentazioni di servizi innovativi (sconti e promozioni di compagnie aeree e società ferroviarie – iscrivetevi alle loro newsletter dedicate alla stampa o chiedete che vi vengano inviati i comunicati stampa per avere informazioni in anteprima ed occhio, che tendono a riempirvi la casella di posta elettronica quindi meglio se vi create un account mail riservato solo ai comunicati stampa ed alle newsletter!)
  • piccoli progetti creativi (che a dir la verità c’entrano pochissimo con i viaggi, ma io mi diverto troppo a creare e pasticciare con lana, carta, colori, quindi abbiate pazienza!)
  • e così via!

La strategia è semplice: si individua un argomento principale, quelli correlati e si specificano i singoli dettagli. Anche qui è importante dotarsi di uno strumento  su cui appuntare i temi individuati e gli argomenti (=post), annotando i titoli in bozza con qualche dettaglio (la famosa ‘scaletta’ di cui vi parlavo nel post precedente, vi ricordate?) che verranno poi sviluppati in un momento successivo.

Per individuare gli altri argomenti collegati al tema principale del vostro blog potete provare a focalizzare le idee con questo schema a piramide rovesciata da riempire (come sempre si può scaricarlo cliccando sulla foto con il tasto destro del mouse e poi salvare come immagine) pensando non ad un generico blog ma proprio al vostro blog, alle vostre esperienze, alle vostre competenze e, non ultime, alle vostre passioni.

Io consiglio prima di riempire il triangolo in basso con l’argomento principale del  blog per poi aggiungere, sezione dopo sezione, gli ulteriori argomenti che si possono trattare, procedendo da quelli più strettamente correlati al tema principale a quelli che sì, insomma, c’entrano ma non bisogna abusare a scriverne (vedi i miei post sul DIY! :) ) per non snaturare del tutto il blog e trasformarlo in un contenitore dove c’è di tutto un po’. E non è necessario compilare tutti i livelli: potreste decidere che il vostro blog ha solo un ulteriore argomento collegato al tema principale.

Ah, mi raccomando: ricordatevi di scrivere nei commenti come trovate (o come nascono) le vostre idee e ispirazioni per i post!

la piramide degli argomenti da riempire

  • (*) l’attività principale
Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *