Incomparabili le Gorges du Verdon!

C’è un angolo di Provenza – meglio, di Alta Provenza – dove i fiumi  hanno il colore dei turchesi, le strade si inerpicano tra rocce scoscese e in una goccia di azzurro intenso scivolano lente piccole canoe colorate. Siamo nel territorio delle Gorges du Verdon, forse quanto di più distante dell’iconografia provenzale fatta di lavanda e piccole abitazioni dai colori pastello: qui gli infiniti panorami riescono ad essere struggenti e selvaggi allo stesso tempo e una gita giornaliera alle Gorges du Verdon è una validissima alternativa naturalistica alle visite culturali delle belle città provenzali, soprattutto quando l’estate è calda e si ha voglia di un po’ di refrigerio.

Francia Provenza Gorges 14

Le Gorges du Verdon offrono piani di visita diversi, adatti a tutte le età ed a tutti gli stili di vita: sono il paradiso degli escursionisti e degli sportivi ma anche dei motociclisti, delle famiglie e dei bagnanti: una zona attraversata da quello che è un vero e proprio canyon, scavato nel corso dei secoli dal Verdon, piccolo corso d’acqua dall’incredibile colore azzurro tiffany ma con una portata d’acqua imponente, tra i 2.000 ed i 3.000 metri cubi al secondo, un flusso continuo e ininterrotto capace di erodere il letto calcareo del fiume (e il colore particolare è proprio dovuto al letto del fiume, chiaro).

Francia Provenza Gorges 10

Il fiume Verdon nasce in Val d’Allos, sulle Alpi Francesi e scorre in mezzo a pareti scoscese e profonde (le Gorges raggiungono anche i 700 metri di profondità) e verdi pendii a cavallo tra il territorio delle Alpi – Alta Provenza e quello della Var, fino a sfociare nella Durance di cui è affluente. Nel percorso, crea diversi laghi tra cui il grande bacino del Lac du St.Croix (superficie di 22 kmq, è un lago artificiale nato a seguito dello sbarramento del Verdon per trarne energia elettrica), che è a valle delle Gorges du Verdon e che assume le medesime sfumature azzurre del fiume, sebbene meno intense.

Francia Provenza Gorges du Verdon 6

Nelle belle giornate d’estate il lago è davvero invitante con le sue spiaggette e sono tanti coloro che si fermano a prendere il sole sulle sue sponde, a fare un bagno o ad esplorarlo con un’escursione in canoa. Sainte-Croix-du-Verdon, Bauduen e Les Salles-sur-Verdon sono i borghi che si affacciano sul lago, punto di riferimento per hotel, piccoli auberge e ristoranti. Molto caratteristico il piccolo borgo di Moustiers Sainte-Marie, conosciuto anche per i suoi negozi e laboratori di ceramica che proseguono l’arte della faïence, tecnica che nel corso del 18° e del 19° secolo ha conosciuto un grande apprezzamento alla Corte di Parigi, ed il piccolo museo della ceramica, il cui ingresso costa 3€.

Francia Provenza Gorges 12

Tuttavia il consiglio che posso darvi è di non fermarvi troppo al Lac du St. Croix e limitarvi a vedere le Gorges du Verdon solo ‘dal basso’ ma di seguire l’itinerario che da Moustiers Sainte-Marie porta a scalare le montagna costeggiando dall’alto il corso del Verdon: la strada da seguire è la Route de Moustiers (D952), una strada piuttosto impervia che segue quasi sempre il corso del Verdon ed ha alcuni punti sosta da cui il panorama è decisamente affascinante. Per la sua conformazione a curve, tornanti e gomiti stretti la strada è molto amata dai motociclisti per cui fate attenzione, potrebbero giungere in senso contrario all’improvviso. Dopo 20 km. di guida abbastanza impegnativi e paesaggisticamente entusiasmanti, la strada arriva su un altopiano a 935 metri s.l.m. dove si trova il piccolo paese di La-Palude-sur Verdon (conta fissi solo 321 abitanti!) dove ci sono strutture alberghiere, bar, ristoranti, negozi e – importante! – un piccolo distributore di carburante.

Francia Provenza Gorges 13

Non ho sottolineato a caso la possibilità di fare rifornimento, perché da La-Palude-sur Verdon parte la bellissima e scenografica Route des Cretes,  una strada panoramica stretta e selvaggia che attraverso un lungo un percorso circolare vi porterà a scoprire alcuni dei punti più belli da cui osservare le Gorges du Verdon, passando in mezzo a boschetti di conifere, zone aride e sassose e costeggiando canaloni da brivido, dei veri orridi a strapiombo. Da segnalare tra i tanti punti panoramici il belvedere di Trescaire e quelli mozzafiato de la Carelle, de la Dente d’Aire, du Tilleul e de Guègues: vi avverto: in alcuni casi se soffrite di vertigini potreste avere problemi, perché i piccoli balconcini ricavati nella roccia e protetti da una balaustra neppure troppo alta, sono letteralmente protesi nel vuoto.

Francia Provenza Gorges 11

Noi abbiamo raggiunto la zona delle Gorges du Verdon partendo da dalla nostra base di Aix en Provence: abbiamo seguito la A51 che corre lungo la valle della Durance quindi ci siamo spostati sulla D6 fino a Valensole (vedi post sulla lavanda provenzale) e quindi abbiamo proseguito in direzione dei paesi di Riez, Roumoules e Moustiers Sainte-Marie. Oggettivamente, con il senno del poi, aver voluto concentrare in una sola giornata tutto l’itinerario è stato abbastanza limitante non tanto per la distanza – sono 130 km., circa 2 ore e mezza di viaggio, quanto per l’impossibilità di dedicare più tempo alle visite e alle attività balneari e sportive. Sarebbe assai meglio avvicinarsi alle Gorges du Verdon programmando una notte in una delle cittadine dell’Alta Provenza (perfette Manosque o Valensole) e dedicando tutto il secondo giorno all’itinerario naturalistico, con sosta pomeridiana sul lago per un giro in canoa.

Francia Provenza Gorges du Verdon 3

Informazioni utili:

  • Se volete pernottare vicino al Lac du Saint Croix, dopo Moustiers Sainte-Marie c’è il Camping Le Mulin, che oltre ad avere piazzole per tende in mezzo al bosco affitta anche case mobili e bungalow (costi validi, all’incirca 120€ per una notte in mobil-home da 6 posti, soluzione pratica per famiglie e gruppi di amici);
  • Sul Lac du St.Croix sulla Plage du Galetas è possibile noleggiare canoe, pedalò, piccole imbarcazioni elettriche. Insieme alle canoe, oltre al giubbotto si salvataggio da indossare obbligatoriamente ed alle pagaie, viene consegnato anche un contenitore ermetico galleggiante dove inserire i vostri beni per evitare che si bagnino o cadano in acqua. Sulle rive del lago ci sono più punti noleggio. Il costo per una canoa a due posti  è di 14€ l’ora, 24€ per 2 ore;
  • E’ anche possibile praticare parapendio – anzi, la pista di atterraggio degli aquiloni giganti è proprio sulla riva del  Lac du St.Croix  – e fare acqua-trekking per scoprire da vicino le gole entro cui scorre il fiume Verdon. Come riferimento vi lascio il sito di Verdon Passion, associazione che si trova a Moustiers Sainte_Marie;
  • Le pareti rocciose delle Gorges du Verdon sono anche una palestra naturale per arrampicatori e rocciatori;

Per ulteriori informazioni sulla Provenza:  http://www.provenzafrancia.it

Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *