Ecco i dolci olandesi che piacciono di più!

No, non ci sono solo gli stroopwafel, anche se spesso tutto inizia da loro. Impossibile resistere a questi dischetti croccanti ripieni di crema al caramello diventati il simbolo della pasticceria olandese che per la loro compattezza e la facilità di essere messi in valigia, sono perfino diventati un souvenir apprezzato da tutti i turisti che visitano i Paesi Bassi (e poi, le cialde ripiene di crema al caramello sono davvero buone!). La pasticceria olandese è in realtà piuttosto ricca e variata, come appunto può esserlo la gastronomia e la cultura culinaria in una Nazione che ha avuto contatti con Paesi del lontano Oriente ed una tradizione mercantile consolidata e riconosciuta da secoli. Va detto però che i dolci olandesi sono generalmente molto dolci, spesso pieni di panna o comunque da questa accompagnati, talvolta con spezie e di frequente utilizzano il cioccolato (il cacao in polvere, la materia prima, è una delle eccellenze della produzione alimentare olandese).

Ma, appunto, tra i dolci olandesi non ci sono solo stroopwafel e nelle diverse province olandesi i forni e le pasticcerie sfornano quotidianamente torte, biscotti, pasticcini. Ma quali sono i dolci olandesi più famosi o conosciuti e, soprattutto, quali mi sono piaciuti di più?

Uno dei dolci olandesi generalmente apprezzati sono i Tompoes, che altro non sono che tranci di pasta sfoglia farciti con crema alla vaniglia e quindi ricoperti con uno spesso strato di glassa colorata a base di zucchero (e in alcuni casi viene aggiunta, come decorazione, un buon quantitativo di panna montata). La glassa è generalmente rosa ma negli ultimi anni è diventata abitudine comune decorare i Tompoes con una glassa arancione nel giorno della festa del Re (cade ogni 27 aprile). Vi ricordate? L’arancio è il colore simbolo della Nazione, perfino i calciatori della nazionale olandese indossano maglie di questo colore e spesso troverete questo colore associato ai momenti di festa nazionale. Il motivo? Presto detto: i reali olandesi sono della Casata d’Orange e da qui la predilezione per il vivace colore. Ma torniamo a parlare di Tompoes: tra pasta sfoglia, crema e glassa il sapore tende ad essere quasi stucchevole e se non si amano i dolci troppo dolci, viene consigliato di assaggiare il trancio di Tompoes insieme ad una tazza di caffè. Noi abbiamo provato i dolci Tompoes nel piccolo borgo di Moddergat: i dolcetti erano di dimensioni ragguardevoli e quindi noi ne abbiamo condiviso uno in due.

tompoes

CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=362413

Altri dolci olandesi tipici, che è possibile assaggiare pressoché ovunque e che mi sono particolarmente piaciuti, sono:

  • Pannenkoek: sebbene sia simile nella forma al pancake, difficilmente troverete il Pannenkoek al tavolo del buffet della colazione. Semmai, il pannenkoek è più uno spuntino spezzafame, da metà mattina o metà pomeriggio. Anche gli abbinamenti sono insoliti: pare che il modo migliore per gustarlo sia fritto con il bacon e coperto con lo sciroppo di caramello (lo stroop) o con frutta. Non leggerissimo, in ogni caso.
  • Poffertjes: sono mini pancake morbidi (viene aggiunto del lievito) serviti con burro e zucchero. Sono i classici dolcetti ‘uno tira l’altro‘ e spesso si trovano in vendita ai chioschi delle fiere. Assaggiati a Leida il giorno della Festa del Re.
  • Vlaai: la ricetta nasce nel Limburgo (ed infatti uno dei nomi con il quale questa torta viene chiamata è Limburgse vlaai) ed è una torta bassa che assomiglia nell’aspetto ad una crostata. L’impasto è sottile e la farcitura a base di ripieni di frutta, crema al burro o crema pasticcera viene ricoperta da una grata di pasta con caratteristiche losanghe.
  • Ontbijtkoek: è un dolce dal nome complicato, dal sapore speziato (ricorda il pan di zenzero), che generalmente viene servito a colazione. La ricetta è semplice ma prevede un lungo tempo di riposo dell’impasto prima della cottura. Tra gli ingredienti di base la farina di segale, il miele, lo zucchero semolato e di canna e poi tante spezie: zenzero, cardamomo, cannella, noce moscata, anice, chiodi di garofano e pepe nero. Insolito ma buono A me è piaciuto con il tè).
  • Speculaas: biscotti alle spezie, caratteristici delle festività natalizie ma spesso accompagnano anche la tazzina di caffè nei bar e sono particolarmente versatili. In alcuni casi si trasformano in golosità imbattibili, come i dolcetti a base di pasta per speculaas  farciti con pasta di mandorle (in questo caso si chiamano gevulde speculaas).
Vlaai alle ciliegie

CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=5991667

Altri dolci olandesi da provare sono il broodpap (una zuppa cremosa di pane e latte, aromatizzata alla cannella); il griesmeelpudding (budino di semolino al latte e vaniglia, guarnito con frutti rossi o marmellata); la torta spekkoek (caratteristici i numerosi strati che la compongono e con tante spezie esotiche: probabilmente una ricetta nata al tempo in cui l’Olanda aveva Colonie in Asia).

Ancora, un dolce assolutamente da assaggiare se andate a ‘s Hertogenbosch è golosissima Bossche Bollen, ma per saperne di più seguite il link, che tra tutti i dolci per la sua squisita bontà si è guadagnata un post tutto per lei!

Per maggiori informazioni (in italiano) sull’Olanda,  potete visitare il sito dell’Ente del Turismo olandese. Potete anche leggere i numerosi post che ho scritto su questa bella Nazione semplicemente inserendo la parola chiave ‘Olanda‘ nella finestrella ‘Cerca sul blog‘ qui a destra.

Poffertjes-Melkhuis_(cropped)

Di Illustratedjc – Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=41439411

Claudia Boccini

4 Commenti

  1. Avatar
    Elena, La Casetta del Merlo febbraio 04, 2018

    Sto programmando un viaggetto ad Amsterdam, per il prossimo autunno, e da golosa prendo nota! Grazie Claudia, per questo e tutti gli altri tuoi post, che leggo sempre con molto interesse. A presto, Elena

    Reply
    • Avatar
      Claudia Boccini febbraio 05, 2018

      Grazie mille per la tua fiducia, Elena!SE hai bisogno di info specifiche sull’Olanda, chiedi senza alcun problema (la conosco abbastanza bene)
      Buon lavoro e… leggerti è sempre molto piacevole anche per me!
      Claudia

      Reply
  2. Avatar
    Monica gennaio 30, 2018

    Voto Ontbijtkoek: per lo zenzero e i lunghi tempi di riposo prima della cottura (visto che sono intollerante al lievito).

    Reply
    • Avatar
      Claudia Boccini gennaio 30, 2018

      io il mio voto top l’ho assegnato alla Bossche bollen: non c’è lievito, poca farina ma tanta panna e cioccolato, sì! :)

      Reply

Leave reply

Fare clic qui per annullare la risposta.

Your email address will not be published. Required fields are marked *