Il Cimitero di Guerra del Commonwealth di Roma

Non ci arrivi per caso, anzi. E’ uno di quei luoghi di Roma che scopri solo se ci abiti vicino, se sei un appassionato di storia oppure se – come nel nostro caso – ci arrivi con una visita guidata. E’ il Cimitero di Guerra del Commonwealth di Roma, un angolo quieto della città a due passi da Porta San Paolo e dalla Piramide Cestia, in cui hanno trovato sepoltura i soldati inglesi, scozzesi, irlandesi, gallesi, canadesi, australiani, neozelandesi e perfino indiani che hanno perso le loro vite nel corso dei combattimenti della seconda guerra mondiale, la gran parte deceduta nel corso delle operazioni di guerra connesse all’ingresso delle truppe alleate in Roma il 4 giugno 1944.

??????????

La liberazione di Roma viene celebrata spesso come un momento gioioso – avete presente i cinegiornali d’epoca che mostrano le camionette piene di militari che entrano in un città stremata e distrutta tra due ali di folla festante? –  ma prima della festa c’è stata la battaglia con morti e feriti, dolore e strazio ed è anche grazie a questi giovani, le cui tombe sono di una semplicità commovente e per questo ancor più struggenti, che  – che hanno trovato sepoltura in una città lontana dal luogo in cui erano nati.

cimitero commonwealth 7

Ne’ io ne’ Francesco, che conosce la zona di Ostiense e Testaccio assai meglio di me – avevamo mai sentito parlare di questo luogo di pace, sebbene sia a due passi dal traffico della via Ostiense e dal ben più famoso Cimitero Acattolico. Perché il Cimitero di Guerra del Commonwealth di Roma è un luogo discreto e sobrio, si trova in una via leggermente defilata e  dall’esterno le tombe più che sepolcri spaventosi paiono soldati in formazione e se si sbircia tra le sbarre della cancellata si intravede, oltre al tempietto circolare che fa da ambulacro, la pineta, una croce bianca che si erge sul prato verde curatissimo (un vero ‘prato all’inglese‘) e sullo sfondo le antiche mura aureliane. Ci si dimentica quasi dei cippi funebri, a dir la verità, tanta la serenità del luogo.

cimitero commonwealth 4

Abbiamo scoperto il Cimitero di Guerra del Commonwealth di Roma insieme alle guide dell’Associazione Tuscola, con una visita guidata gratuita organizzata in occasione dell’evento Open House Roma (che apre al pubblico ville, luoghi d’arte e di creatività, studi di architetti, palazzi romani e organizza tour tematici) come completamento di una visita guidata al Museo della Via Ostiense a Porta San Paolo. Il Cimitero di Guerra del Commonwealth di Roma si trova in Via Nicola Zabaglia e vi si accede entrando nel tempietto circolare  con colonne – ricorda in piccolo un Pantheon – nel cui centro vi è il sacrario con i nomi dei soldati defunti che vi sono seppelliti mentre tutto attorno alle pareti una scritta – sia in inglese che in latino – rammenta che i soldati defunti hanno donato le loro vite per riportare la libertà in Italia e rinnovare il legame di antica amicizia che legava gli italiani ed i britannici:

“These soldiers of the British Commonwealth gave their lives to preserve liberty and by their sacrifice restored the liberty of Italy and the ancient friendship of italian and british people – 1939-1945

Nos britannico nomini adscripti communis salutis usque ad mortem vindices ut Italie libertas et ambobus populi vetus amicitia redintegrata sit hic sepulti hiacemus – MCMXXXIX-MCMXLV”

cimitero commonwealth 5

E’ un luogo di morte, eppure è così curato, così perfetto da diventare un luogo di incredibile serenità: solo in un lato (non piccolo) del cimitero vi sono le tombe, per il resto è lasciato a prato curatissimo. Le 426 lapidi (altre 2317 – duemilatrecentodiciassette! – si trovano nel cimitero inglese di Anzio) sono tutte uguali e disposte in file ordinatissime, abbellite con piantine verdi o fiorite e si differenziano solo per le scritte: il nome del militare, l’età al momento del decesso, lo stemma del reggimento di appartenenza. La pace che trasmette il luogo stride con la realtà dei fatti e il cuore si stringe fino a fare male mentre si leggono le iscrizioni sulle lapidi: se siete sensibili sarà difficile non versare qualche lacrima perché la gran parte dei militari defunti sono giovani, poco più che ragazzi e  spesso arrivati in Italia da Paesi così lontani – Canada, Sud Africa, India, Nuova Zelanda che ci si chiede: “perchè?“.

cimitero commonwealth 9

E ci sono tombe più struggenti di altre , queste sì da spezzare il cuore, in cui riposano soldati sconosciuti. In questi casi la lapide è di una delicatezza commovente. Accanto all’iscrizione generica che indica il defunto come milite ignoto “A soldier of the Second World War” (un soldato della seconda guerra mondiale), compare l’iscrizione “Know unto God” (conosciuto dal Signore). Non è una frase bellissima? Ma, sopratutto: ce lo siamo meritati, il loro sacrificio? Chissà.

cimitero commonwealth 8

Una curiosità: un frammento di mattone del Vallo Adriano è stato portato appositamente dalla Gran Bretagna a Roma e murato in una lapide del Cimitero di Guerra del Commonwealth di Roma in memoria dei soldati originari della Cumbria e quale segno di continuità storica e di connessione di tra i destini degli uomini e delle donne di origine britannica e degli appartenenti al Commonwealth con gli uomini e le donne italiane, in un percorso di vicende che li ha visti talvolta contrapposti ma assai più spesso uniti in un progetto comune.

cimitero commonwealth 2

Il Cimitero di Guerra del Commonwealth di Roma, come tutti gli altri cimiteri di guerra del Commonwealth, è gestito dalla The Commonwealth War Graves Commission (CWGC), che ha il compito di onorare gli oltre 1,7 milioni di militi – uomini e donne – caduti nel corso delle due guerre mondiali  e di fare in modo che il loro sacrificio non venga mai dimenticato.

cimitero commonwealth 1

Informazioni utili:

  • Il Cimitero di Guerra del Commonwealth di Roma si trova in Via Nicola Zabaglia n. 50. E’ vicino alla fermata metro Piramide e alla fermata del tram n. 3. Si possono anche prendere gli autobus che transitano su via Ostiense, scendendo all’altezza della stazione Piramide. Su via Zabaglia ferma il bus n. 83.
  • Orari di apertura: il Cimitero è aperto in concomitanza con la presenza dei giardinieri (estate, al lunedì al venerdì dalle 7.00 alle 12.00 e dalle 12.30 alle 15.00; inverno dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 12.00 e dalle 12.30 alle 15.00). In realtà ci si può accedere in qualsiasi momento, perché è sufficiente conoscere la combinazione del lucchetto (codice 1221, è proprio sul sito del Cimitero di Guerra del Commonwealth di Roma!) per entrare. La cortesia che viene chiesta – ed è piccola cosa –  è di richiudere sempre il cancello, perché vi sono stati furti ed atti vandalici.

     cimitero commonwealth 6

Claudia Boccini

Curiosa di novità e di tendenze sociali e culturali, il mio karma è il viaggio

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *