Visitare il Parco Archeologico del Colosseo con un biglietto S.U.P.E.R.!

E’ un classico: quando i miei amici vengono a Roma, soprattutto se è la prima volta che visitano la città, mi chiedono immancabilmente di accompagnarli a visitare quello che è il simbolo laico della Capitale, il Colosseo. E, immediatamente dopo nella loro scala dei desideri, c’è la visita al Foro romano, che ogni volta fa lanciare gridolini di stupore per la meraviglia che se ne ricava ogni volta che ci si trova all’interno. Io mi diverto sempre tantissimo ad accompagnarli, perché in fondo è come fare, ogni volta, un ripasso di storia antica e non finisco mai di stupirmi di quanto la capacità costruttiva ed ingegneristica dei nostri progenitori fosse evoluta. Ed ogni volta, regolarmente, mi domando perché non esiste un biglietto cumulativo che consenta di visitare, in un percorso integrato, i principali monumenti classici del Parco Archeologico del Colosseo.

15_criptoportico

Criptoportico neroniano con videproiezioni (courtesy Karmachina)

E’ stato quindi con piacere che ho scoperto che è già in sperimentazione un nuovo biglietto integrato per visitare il Parco Archeologico del Colosseo, il S.U.P.E.R. – un acronimo simpatico che nasconde la frase Seven Unique Place to Experience in Rome – ovvero sette luoghi unici di Roma da provare (visitare) a Roma. Luoghi simbolo o estremamente interessanti, che finalmente si possono visitare con un biglietto unico: non male, vero? Sono tutti luoghi che hanno un valore importante per l’Urbe, perché oltre al Colosseo, al Foro ed al Palatino fanno parte dei beni a cui si può accedere con il nuovo biglietto integrato il Criptoportico neroniano, il Museo Palatino, la Casa di Augusto, la Casa di Livia, l’ Aula Isiaca con la Loggia Mattei, il Tempio di RomoloSanta Maria Antiqua con l’Oratorio dei Quaranta Martiri e con la Rampa di Domiziano.

4_focus_videomapping

Focus sulla sala delle prospettive del videomapping nella Casa di Augusto (rendering Karmachina) – courtesy Parco archeologico del Colosseo

Il biglietto S.U.P.E.R., è già in vendita ad un costo di 18€ (e con una validità di due giorni) dal 21 aprile. Anche la data scelta per la sua presentazione, che è quella cui si celebra il ‘Natale di Roma’,  non è casuale ma anzi serve a rafforzare il rapporto strettissimodi questo nuovo ticket con tutto ciò che ha a che fare con i Romani. Ma S.U.P.E.R. non da soltanto accesso a monumenti e musei perché con questo biglietto si potrà partecipare ad una vera e propria esperienza immersiva nel Parco Archeologico del Colosseo, l’are archeologica più famosa del mondo in cui è racchiusa la storia della città ed, oso dire, di gran parte dell’Europa. Il biglietto è decisamente conveniente, se si pensa che il solo accesso al Colosseo + Fori romani + Palatino, ugualmente per due giorni, costa 12 €.

2_casa di livia

Dettaglio affresco. Casa di Livia. Palatino, Roma – courtesy Parco archeologico del Colosseo

L’itinerario che attraversa il Foro Romano e il Palatino a cui si può accedere grazie al biglietto S.U.P.E.R. è di genere immersivo, ci sono videoproiezioni, video lezioni, voci narranti, supporti divulgativi e lightmapping che ricreano virtualmente gli edifici e le loro splendide decorazioni come dovevano apparire in epoca romana. Un circuito di visita interessante sia per gli adulti che per i più giovani, più o meno appassionati di arte e storia romana, perché offre la possibilità di scoprire siti e monumenti di grande rilevanza ma in genere poco conosciuti dal grande pubblico, anche se va sottolineato che, per forza di cose, si tratta di luoghi ed edifici fragili che non possono sopportare un afflusso incontrollato. Ecco perché in alcuni casi gli ingressi verranno contingentati e l’accesso sarà possibile solo fino ad esaurimento dei posti disponibili. A proposito: sapete ogni anno quanti visitatori accedono al Parco archeologico del Colosseo? Ben 7 milioni (dato 2017)!

Alcuni dei luoghi che si potranno visitare con il biglietto S.U.P.E.R. sono delle vere chicche, raramente aperte al pubblico (Santa Maria Antiqua, il Tempio di Romolo) o addirittura mai aperte prima alla fruizione turistica (Loggia Mattei, Aula Isiaca). Sebbene il biglietto sia valido per due giorni, è consentito un solo ingresso al Colosseo e due ingressi al Foro Romano e al Palatino.

9_SANTA MARIA ANTIQUA_ph C. Pescatori

Video mapping della decorazione parietale della cappella di Teodoto. Santa Maria Antiqua, Foro Romano. (ph. Claudia Pescatori) – courtesy Parco archeologico del Colosseo

Ma quanto tempo bisogna preventivare per visitare alcuni luoghi del Parco Archeologico del Colosseo, ricompresi nel circuito di visita del biglietto S.U.P.E.R.? Schematizzando (non è stato calcolato il tempo per visitare il Colosseo, il Foro Romano e il Palatino, per i quali si può presumere non meno di 4-5 ore complessive:

  • per il Criptoportico neroniano calcolare almeno 12 minuti di visita (limitazione:non più di 35 persone);
  • per il Museo Palatino calcolare almeno 1 ora di visita (limitazione: non più di 225 persone);
  • per la Casa di Augusto calcolare 40 minuti per la visita (limitazione: non più di 23 persone);
  • per la Casa di Livia sono necessari almeno 30 minuti per la visita (limitazione: non più di 23 persone)
  • per l’Aula Isiaca con Loggia Mattei la visita prende 15 minuti (limitazione: non più di 15 persone)
  • per il Tempio di Romolo calcolare almeno 15 minuti per la visita (limutazione: non più di 30 persone)
  • per visitare Santa Maria Antiqua con l’Oratorio dei Quaranta Martiri e la Rampa di Domiziano occorrono almeno 30 minuti (limitazione: non più di 60 persone).

Il mio consiglio, considerato che il quantitativo di  monumenti è davvero imponente, è di visitare il primo giorno il Colosseo, il Foro romano ed il Palatino e rimandare al giorno successivo la visita degli altri luoghi. Verificate sul sito (qui sotto il link) i giorni di aperture/chiusura dei singoli siti che fanno parte del Parco archeologico del Colosseo.

Maggiori informazioni sui luoghi inclusi nel biglietto S.U.P.E.R.e acquisto on line dei biglietti su www.coopculture.it

Claudia Boccini

Curiosa di novità e di tendenze sociali e culturali, il mio karma è il viaggio

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *