Finalmente torna il Grand Prix di Francia di Formula 1

Ciao a tutti da Francesco! Chissà quanti di voi passano il pomeriggio della domenica (e qualche volta anche la notte) davanti alla televisione per guardare le corse della Formula 1. Anche io sono uno di voi, e se per un qualsiasi motivo non sono a casa me le vedo in differita. Ed allora guai a chi mi anticipa i risultati o mi spoilera qualche notizia, sono capace di cancellarlo dalla lista dei miei amici senza pensarci due volte! E’ quindi con grande piacere che ho appreso che finalmente si tornerà a correre il Grand Prix di Francia di Formula 1, dopo 10 anni che questo evento sportivo non era inserito nel calendario delle corse. Il circuito che ospiterà la carovana dei piloti e meccanici è il Paul Ricard  di  Le Castellet e il Grand Prix di Francia di Formula 1 è in programma tra il 21 ed il 24 giugno 2018.

Che la gara torni in Francia è un bell’evento, soprattutto se si pensa che proprio nella nazione transalpina si svolse,  nel 1906, il primo Gran Premio della storia dell’automobilismo! Il Grand Prix di Francia di Formula 1 2018 utilizza per la gara il circuito costruito per volere di  da Paul Ricard (sì, proprio l’industriale che ha creato uno degli aperitif più famosi di Francia) ed oggi rilevato da Bernie Ecclestone, uno degli uomini più ricchi e di grande influenza nell’ambiente della Formula 1.

Il circuito Paul Ricard ha una storia travagliata: dopo aver ospitato ben 14 edizione del Gran Premio di Formula 1 di Francia, a seguito di un incidente in cui perse la vita il pilota Elio De Angelis, nel 1990 fu dichiarato non più idoneo a garantire la sicurezza dei piloti. Nel 1999 venne acquistato da una delle società facenti capo a Bernie Ecclestone e sottoposto ad una ristrutturazione radicale con la costruzione di una pista high tech test track (HTTT), che utilizza la tecnologia più avanzata. Il circuito non è eccessivamente lungo (ha una estensione di 5,8 km.) ma permette di raggiungere velocità assai elevate, fino a 340 chilometri/ora ed il programma dei tre giorni di gara prevede le prove, le corse della GP3 e della Formula 2 oltre al master Endurance Series. Il Grand Prix di Francia di Formula 1  vero e proprio si corre invece domenica 24 giugno, alle ore 16.10

 Come tutti i ‘circhi’ della Formula 1, anche il Grand Prix di Francia 2018 prevede una serie di attività collaterali, come un villaggio turistico di ispirazione provenzale, attività, animazioni e diversi servizi di ristorazione. Dopo la cerimonia di premiazione, alle 18.00 di domenica dopo la gara, si esibirà in concerto David Guetta. Assistere a tutte le gare e gli eventi del Gran Premio (pass per i tre giorni, costi variabili a partire da 149,50€ per i bambini tra i 6 ed i 12 anni; per gli adulti prezzi a salire in modo sostenuto, di media un biglietto per la corsa di domenica non costa meno di 300€)  mentre i biglietti giornalieri hanno un costo di 41€ (venerdì), 83€ (sabato) e 259€ (domenica). Si possono acquistare attraverso il sito ufficiale del Gran Prix di Francia, dove si trovano anche tante informazioni utili, storie e resoconti delle gare.

Il circuito Paul Ricard si trova tra Tolone e Marsiglia (quindi siamo nella Regione Provence-Alpes-Cote d’Azur) nel territorio del Comune di Le Castellet. Per alloggiare, oltre agli hotel e B&B della zona, ci sono campeggi molto vicini al circuito mentre il Camping Officiel è un campeggio temporaneo che nasce a servizio degli spettatori del Gran Prix di Francia (le singole piazzole sono di 40 metri quadrati) dove per 4 notti e 4 persone si spendono 200€

Si può cogliere l’occasione di assistere al Gran Premio di Francia per visitare le deliziose cittadine provenzali, per fare un salto al mare in Costa Azzurra  (per maggiori informazioni controllare sul sito ufficiale del Turismo della Provenza e della Costa Azzurra).

(si ringrazia Atout France, Agenzia per lo sviluppo del Turismo Francese, per le informazioni)

f1-3169297_1280

Claudia Boccini

Curiosa di novità e di tendenze sociali e culturali, il mio karma è il viaggio

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *