I tanti motivi per visitare Skansen museo a cielo aperto di Stoccolma

Stoccolma è una città decisamente a misura di turista, non troppo grande, facile da visitare, con trasporti pubblici funzionali ed efficienti ed una generale qualità della vita molto elevata (a proposito: sapete che in Svezia il denaro contante è quasi del tutto scomparso e che per le transazioni, anche le più piccole, si usano esclusivamente le carte di credito o di debito?). Una città con boschi, parchi, aree dedicate alla cultura ed al divertimento (fenomenale l’isola di Djurgården, pressoché in centro e che si raggiunge con una bella passeggiata oppure con l’unica linea di tram di Stoccolma, la n. 7, molto breve ma comodissima), con laghi urbani ed il mare, il Baltico, che lambisce porti, edifici, storie e dona riflessi incantevoli e luminosi agli edifici che si affacciano sul porto e sui moli. Ed è a Djurgården che oggi vi accompagno, per visitare Skansen museo a cielo aperto di Stoccolma. Un museo che è anche un bellissimo luogo dove rivivere le tradizioni più belle della Svezia e trascorrere una giornata diversa tra pic-nic, visite, piccoli acquisti.

skansen2

Un museo bello, come non ne avevo mai visti altri (eppure di musei etnografici ne ho esperienza, perché la tutela e la salvaguardia del passato e delle tradizioni è un tema che mi ha sempre affascinato) – creato nel 1891 da Artur Immanuel Hazelius, filologo svedese per preservare il patrimonio culturale nazionale: acquistò in giro per la Svezia oggetti di uso comune e diverse abitazioni, che rimontò nella Capitale. Da allora, fanno parte del patrimonio dello Skansen museo a cielo aperto di Stoccolma, ben 150 diversi edifici.

skansen4

All’interno dello Skansen c’è anche un piccolo zoo con fauna scandinava tra cui renne, alci, lupi e linci e animali della fattoria (oltre a una sezione esotica nell’Acquario, con biglietto separato) ed ospita alcune specie inserite in progetti di conservazione ambientale, come i bisonti europei. Il Museo è veramente ricco di cose da vedere e di ispirazioni, occupa un’ampia superficie dell’isola di Djurgården e per  per visitarlo integralmente ci vogliono non meno di 4-6 ore.

skansen10

Skansen può essere considerato come il più antico museo etnografico all’aperto del mondo, qui vi sono state ricostruiti edifici rurali o di paese, trasportate chiese, riedificati laboratori e negozi. Ci sono allevamenti, coltivazioni, rievocazioni. Soprattutto, è un museo vivo, con uomini e donne vestiti in abiti tradizionali che hanno il compito di interpretare e raccontare le abitudini quotidiane degli svedesi, dei diversi ceti sociali, nelle diverse stagioni ed in momenti diversi della vita.

skansen6

Il periodo storico su cui si focalizza il Museo va dal 1720 al XX° secolo e nei diversi, numerosi edifici tutto è reale. Noi siamo abituati ad associare alla parola Museo un qualcosa di statico eppure Skansen museo a cielo aperto di Stoccolma non è immobile nè ‘finto’, anzi: i figuranti che interpretano i diversi ruoli e fanno da ciceroni per i diversi edifici (sono presenti figuranti con il ruolo di massaie, fabbri e carpentieri, contadini, commercianti, artigiani, perfino una baronessa!) sono molto verosimili perché a Skansen realmente si lavora, si produce, si gestisce la piccola comunità come se fosse un vero paese. Ci sono fornelli che realmente cuociono patate, gatti sornioni addormentati sulle poltrone, gentili signore che stendono panni o preparano biscotti, le mucche sono munte e si producono formaggi e burro. I terreni che fanno parte del Museo sono coltivati a segale e lino, attorno alle case ci sono gli orti ed i frutteti, nelle aie si trovano galline e capre. Ciò aiuta i visitatori ad immedesimarsi rapidamente e ad entrare, loro stessi, in una storia pressoché reale.

skansen5

Una volta acquistato il biglietto di ingresso e recuperata la mappa del Museo (a mio parere indispensabile), per salire sulla collinetta che ospita il museo avete due possibilità: salire a piedi  lungo i sentieri in mezzo al verde oppure prendere le veloci scale mobili. Pian piano che salirete, avrete Stoccolma ai vostri piedi (sì, lo Skansen è uno dei luoghi ‘alti’ di Stoccolma, da cui si vede quasi tutto il centro della città). Incontrerete la falegnameria, la vetreria, la panetteria, la conceria: qui potrete vedere all’opera gli artigiani e nella panetteria acquistare pane fresco e dolcetti appena sfornati. Potrete vedere in funzione la tipografia, la legatoria, la bottega del fabbro ferraio. Tutti insieme danno vita ad un vero e proprio piccolo borgo operoso fermo agli anni ’30 del XX° secolo, con strade acciottolate, fiori alla finestra e gentili signore che lavorano a maglia sedute in giardino.

skansen3

Proseguendo si trova il giardino delle erbe e la bella fattoria Älvros, un edificio tipico del nord della Svezia che risalke al XIX secolo e la cosiddetta Market Street, dove si trovano in vendita oggetti caratteristici e che dal 1903 ospita il mercatino di Natale. Su tutto torreggia il campanile della chiesa di Seglora (XVIII secolo), che ancora oggi è utilizzata per matrimoni ed eventi. Tante le fattorie e le cascine, di diversi stili e dimensioni, che si possono ammirare: quasi sempre con animali da cortile, mucche o piccoli campi coltivati nei paraggi.

skansen8

La scuola rurale Väla, che risale al 1910, è riconoscibilissima per il suo colore rosso e nei pressi diverse abitazioni mostrano gli arredi che caratterizzavano le diverse epoche. Al Museo Skansen ci sono piccoli stagni, un piccolo mulino a vento (essenziale per macinare il grano e la segala) e non manca il tradizionale palo addobbato con nastri attorno cui si svolgono le feste e le danze. Skogaholm invece è un maniero del 18 ° secolo, dove si può osservare vivevano i nobili e le diverse abitudini e stili di vita rispetto ai contadini e agli artigiani. C’è perfino una funicolare funzionante!

skansen9

La visita dello Skansen Museo a cielo aperto di Stoccolma va vissuta come un viaggio nel viaggio, utilizzando tutto il tempo necessario per poter assistere ai diversi momenti educativi, ai laboratori, ai momenti di spettacolo. Portate con voi qualcosa da mangiare e fermatevi nelle aree per pic-nic a disposizione oppure utilizzate i bar e i ristoranti presenti per un vero e proprio pasto o una ‘fika’ (merenda), se con voi ci sono bambini lasciateli liberi di giocare nelle aree dedicate.

skansen12

Informazioni utili per visitare Skansen museo a cielo aperto di Stoccolma

  • Sito web:  http://www.skansen.se/
  • I biglietti per visitare il Museo Skansen si possono acquistare on line ed hanno un costo estremamente variabile in base agli orari, alla stagione, alle tipologie di combinazioni, ecc.,  per cui vi consiglio di verificarli direttamente  sul pdf con le tariffe di ingresso al Museo Skansen.
  • All’interno del Museo a cielo aperto ci sono diverse toilette e all’ingresso armadietti-guardaroba a pagamento (tuttavia ricordatevi che siete all’aperto quasi sempre, per cui portatevi giacche/maglioni e se serve ombrelli).
  • Nello Skansen non possono accedere cani ad eccezione dei cani guida per non vedenti.
  • Qui sotto, trovate la mappa dello Skansen museo a cielo aperto di Stoccolma, tratta dal sito ufficiale (che potete scaricare in formato .pdf).
  • Se vi servono idee ed informazioni su Stoccolma trovate davvero tante in questo blog, basta cercare ‘Stoccolma‘ nella casellina CERCA SUL BLOG qui a destra).
  • Suggerimento: l’atmosfera di Skansen in periodo di avvento è veramente speciale, con eventi, mercatini e decorazioni natalizie.

mappa skansen

Claudia Boccini

Curiosa di novità e di tendenze sociali e culturali, il mio karma è il viaggio

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *