Borsetta per viaggiare in aereo, quale scegliere

Sicuramente già sapete che l’outfit più indicato da scegliere per un viaggio in aereo deve essere all’insegna della praticità e della comodità: questo principio vale sia se il volo in programma è di poche ore ma ancor più se è un lungo volo intercontinentale, dove sarete costretti a restare per ore per lo più seduti, in sedili quasi mai troppo confortevoli e in una situazione di promiscuità obbligata. Quindi no, non e ancora no ad un abbigliamento in tessuti che si stropicciano (avete idea di cosa significhi scendere dall’aereo con indosso un vestito di lino dopo 8 ore di volo?) e meglio ancora se si tratta di fibre naturali o al più artificiali come la viscosa, il cupro o il modal, no assolutamente a vestiti gonne e pantaloni attillati (in aereo la pressurizzazione e la sedentarietà contribuiscono a far trattenere i liquidi e a far gonfiare gli arti), no a scarpe complicate da mettere/togliere perché ai varchi di sicurezza potrebbero chiedere di toglierle e comunque in un lungo volo è sempre bene sfilarle ed indossare un paio di ciabattine comode o ballerine per alleviare la circolazione e stare più comodi. Insomma, per prendere l’aereo bisogna pianificare con attenzione cosa indossare e cosa portare con sè , dalle salviettine rinfrescanti alla sciarpa leggera con cui ripararsi dall’aria condizionata o coprirsi gli occhi per cercare di riposare un po’. Ma quello che a mio parere fa una gran bella differenza – soprattutto dopo che Ryanair ha rivisto al ribasso la sua politica del bagaglio a mano (ed io sono quasi sicura che questa sua decisione farà da apri-pista e altre low cost la seguiranno sulla stessa strada) è avere con sé la perfetta borsetta per viaggiare in aereo: deve essere di dimensioni non eccessive, pratica, capiente, leggera, in un materiale robusto, deve permettere di avere a portata di mano tutto ciò che può essere utile ma allo stesso tempo deve essere anche bella, perché va bene viaggiare comodi, ma non raffazzonati o ‘alla come capita’! Uh, mamma, ma esiste davvero una borsa così?

Borse comode da viaggio 1

Certo che sì! Molte sono normali borse da passeggio ma con dettagli che fanno la differenza, altre sono borse che hanno più spiccatamente una vocazione da viaggiatrici. Spesso si tratta di tote bag, altre volte la borsetta per viaggiare in aereo prende le forme di uno zainetto, altre ancora – grazie al tessuto tecnico – si ripiega su se stessa occupando pochissimo spazio e diventa un bagaglio aggiuntivo. Quasi sempre hanno una comodissima cinghia che permette di portarle a tracolla e nulla è più comodo in aeroporto quando devi, quasi nello stesso momento, mostrare il passaporto, recuperare il biglietto, tenere il giaccone e tenere sotto controllo denaro e oggetti di valore!

La “mia” borsetta per viaggiare in aereo ideale, innanzitutto deve prevedere:

  • una o due tasche interne chiuse da zip (dove inserire documenti, chiavi e denari);
  • una tasca interna aperta per metterci il telefono e trovarlo senza dover svuotare ogni volta la borsa o… dovermi far chiamare per intercettarlo grazie al trillo;
  • una tasca esterna chiusa da zip dove mettere tutto ciò che ho bisogno di avere a portata di mano, dal biglietto del tram alle penne;
  • spazio sufficiente per contenere:
    • una sacca con la macchina fotografica digitale o mirrorless, un quaderno piccolo per appunti, cavetti e caricabatterie;
    • un beauty mini con tutto il necessario per trucco e parrucco (una mini spazzola per i capelli, uno spazzolino e un dentifricio, un rouge per labbra, il mascara e la matita per gli occhi, la CC Cream milleusi) e per il necessario da cucito per le piccole riparazioni di emergenza
    • una bustina con le ciabattine da aereo
    • una sciarpa-foulard
    • un libro o il tablet
    • se poi la borsetta ideale da viaggio è abbastanza grande, cerco di infilarci anche un cambio completo nel caso la valigia imbarcata in stiva non arrivi a destinazione per X motivi.

La borsetta ideale da viaggio, che ci accompagnerà in tante avventure per lungo tempo, merita un piccolo investimento economico che assicuri la qualità e la robustezza. Tra una borsa rigida ed una morbida meglio scegliere la seconda versione, in modo da poterla ‘schiacciare’, se necessario,  nelle gabbie misura bagaglio per farla rientrare nella franchigia ammessa.

Qui nel post ne trovate una piccola selezione tratta da Amazon (se volete vederle in più angolazioni o avere più dettagli, dovete sulle relative ‘locandine’) e alcune di queste sono sportive e pratiche, altre decisamente più eleganti, quasi tutte rientrano nelle misure massime richieste per il bagaglio a mano (incluso Ryanair). Nella selezione trovate borse e zainetti di aziende rinomate come Michael Kors (la mia, che ho acquistato due anni fa, è ancora perfetta senza graffi), Tommy Hilfinger (molto piacevole l’uso dei colori simbolo del brand, il rosso ed il blu), Piero Guidi (con il tipico tessuto con gli angioletti e/o immagini circensi), il praticissimo zainetto Kipling (realmente indistruttibile!), le sobrie ed eleganti borse di Pollini e Borbonese. Ci sono poi alcune borse classiche e una simpatica borsa colorata e pieghevole di Oilily.

Vediamo se indovinate quale, tra queste dodici borse, è la mia preferita. Vi do un indizio: la mia borsetta per viaggiare in aereo preferita non è a tinta unita :) e ne ho già due – diverse – dello stesso brand ;) .

Borse comode da viaggio 2

(post in affiliazione con Amazon)
Claudia Boccini

Curiosa di novità e di tendenze sociali e culturali, il mio karma è il viaggio

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *