Cosa c’è in una lounge aeroportuale?

Lounge Alitalia 3

Le lounge aeroportuali sono uno spazio di pace nel frastuono degli aeroporti. Luoghi in cui trovare rifugio e ristoro in attesa dell’imbarco o nel tempo vuoto tra un volo ed un altro. Se in quasi tutti gli aeroporti internazionali è normale che vi sia frastuono, incessante andirivieni dei passeggeri, annunci di voli in partenza o in ritardo, nelle lounge regna il silenzio o comunque atmosfere soffuse. Ora già sento i vostri commenti: state per dirmi che le lounge sono solo per per ricchi viaggiatori che volano in business o in prima classe o che fanno parte di club esclusivi aperti a chi viaggia di frequente e che la gran parte delle persone che salgono su un aereo, con il loro bravo biglietto di economy, possono solo immaginare questi spazi privilegiati.

Lounge Alitalia 6

E invece, no: la gran parte delle Lounge aeroportuali possono essere utilizzate anche da chi non possiede biglietti aerei di classi superiori, purché acquisti il biglietto di ingresso, spesso assolutamente competitivo considerata la lunga serie di servizi a cui si ha diritto. Certo, se da Roma devo raggiungere Milano probabilmente non ci penso nemmeno a utilizzare una lounge aeroportuale ma se, come ci è successo in uno dei viaggi in Giappone in cui il volo della compagnia aerea Emirates aveva uno scalo intermedio molto lungo (circa 6 ore di attesa all’aeroporto di Dubai, per di più di notte), ecco che acquistare l’ingresso ad una lounge aeroportuale diventa la scelta più sensata.

Di lounge ne abbiamo provate diverse – quella di Dubai, appunto, e poi la Lounge Air France a Parigi (altro viaggio in Giappone, ma questa volta era inclusa nel nostro biglietto di business), la piccola lounge dell’aeroporto di Trang  in Thailandia (messa gratuitamente a disposizione di tutti i suoi passeggeri dalla compagnia Bangkok Airlines) e, da ultimo la Lounge Casa Alitalia – Piazza di Spagna del Terminal E dell’Aroporto di Fiumicino, che siamo stati invitati a visitare in occasione del recente viaggio a Londra per far conoscere le nuove divise dell’Alitalia.

Lounge Alitalia 4

Non pretendo di essere un’esperta di lounge aeroportuali – tanti manager o politici che viaggiano in aereo di frequente potrebbero scrivere mille post al riguardo – tuttavia credo che per chi non è mai stato in una lounge possa essere interessante conoscere i diversi servizi che vengono messi a disposizione, le modalità di accesso, cosa è incluso ed alcuni validi motivi che a mio parere consigliano di fermarsi in una lounge in attesa del volo. So però che una sosta in una lounge aeroportuale può fare la differenza in caso di lunghi voli con scalo, se con voi ci sono persone anziane che hanno bisogno di un momento di riposo, se una volta giunti a destinazione dovete essere immediatamente operativi e quindi meno vi stressate per il viaggio e meglio è.

Una lounge aeroportuale ha il compito di rendere meno complicata l’attesa in aeroporto e di accogliere in un ambiente protetto e confortevole i viaggiatori. Quindi troverete dei salottini, poltrone dove rilassarvi, chaise-longue strategicamente collocate in zone tranquille dove schiacciare un riposino. Potrete leggere uno dei giornali che troverete a disposizione o intrattenervi con la televisione. Tutte le lounge hanno il wi-fi gratuito e se dovete lavorare troverete degli spazi dedicati con scrivanie e stampanti. Inoltre, potrete chiedere di essere avvisati quando aprono l’imbarco del vostro volo e troverete monitor su cui consultare arrivi e partenze. Fin qui, sembrerebbe poco diversa da una comoda sala di attesa, vero?

Lounge Alitalia 5

Tuttavia nelle lounge aeroportuali i benefit a favore dei passeggeri sono molti, molto di più e nel loro complesso vanno ad azzerare il costo del biglietto di ingresso. Se viaggiate spesso, sapete esattamente quanto possa essere costoso fare uno spuntino nella zona ‘sicura’ dell’aeroporto, acquistare una bottiglia di acqua o fare colazione, quasi che una volta attraversato il controllo di sicurezza si entra in un altra dimensione: in genere è tutto molto più caro che non all’esterno. Bene, nelle lounge aeroportuali c’è sempre un servizio di ristorazione, di ottimi livello e spesso con chef che cucinano per gli ospiti. Nella Lounge Casa Alitalia c’era perfino un pizzaiolo e a Parigi ho trovato chef che spadellavano al momento risotto alla thailandese, in generale nelle lounge l’attesa si inganna assaggiando ottime pietanze, provando le proposte del buffet, sbocconcellando dolcetti e degustando ottimi vini (prosecco o champagne non mancano mai!). Il tutto compreso nel costo di ingresso e quindi già capite che anche solo questa possibilità depone a favore di una sosta in una lounge! Ma non finisce qui: a disposizione gratuita vi sono alcolici e superalcolici di marca (sì, anche nella lounge di Dubai non mancavano!), potete chiedere che vi venga servito un cocktail o un buon caffè.

lounge Alitalia 2

Ancora: nelle lounge aeroportuali le toilette a disposizione sono ovviamente super pulite e accessoriate con prodotti di grandi nomi della cosmetica e se ne avete la necessità, potete anche rinfrescarvi con una doccia avvolgendovi in morbidissime spugne. Nel caso della Lounge aeroportuale di Air France a Parigi, addirittura vi è un corner della Clarins dove potete farvi fare massaggi decontratturanti e piccoli trattamenti estetici (non male, vero?) oppure far rinfrescare i vostri abiti con un servizio di lavanderia e stiratura! Inoltre, se siete manager e dovete fare una riunione estemporanea, quasi tutte le lounge mettono a disposizione – qualche volta con costo a parte – dei salottini privati organizzati con schermi e lavagne.

Ma quanto costa un accesso in una Lounge? E’ possibile acquistare un biglietto per le lounge delle diverse compagnie aeree?

Impossibile fare un elenco dettagliato ed esaustivo (in genere tutte le compagnie aeree sui loro siti hanno una pagina dedicata con tutte le informazioni), tuttavia, giusto per dare un’idea, vi segnalo il costo del biglietto di ingresso per accedere alle lounge che ho provato, accessibili anche se non avete carte di imbarco classe business, prima o status particolari:

Nella gran parte dei grandi aeroporti internazionali vi sono poi delle lounge gestite da società private – che nulla hanno da invidiare a quelle delle compagnie aeree – dove si accede con biglietto di ingresso. Ne trovate un elenco corposo su LoungeBuddy, ad esempio la No 1 Lounges all’aeroporto di Londra Heathrow costa  46 sterline per 3 ore, la Prime Class Lounge a Francoforte 32€, la Plaza Premium Lounge a Toronto 32€. Il costo potrebbe essere più basso rispetto a LoungeBuddy se prenotato direttamente sul sito della compagnia o della società, una volta individuata la lounge provate a fare una ulteriore ricerca, magari riuscite a risparmiare qualcosa!

lounge Alitalia 1

(le foto sono state scattate nella Lounge aeroportuale Casa Alitalia – Piazza di Spagna, gate E dell’Aeroporto di Fiumicino)

Claudia Boccini

Curiosa di novità e di tendenze sociali e culturali, il mio karma è il viaggio

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *