Come fare una buona colazione per iniziare bene la mattina

Buongiorno e buona mattina! E non c’è mattina migliore di quella che comincia con una colazione capace di accompagnarci con energia durante la giornata, non importa che sia piena di impegni di lavoro, di scuola o di faccende domestiche! La colazione è uno dei momenti più belli della mia giornata, a casa o in viaggio – ed in questo caso le colazioni degli hotel dove soggiorniamo aggiungono (quasi sempre :) ) un pizzico di dolcezza e di coccole in più! Ma è soprattutto la colazione casalinga quella più importante, che deve diventare una (buonissima) abitudine sia per noi che per i nostri compagni di vita, grandi o piccoli che siano. Come fare una buona colazione per iniziare bene la mattina? Esistono trucchi o ricette magiche per rendere piacevole questo pasto importante ma troppo spesso poco considerato?

La colazione della mattina è infatti il pasto che ci fornisce energia per iniziare con il piede giusto la giornata e che ci aiuta a lasciare il mondo dei sogni e calarci in quello, assai spesso meno piacevole, della vita reale.  Voi siete di quelli che “un caffè e basta”? Male! Il caffè (o il tè, o comunque una bevanda calda) sono fondamentali per il risveglio ma insieme bisogna mangiarci qualcosa. L’ideale sarebbe fare ogni giorno una colazione ricca di carboidrati, proteine, vitamine ma non sempre durante la settimana – di corsa tra mille impegni – si ha il tempo per sedersi e dare spazio a quello che è un vero e proprio mini pasto. Quindi ben vengano una tazza di caffè con del latte e qualche biscotto, un tè con fette biscottate con un velo di burro e un paio di cucchiaini di marmellata, una tazza di orzo da accompagnare con una ciotola di yogurth, cereali e frutta, da rinforzare più avanti nelle mattina con uno spuntino salutare.

Pulcina

Durante il fine settimana, invece, non ci sono scuse e il primo pasto della giornata diventa un momento rilassato di incontro e condivisione: non c’è la fretta di doversi svegliare-lavare-vestire-uscire, si può restare in pigiama qualche tempo in più o (meglio) infilarsi una comoda tuta da casa prima di riunirsi tutti insieme per una colazione con i fiocchi, che però esige un minimo di preparazione per far sì che tutto fili liscio e che pian piano questo momento diventi un appuntamento atteso. Come fare quindi una buona colazione per iniziare bene la mattina? Fondamentale è abituarsi a preparare la tavola della colazione del fine settimana fin dalla sera del venerdì, curando l’allestimento con una tovaglia piacevole o singole tovagliette (per i tovaglioli, per quanto quelli di lino siano bellissimi, assai più pratico utilizzare quelli di carta!). Al centro della tavola mettete una scatola old style di latta  o un contenitore di ceramica con un assortimento di biscotti e dolcetti, i cereali ed i barattoli di marmellata – meglio se in più gusti assortiti e di buona qualità. Non dimenticate nemmeno di mettere sul tavolo, in un bel cesto di paglia, una selezione di frutta. Ricordatevi poi le posate necessarie (cucchiaini ma anche coltelli e forchette), le tazze, le ciotole ed i piattini. Al mattino dovrete solo aggiungere i succhi di frutta, il latte e le bevande calde (per non essere troppo impegnati potreste farne un buon quantitativo da mettere in un thermos), lo yogurt, il burro, una eventuale torta e pensare a cucinare – per chi le vorrà – le classiche uova strapazzate o alla coque. E per il caffè, come la mettiamo? Si apre un mondo: ci sono i puristi della moka, chi senza il suo bravo espresso nemmeno apre gli occhi, chi ha un rapporto di amore mai tradito con la classica cuccuma napoletana. E c’è chi, a forza di girare per il mondo e assorbirne usi e abitudini (o assai più banalmente, a forza di frequentare Starbucks e MacDonalds :) ) , apprezza il caffè lungo “all’americana”, preparato tramite filtro o pressofusione. Se poi le caffettiere che metterete in tavola sono come la Pulcina di Alessi (designer: Michele De Lucchi), il sistema per caffè a pressofiltro Homsa o la lucente caffettiera napoletana in acciaio inox Ilsa, anche il decor della tavola sarà garantito.
Napoletana
La colazione cambia aspetto – e sapori – in base alla zona del Mondo in cui ci troviamo: se per noi italiani è facile pensare ad una colazione in cui prevalgono i sapori dolci (impossibile non associare la colazione al cappuccino e cornetto o al ciambellone della mamma!), basta spostarsi nel nord Europa e la colazione subito predilige i sapori salati: senza arrivare alle aringhe in salamoia della Danimarca o all’haggis scozzese, già in Inghilterra la colazione è a base di uova, salsicce, frittelle di patate, pomodori stufati e fagioli. In Giappone il primo pasto della giornata è quasi un pranzo – la colazione dolce è una novità importata dall’Europa – e per colazione si usa mangiare della carne o del pesce arrostito accompagnati da zuppa di miso, riso, verdure. Il caffè, però, anche in terra nipponica non manca mai. Anche in Thailandia la colazione tradizionale è salata – anche qui pollo, zuppe, riso, involtini di verdure. Per scoprire le diverse colazioni del mondo può essere interessante leggere il libro The breakfast journey. Colazioni e brunch dal mondo, di Laura Ascari ed Elisa Paganelli (Nomos edizioni), che raccontano nei dettagli attraverso foto bellissime e testi accattivanti ben 45 colazioni di 41 diversi Paesi del Mondo e ne forniscono le ricette, quasi sempre molto facili.
bricco caffè
E se in famiglia ( o tra gli ospiti) ci sono vegetariani e vegani, cosa si può servire loro per colazione? Come fare una buona colazione per iniziare bene la mattina anche se sono stati eliminati i piatti a base di proteine animali? Nessun problema, perché resta comunque un’infinità di possibilità per allestire colazioni ugualmente sfiziose e gustose: dal latte di soia, di riso, di avena o di mandorle da usare anche per preparare frullati di frutta agli yogurt vegetali da servire con muesli al cioccolato passando per cornetti o biscotti preparati senza burro o uova, oppure torte salate ripiene di verdure e frutta secca. Se volete più idee, facili e facilmente realizzabili, fa per voi il libro “Cominciamo bene! La guida completa alla colazione 100% vegetale dolce e salata” di Federica Giordani, Silvia De Bernardin, Simone Paloni e Valentina Pellegrino (collana Vegolosi,  Sonda editore). Se invece volete perdervi tra le pagine e le foto di un libro che seleziona con cura tutti i i libri che narrano le colazioni citate dai grandi scrittori (con le relative ricette), vi consiglio il bellissimo libro fotografico di Petunia Ollister “Colazione d’autore. #bookbreakfast” (editore Slow Food) che vi porterà in una piacevolissima realtà fatta di citazioni, ricette, accessori speciali per trasformare una colazione normale in una vera e propria colazione letteraria.
Libri colazione collage
(post con prodotti in affiliazione con Amazon)
Claudia Boccini

Curiosa di novità e di tendenze sociali e culturali, il mio karma è il viaggio

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *