Scegliere lo zainetto perfetto: consigli e indicazioni

Buongiorno e ben ritrovati! Che ne dite di fare il punto della situazione”bagagli” per un viaggio in auto? L’argomento del post scaturisce da una recentissima esperienza – abbiamo girato gran parte del Portogallo con un’auto presa a noleggio – e da qualche accortezza che, con il senno di poi, sarebbe stato bene prendere per quanto riguarda le dimensioni e il genere di bagagli da portare. Premesso che l’auto a noleggio – come ha detto Francesco – era una macchina “bella e grande” (ci hanno upgradati ad una Mercedes Classe A180) e che sulla carta non avremmo avuto problemi di spazio, ci siano tuttavia resi conto che il bagaglio che avevamo con noi – un trolley ciascuno di dimensioni medie ed un trolley piccolo con tutta l’attrezzatura fotografica ed elettronica + uno zainetto, questi ultimi imbarcati in aereo come bagaglio a mano – sono risultati assolutamente poco pratici per un viaggio on the road. Nonostante l’ampio bagagliaio dell’auto, una volta posizionati i due trolley medi restava infatti ben poco spazio per il trolley piccolo, che abbiamo dovuto letteralmente incastrare tra i due bagagli grandi mentre lo zainetto, nonostante un gioco di tetris con le valigie, proprio non ci entrava e lo abbiamo dovuto tenere sempre a bordo auto. Tenuto conto che in viaggio è super consigliatissimo non lasciare mai nessun effetto personale a vista per evitare di far cadere in tentazione qualche ladruncolo (che eravamo turisti lo diceva a chiare lettere la targa dell’auto con il logo della Hertz!), in ogni sosta lungo la strada – che fosse un bar per prendere un caffè o una visita culturale a qualche cittadina scovata lungo il tragitto – abbiamo sempre dovuto portare con noi lo zainetto di Francesco, con notevole fastidio. Se invece del trolley piccolo avessimo scelto un altro zainetto o al più una borsa morbida, il problema non si sarebbe posto o comunque sarebbe stato minore.  Certo, scegliere lo zainetto perfetto non è facilissimo, perché deve avere delle caratteristiche ben definite.

Ad esempio, se oggi dovessi scegliere lo zainetto ‘perfetto’, vorrei che avesse:

  • tanti spazi separati per poter suddividere con criterio oggetti, libri e guide di viaggio, mappe, penne, macchina fotografica e beni personali;
  • un guscio antipioggia ripiegabile e, in ogni caso, essere idrorepellente affinché la pioggia non bagni il contenuto. Allo stesso tempo deve poter andare in lavatrice per una veloce rinfrescata una volta rientrati a casa (avete idea di che ricettacolo di sporcizia e germi può diventare uno zainetto buttato “alla dove capita”?);
  • una tasca interna con chiusura per metterci denaro e documenti;
  • uno spazio per una bottiglia o un termos, ed una tasca specifica per metterci lo smartphone sullo spallaccio;
  • fosse completato da un sistema di stringhe elastiche esterne per fissare giacche a vento o maglioni;

A proposito di spallacci: sono la parte più importante di uno zainetto, perché devono sostenere il peso con sicurezza ed allo stesso tempo non devono creare problemi alle spalle ed alla schiena. Meglio quindi scegliere lo zainetto verificando che abbia spallacci imbottiti, traspiranti (e altrettanto traspirante deve essere lo schienale, se non volete ritrovarvi dopo un po’ in un bagno di sudore!) e regolabili con facilità, perché sulla lunghezza influisce il peso e le dimensioni di quanto di volta in volta viene riposto nello zaino.

Ricordatevi anche che non tutti gli zaini vanno bene per tutti: acquistate il vostro valutando ciò per cui lo utilizzerete (usarlo per un viaggio tranquillo è diverso che portarlo in un trekking in montagna) e soprattutto prendetelo di dimensioni adeguate alla vostra statura e corporatura. Anzi, l’ideale sarebbe poter avere nell’armadio due-tre diversi zainetti da utilizzare in base alla necessità.

Per aggiungere un minimo di sicurezza ai beni custoditi nel vostro zainetto è bene portare sempre un piccolo lucchetto: è fondamentale metterlo in opera quando salite sui mezzi pubblici, ma ricordatevi  che ci sono borseggiatori che tagliano direttamente la stoffa, quindi in città complicate o in zone a rischio indossate il vostro zainetto davanti. Uno zainetto è facile da rubare per cui se non lo indossate cercate di tenerlo sempre sott’occhio. Nei casi di reale necessità di garantire sicurezza ai propri beni – passaporto, denaro, carte di credito, documenti – ed in alternativa al classico marsupio che un borseggiatore capace apre in un battibaleno o al borsellino da appendere al collo, si è dimostrato utile anche lo ‘zaino da ciclista‘ (ne vedete uno nella selezione in fondo al post), che per le dimensioni ridotte, la presenza di tasche e la particolare imbragatura si presta ad essere indossato sia sulla schiena che sul torace e ad essere nascosto sotto un maglione o una giacca a vento.

ZAINETTI

Ancora pochi suggerimenti veloci per lo zainetto perfetto:

  1. personalizzate il vostro zainetto con un segno di riconoscimento (nastrino, pupazzetto, scritta, ecc.) per riconoscerlo al volo;
  2. attaccate un’etichetta o una placca catarinfrangente su una delle tasche anteriori per farvi individuare se camminate in una strada buia;
  3. in una tasca interna inserite sempre una bustina di plastica con  i vostri recapiti (mail e telefono – no indirizzo di casa)

Qui sotto trovate una mini selezione di zainetti, tutti adatti a viaggi brevi e “comodi” e un paio adatti anche ad escursioni più impegnative. Il loro costo varia da modello a modello e in genere mai come per lo zainetto da escursione vale la regola del chi più spende meno spende (sebbene nella selezione abbia inserito anche un paio di zaini particolarmente economici, adeguati per un impiego non troppo impegnativo, che però hanno dalla loro la presenza di diverse tasche, la leggerezza e la possibilità di essere ripiegati occupando pochissimo spazio)

(selezione con affiliazione Amazon)

Claudia Boccini

Curiosa di novità e di tendenze sociali e culturali, il mio karma è il viaggio

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *