Programmando viaggi. Amsterdam?

Credit: Netherland Boards of Tourism & Conventions
(maggio 2013) Da qualche anno abbiamo l’abitudine, con l’arrivo della bella stagione, di regalarci un viaggio nella capitali europee. Quest’anno, tra le varie opzioni in esame, stiamo valutando se andare ad Amsterdam, la capitale olandese che né io né il Franz abbiamo mai visitato.
Credit: Netherland Boards of Tourism & Conventions
Motivi per sceglierla ce ne sono tantissimi: a parte i classici (musei da urlo, case che affacciano sui canali, tulipani, formaggi, eccetera eccetera…) il 2013 è un anno davvero speciale per Amsterdam: non solo ci sarà l’abdicazione della Regina Beatrice in favore del principe Guglielmo Alessandro con feste e manifestazioni, ma saranno finalmente riaperti al pubblico, dopo un lungo lavoro di restyling ed adeguamento, il Rijksmuseum ed il Museo Van Gogh.
E lo zoo di Amsterdam, Artis, sarà in festa per i suoi 175 anni anni di apertura e ricorre perfino la celebrazione della  costruzione dei canali che caratterizzano la città (e qui sono ben… 400 candeline!).
Credit: Netherland Boards of Tourism & Conventions
Come mia abitudine, prima di programmare un viaggio inizio ad approfondire la conoscenza del posto attraverso internet, magari utilizzando come base il sito ufficiale del turismo locale (e nel caso dell’Olanda, il sito dell’ente del turismo  Holland è una fonte inesauribile di informazioni e di link attraverso cui trovare idee e mete da visitare).
Credit: Netherland Boards of Tourism & Conventions
Tuttavia reputo imprescindibile consultare le vecchie care guide cartacee, soprattutto per avere una visione d’insieme del posto che andrò a visitare (anche se non sono aggiornatissime, i monumenti principali e le piante della città quelli sono…). E con l’aiuto di una piantina dettagliata, inizio a definire le zone che meritano di essere visitate.
Credit: Claudia Boccini
Per Amsterdam, oltre alla classica guida del National Geographic e ad una vecchia City Book regalata con il Corriere della Sera, ho avuto la fortuna di incappare in “Amsterdam è un isola“, di Michele Monina, edito da Laurana Editore, una guida (o, meglio, un saggio) che non si limita a fornire indicazioni, per così dire, “turistiche”, ma lascia ampio spazio alla cultura ed allo spirito del posto, visto attraverso gli occhi disincantati e privi di preconcetti di chi viaggia per passione: un modo di raccontare molto simile al mio!
Credit: Netherland Boards of Tourism & Conventions
Quindi, ricapitolando: i nostri viaggi iniziano con l’informazione e l’approfondimento per poi proseguire con la compilazione di una vera e propria scheda dove vengono annotati, man mano che sono selezionati, i luoghi di interesse che vale la pena di visitare. Vi suggerisco, per velocizzare l’organizzazione, di utilizzare le mie “To Do Travel List“, che potete salvare su un foglio word e stampare.Una volta definito cosa vedere e in quanto tempo, procedo con la parte “pratica” dell’organizzazione, ovvero con la prenotazione dei voli e degli alberghi.Se per me il volo deve essere comodo ed economico nello stesso tempo, l’hotel deve essere facilmente raggiungibile dall’aeroporto e ben collegato con i mezzi di trasporto, dotato di free internet e mettere a disposizione il deposito bagagli (essenziale per l’ultimo giorno, quando dopo aver fatto check out si è in attesa di riprendere l’aereo).Nonostante sia abituata a navigare in internet per organizzare i miei viaggi, reputo molto utile utilizzare per la ricerca volo/hotel il sito di ricerca di Expedia dove posso trovare trovare voli a prezzi inferiori a quelli che potrei ottenere consultando direttamente i siti delle diverse compagnie aeree (il bello di Expedia è che “combina” assieme più vettori in modo da ottenere la soluzione economicamente più vantaggiosa per il cliente!). Tanto per fare un esempio, con Expedia sono riuscita a trovare un volo a/r per Amsterdam, in giugno, a 134 Euro tutto incluso (e poiché i voli proposti sono con KLM ed Alitalia, anche il bagaglio imbarcato in stiva ed eventuali tasse sono inclusi!). Se poi avete bisogno di un hotel, sempre su Expedia avete ampia scelta in tante fasce di prezzo e categorie, inclusi gli ostelli…

Amsterdam… aspettaci, stiamo arrivando!
Credit: Netherland Boards of Tourism & Conventions
Claudia Boccini

11 Commenti

  1. Avatar
    Sara marzo 28, 2013

    Ciao, capito sul tuo blog per la prima volta (ho trovato l’indirizzo su Casa Facile di marzo)e ti voglio fare i complimenti per come organizzi i tuoi viaggi. Anch’io in linea di massima mi organizzo così , solo non avevo pensato a fare una scheda dettagliata delle cose da fare giorno per giorno e, soprattutto, non avevo pensato a fare una scheda dei posti dove andare a mangiare: davvero un’idea geniale per evitare di fiondarsi nel primo locale che ci capita a tiro rischiando di rimanere delusi !

    Reply
    • Avatar
      Shanta marzo 26, 2013

      quello che secondo me è davvero essenziale, è il timing…

      Reply
  2. Avatar
    Gua-sta Blog marzo 26, 2013

    Bravissima! Anch’io organizzo come te, magari con meno schemi ma il succo è quello. Passo le giornate con tutti che pendono dalle mie labbra e rinfacciano se qualcosa non è proprio simile a quello che avevo previsto. Non so perchè mi ostino ancora a farlo. Alla fine dico: ma arrangiatevi voi la prossima volta!

    Reply
    • Avatar
      Shanta marzo 26, 2013

      Mai dare cattive abitudini… (detto da chi ha il tuo stesso problema, ahimè… oramai si aspettano il tour guidato-organizzato-strutturato-iperstrafigo ovunque si vada!)

      Reply
  3. Avatar
    Alessandra marzo 26, 2013

    Ad ogni tuo post mi vien voglia di viaggiare! Organizzar viaggi è un’attitudine, e tu sei bravissima. In tempi non sospetti (quando mi dedicavo solo all’archeologia) io e il novello fidanzato (ora marito) abbiamo pianificato la nostra vacanza a Parigi in maniera simile. Ma sdraiati sull’erba di un parco, coi cigni del lago minacciosi e senza computer ;-)

    Reply
    • Avatar
      Shanta marzo 26, 2013

      I cigni minacciosi? Ma non sarà che erano arrabbiati perché avrebbero voluto partire con voi???

      Reply
  4. Avatar
    Anna marzo 26, 2013

    Ammappete Claudia che organizzazione… io ho un approccio stile vagabondaggio alla cavolo, dovrei essere metodica come te!

    Reply
    • Avatar
      Shanta marzo 26, 2013

      anni e anni di campi scout a qualcosa son serviti… per organizzare la giornata a 30 scatenatissimi ragazzini è quasi un obbligo, programmare!!!

      Reply
  5. Avatar
    Terrible Trudie marzo 25, 2013

    cara Claudia, che tu preparassi i tuoi viaggi ormai lo avevo capito, ma vedere tutto insieme ‘sto po’ po’ di tabelle quasi mi ha spaventato! sei una macchina da guerra! ci credo che riesci ad assaporare ogni minuto e poi a trasferirlo nei tuoi post… fantastica!

    Reply

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *