Il Festival dei Giardini della Costa Azzurra

Inizia la primavera ed inizia, incontenibile, la voglia di circondarsi di fiori, di profumi, di luce! Con la primavera inizia anche la stagione delle fioriture nei giardini storici, che è un piacere visitare anche se non si ha il pollice verde o al massimo si riesce a far crescere  la piantina di basilico per il sugo sul terrazzino. Ci sono poi dei veri e propri eventi dedicati alle fioriture in cui si mettono a confronto e gareggiano stili paesaggistici diversi. Uno degli eventi da non perdere, che inizia il 30 marzo 2019 e prosegue fino al 28 aprile 2019 (‘acchiappando‘ il periodo delle vacanze di Pasqua e dei Ponti di primavera) è il Festival dei Giardini della Costa Azzurra, un evento giunto alla sua seconda edizione e che consente di scoprire ben 5 famose località della Costa Azzurra: Antibes, Cannes, Grasse, Mentone e Nizza.

La floricultura e l’arte dei giardini in Costa Azzurra ha una lunga tradizione, già nel 1546 i frati francescani che si stabilirono al Monastero di Cimiez crearono un giardino a scacchiera (che è ancora oggi identico come allora) e grazie al clima temperato sono famose le piantagioni di palme che ingentiliscono viali e promenade. Grazie al Festival dei Giardini della Costa Azzurra si potranno visitare oltre 80 giardini (pubblici o privati) e parchi urbani dislocati non solo nei 5 comuni interessati dal Festival ma anche in località vicine. Alcuni dei giardini che si potranno visitare nel Corso del Festival della Costa Azzurra sono stati insigniti del marchio “jardin remarquable“, che viene concesso ai giardini particolarmente rilevanti dal punto di vista storico, estetico e botanico.

mimosa

I giardini in gara nelle cinque località della Costa Azzurra promotrici del Festival, create da team francesi ed internazionali, sono in totale 15: ogni località ospiterà 3 giardini in concorso di 200 metri quadrati, che verranno giudicati da tre giurie specializzate. Alla giuria ufficiale parteciperà Marina Picasso, nipote del grande artista Pablo Picasso, grande appassionata di giardini e madrina della manifestazione; ci sarà poi una giuria di rappresentanti della stampa specializzata ed una giuria professionale, con la presenza di esperti paesaggisti. In palio un premio di tutto rispetto, 10.000€. E’ anche previsto un premio speciale, il Green Deal, riservato al giardino più ecologico. In diversi comuni del dipartimento delle Alpi Marittime, di cui fa parte la Costa Azzurra, verranno poi proposti dei ‘giardini fuori concorso’.

L’edizione 2019 del Festival dei Giardini della Costa Azzurra ha come tema conduttore il viaggio attorno al Mediterraneo, con creazioni che invitano alla scoperta della Costa Azzurra attraverso un percorso quasi mistico in un mondo fatto di giardini che si presenteranno con architetture, opere d’arte, creazioni artistiche. Si viaggerà da una sponda all’altra del Mediterraneo visitando giardini provenzali, giardini di impronta rinascimentale (non dimentichiamoci che nel 2019 ricorre il cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci presso il Maniero di Clos-Lucé ad Amboise), altri che suggeriscono la Grecia antica o il Maghreb.

Il Festival dei Giardini della Costa Azzurra verrà aperto il 30 marzo mentre il giorno successivo saranno espressi i giudizi delle giurie e verranno consegnati i premi nel corso di una cerimonia. I giardini resteranno poi aperti, gratuitamente, fino al 28 aprile 2019, giorno in cui si chiuderà la manifestazione. Accanto ai giardini in mostra, fanno parte del Festival una serie di eventi collaterali e conferenze sui giardini, sulla natura e sullo sviluppo sostenibile.

Tra i giardini che si potranno visitare nel corso del Festival (extra concorso): il Giardino del Museo Fernand Léger a Biot, il  Giardino esotico di Eze, i giardini del Castello della Napoule, a Mandelieu-La Napoule. Anche il vicino Principato di Monaco approfitterà dell’evento francese per aprire alcuni dei suoi giardini più famosi, come il giardino esotico, il giardino giapponese, il Giardino de la Petite Afrique  o i Giardini Saint Martin solo per citarne alcuni.

festival dei giardini

L’architettura del paesaggio e la floricultura vanno a braccetto con l’arte della profumeria: è un matrimonio indissolubile quello che lega la Costa Azzurra e i maestri profumieri e sono sicura che tutti conoscono di nome Grasse, quella che indiscutibilmente è la ‘capitale’ della profumeria francese, la città dove lavorano i più importanti nasi e hanno la sede alcune delle più famose case di profumeria d’Oltralpe, un nome tra tutti Fragonard con le sue essenze da sogno. Proprio nel corso del Festival si potranno visitare a Grasse il Giardino del Museo Fragonard e  il Giardino del Museo della Profumeria, oltre ad altri giardini di grande impatto estetico.

Qualche curiosità : già nel 1890 veniva creata ad Antibes la Scuola di Orticultura, risale al 1906 la legge francese che colloca anche i giardini tra i Monumenti storici, nel 1950 il grande architetto paesaggista Russel Page (colui che ha disegnato i magnifici Giardini della Landriana in provincia di Roma) progetta il giardino del Domaine Saint Jacques du Couloubrier, nel 1994 un censimento  inventaria nel Dipartimento delle Alpi Marittime ben 300 giardini tra pubblici e privati.

Come arrivare in Costa Azzurra dall’Italia:

  • treno (ci sono treni diretti Thello dal nord Italia oppure treni di linea fino a Nizza e poi cambio)
  • aereo (aeroporto di Nizza e aeroporto di Marsiglia)
  • auto (autostrada A8 dal confine di Stato italiano, a pedaggio)

Informazioni utili:

festival locandina 3

Si ringrazia Atout France, Agenzia per lo sviluppo turistico francese (http://www.atout-france.fr/) per le informazioni. Le foto sono tratte dal sito internet del Festival dei Giardini della Costa Azzurra.

Claudia Boccini

Curiosa di novità e di tendenze sociali e culturali, il mio karma è il viaggio

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *