Volare con British Airways

aeroporto 8

Il nostro aereo da Londra, appena atterrato a Fiumicino (luglio 2016)

Per raggiungere Londra e quindi proseguire in treno per la Scozia, abbiamo scelto di volare con British Airways, storica compagnia britannica già apprezzata in altre occasioni  di viaggio, l’ultima volta nel 2015 per raggiungere ugualmente Londra, quando siamo stati nella Capitale britannica per visitare qualche museo, dedicarci allo shopping e visitare Oxford. I biglietti li abbiamo acquistati con grandissimo anticipo, riuscendo a spuntare un prezzo forse non economico se rapportato ad un volo low-cost ma comunque ottimo (a/r Roma-Londra 175€ a persona).

A380_&_Red_Arrows_-_RIAT_2013

Di Airwolfhound – http://www.flickr.com/photos/24874528@N04/9384083282/, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=27471518

Ma vediamo com’è l’esperienza di volo e se volare con British Airways ci ha soddisfatto fino in fondo.

L’aereo con cui abbiamo volato era un Airbus A319 nuovo, con i sedili comodi e spazio sufficiente per le gambe. I sedili utilizzati a bordo sono il nuovo modello sottile, che permette di recuperare spazio tra una fila e l’altra e riesce a garantire spazio sufficiente anche ai passeggeri mediamente alti (insomma, Francesco non si è lamentato!). La cintura di sicurezza è sufficientemente lunga per essere allacciata anche da passeggeri “in carne”e le cappelliere ospitano almeno tre bagagli a mano ciascuna.

aeroporto 6

la mia carta d’imbarco

Come sempre, le prime file di poltrone sono dedicate alla business class, che con British Airways nelle rotte di medio raggio assume  il nome di Club Europe, il cui servizio è particolarmente attento e curato, a partire dai giornali offerti per poi proseguire con l’aperitivo con bollicine, i pasti serviti con stoviglie di ceramica e vere posate ed il caffè offerto più volte.

aeroporto2

gli interni

Noi invece abbiamo volato con la tariffa Economy Plus: con pochi euro di differenza rispetto alla tariffa basic ci siamo assicurati benefit aggiuntivi come la possibilità di imbarcare un bagaglio in stiva ciascuno oltre al bagaglio a mano e la possibilità di scegliere il posto a sedere 48 ore prima dell’imbarco. Se avessimo scelto di volare con una low cost, anziché volare con British Airways, sommando il costo del biglietto a quello dei bagagli da imbarcare, alla prenotazione del posto e calcolando anche i costi supplementari per il pagamento con carta di credito ed eventuale snack a bordo, avremmo speso la stessa cifra se non di più!

L’equipaggio, in tutti i voli che abbiamo fatto con British Airways, si è sempre dimostrato professionale, forse non troppo sorridente ma sicuramente efficiente. Unico appunto: in aereo gli annunci di sicurezza che devono essere obbligatoriamente trasmessi prima del decollo (dove sono le uscite di sicurezza, come comportasi in caso di emergenza, ecc.) vengono fatti solo ed esclusivamente in inglese e non, come invece abbiamo notato in quasi tutti i voli europei, anche nella lingua dell’aeroporto estero di partenza/destinazione.

Le divise delle hostess della British Airways sono fin troppo sobrie, quasi da segretarie aziendali: tailleur blu con gonna o pantalone, camicia bianca e foulard che riprende i colori della compagnia, ovvero bianco, rosso e blu. Onestamente: saranno pratiche e comode, ma come stile, innovazione, dettagli fashion … zero!

aeroporto5

il box-lunch servito sul volo di rientro da Londra a Roma (luglio 2016)

Una volta in volo (a proposito, il volo Roma – Londra dura 2 ore e 50 minuti), viene offerto un piccolo spuntino – in genere un mini sandwich ed un dolcetto – oltre ad una bevanda a scelta tra tè, caffè, acqua, succhi di frutta, bevande analcoliche, birra e vino e prima dell’atterraggio passa il carrello con i beni in duty free da acquistare. Le toilette, che io provo sempre perché bisogni fisiologici a parte sono un po’ la cartina tornasole della compagnia, erano pulite ed accessoriate con sapone e crema per le mani.

Con British Airways è possibile portare a bordo gratuitamente il seguente bagaglio:

  • una valigia o un borsone di dimensioni non superiori a  56cm x 45cm x 25cm
  • una borsa da donna (misure max: 40cm x 30cm x 15cm) oppure una borsa portacomputer (misure max: 40cm x 30cm x 15cm) con peso massimo di 23 kg (una franchigia tra le più generose tra le compagnie aeree che conosco!).

Le valigie da imbarcare in stiva, invece, non possono superare le dimensioni di 90 cm x 75 cm x 43 cm, comprese maniglie, tasche e ruote e il peso di 23 kg.

A Londra British Airways atterra in 4 aeroporti:

  • Londra Heathrow, ai terminal  3 e 5; noi siamo atterrati al Terminal 5, collegato con la metropolitana (linea Piccadilly, costo per tragitto 6€) direttamente al centro di Londra;
  • Londra Gatwick, al terminal North, ma dal 25 gennaio si trasferisce al South Terminal
  • Londra Stansted
  • Londra City, vicino al centro di Londra e raggiungibile con la DLR, la ferrovia leggera.

Il sistema di qualità Skytrax ha assegnato a British Airways il punteggio di 4 stelle, lo stesso di Lufthansa, Air Canada, Emirates, Thai Airways. Complessivamente, volare con British Airways è piacevole e l’esperienza di volo è complessivamente ottima, fino ad ora abbiamo sempre avuto decolli ed atterraggi “morbidi” e voli tranquilli.

Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *