#tour in 5 ore: Milan l’è una gran Milan!

Pronti per leggere una delle guide per “turisti veloci“, che vi permetterà di visitare (forse “visitare” è una parola grossa!), in “5 ore o poco più”, la città città italiana più internazionale, più alla moda, più attenta ai trend ed alle innovazioni? Se dobbiamo iniziare, allora, che sia… davvero in grande!
Si, perchè il tour che ci aspetta oggi (ripeto, assolutamente insufficiente rispetto alla ricchezza culturale della città ed alla vastità del territorio cittadino) è nella città di…
 Milano!
Solo un assaggio, ovviamente, ma comunque sufficiente a respirare l’aria meneghina e per coglierne gli aspetti più essenziali.
Per muoversi nella città di Milano, fondamentale è abbandonare l’auto e servirsi dei mezzi pubblici, la cui rete di tram, metropolitane ed autobus è efficiente e capillare. Quindi come primo step andate al link dell’ATM (l’azienda dei trasporti milanesi)  per verificare i costi dei biglietti e scaricatevi le piantine con i mezzi di superficie e le linee della metro.
Quindi raggiungete Piazza Duomo, cuore sociale e morale della città (vi fermano le linee metro gialla e rossa e, nelle vicinanze, anche numerose linee tramviarie, come nella bella Piazza Castello).
Al centro della piazza, guardatevi attorno e godetevi il colpo d’occhio: la grande Cattedrale gotica, splendente di marmi luminosi con le centotrentacinque (135!) guglie che svettano verso il cielo catalizza lo sguardo mentre intorno, quasi in deferente distanza, ci sono i palazzi civici e gli insediamenti del potere temporale (ma soprattutto commerciale!).
Credenti, atei, dubbiosi, indecisi… non importa, l’emozione di trovarsi dinanzi ad un simile capolavoro sarà comunque immensa! Non limitatevi all’esterno (che con i capitelli, le statue, i richiami evangelici o esoterici meriterebbe da solo di essere visto con calma ed attenzione), ma entrate all’interno del Duomo ed ammiratene l’impianto architettonico,  le grandi vetrate, gli altari, il battistero, le tombe degli uomini di Chiesa che hanno fatto grande la storia della città.
Una volta fatta proprio l’aria mistica che si respira nonostante le migliaia di visitatori,  uscite dal Duomo ed appena alla vostra sinistra avrete la possibilità di scegliere tra due grandi istituzioni culturali milanesi, il Museo del Novecento e Palazzo Reale, dove trascorrere un paio d’ore immersi nell’arte.
Il Museo del Novecento

 

Nel primo, troverete una vasta collezione di opere (oltre 300) che permettono di avere una visione d’insieme sull’arte del secolo scorso e, all’ultimo piano, vi accoglierà una vista strepitosa del Duomo.
Il futurismo, l’astrattismo, le avanguardie… tutte le correnti sono rappresentate in un continuum di stimoli visivi e concettuali che rendono la visita estremamente piacevole, a partire dal famoso quadro “Il Quarto Stato” di Pellizza da Volpedo che apre l’esposizione. 
A Palazzo Reale potrete invece ammirare le grandi esposizioni temporanee che richiamano migliaia di visitatori  (nel momento in cui scrivo è in corso la mostra su Picasso).
Vi siete ripresi dalla sindrome di Stendhal? Tutto a posto? Perfetto, perchè ora facciamo due passi a piedi sotto la Galleria Vittorio Emanuele II, con gli occhi che si lasciano catturare dalle vetrate liberty e dalle vetrine lussuose. Passando per Piazza della Scala dove si trovano l’omonimo Teatro e Palazzo Marino, la sede del Comune di Milano e continuando poi in Viale Manzoni, raggiungiamo Via Montenapoleone, la strada delle griffe e della moda, per un caffè o un aperitivo in uno dei bar storici di Milano, la Pasticceria Confetteria Cova.
Il #tour in 5 ore prosegue poi lungo Corso Vittorio Emanuele II, viale commerciale dove tra insegne al neon e architetture funzionaliste la Chiesa di San Carlo catalizza l’attenzione del turista con le sue prospettive rinascimentali.
Una Milano essenziale…
Il 7° piano del mega store La Rinascente di Piazza Duomo offre l’opportunità di fare una piacevole sosta per uno spuntino: sushi, cioccolato, panini… tutto a livelli di qualità (e, ahimè, di prezzo…) elevati. Qui potete anche sostare per connettervi wi-fi, tramite il  free hot spot del Comune di MIlano.
Se invece volete destinare ad altro il budget che avreste utilizzato per pranzare o volete riportare a casa un oggetto utile, vi suggerisco di fare un salto all’outlet del kasalingo, in viale Monza 36 (facilmente raggiungibile in 5 fermate di metro rossa, fermata  Loreto, ma ci sono punti vendita anche in  altre zone della città), dove si possono trovare  assortimenti di stoviglie ed oggettistica per la casa di marche note, scontati fino al 70% (io non ho resistito e con poco meno di 30€ ho preso un efficiente coltello tedesco in ceramica , un grande passino a coulis, una serie di formine coppapasta di varie dimensioni di acciaio inox ed anche un set per mettere sottovuoto il vino…).
Dopo questo piccolo assaggio, forse avrete voglia di tornare a Milano per visitarla con più calma e vi potrà sicuramente essere utile una guida da leggere per approfondire la vostra conoscenza e per programmare un nuovo tour!
Programma di massima del #tour in 5 ore o poco più a Milano:
ore 09.00 – Duomo
ore 09.30 - Museo del ‘900 o Palazzo Reale
ore 11.30 – Pausa caffè o aperitivo
ore 12.00 – passeggiata e/o shopping, visita di San Carlo
ore 13.30 – spuntino al 7° piano de “La Rinascente”
 * * * * *
Vi ricordo il contest collegato ai #tour in 5 ore e poco più:
tutti coloro che hanno un blog e segnaleranno il loro personale #tour in 5 ore  sulla pagina Facebook della Bussola e il diario, selezionerò l’itinerario più interessante, divertente o meno conosciuto, a cui invierò un gadget gift perfetto per i  pigri pomeriggi invernali.
Se non avete un blog, potete comunque partecipare all’iniziativa, diventando miei co-blogger: postate come messaggio i vostri itinerari e provvederò io a tramutarli in articoli che verranno pubblicati, con il vostro nome, sul mio blog.
Claudia Boccini

3 Commenti

  1. Avatar
    A. settembre 27, 2012

    Wow! Da milanese che vive a Milano da tutta la vita, e che dà inevitabilmente molte cose per scontate, è interessante leggere la città con gli occhi di un forestiero. E scoprire che, nonostante tutto, piace :-)

    Reply
  2. Avatar
    Alessandra settembre 25, 2012

    cinque ore con gli occhi pieni di bellezza e storia. e senza mal di piedi ;-)

    Reply
  3. Avatar
    Claudia settembre 25, 2012

    Bello, brava! pensa che io stavo per spedirti il mio “A spass per Milan”, ma mi hai preceduto :) però mi sa che te lo manderò lo stesso, per la prossima volta che tornerai per un’iniziativa di Casa Facile o per un’altra occasione. Io vivo a Sanremo da 18 anni, ma sono milanese e ho vissuto a Milano fino al ’94 e ai miei ragazzi ho proposto un percorso diverso, quando ce li ho portati per un giorno… Comunque devo spicciarmi a trovare gli altri itinerari :) Baci

    Reply

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *