Avventure in Ape Calessino: The Great Italian Rickshaw Adventure

Ti racconto la storia, un po’ matta, un po’ bislacca, sicuramente piena di coraggio, di un gruppo di amici che – pur provenendo da vissuti personali e settori imprenditoriali diversi, hanno deciso di dar vita ad una start-up di viaggi (no, in questo caso è meglio definirle avventure turistiche!) da affrontare a bordo di un Ape calessino Piaggio, un cosiddetto rickshaw – si  proprio quelli che se sei stato a Capri hai visto scorrazzare per le vie dell’isola e che in India  sono utilizzati come comune mezzo di trasporto.

Il progetto a questo punto non poteva chiamarsi in altro modo che  The Great Italian Rickshaw Adventure e da la possibilità a tre viaggiatori-turisti di noleggiare un’Ape calessino ed andare alla scoperta dell’Italia nota e meno nota seguendo percorsi costruiti in autonomia, scegliendo le tappe in cui fermarsi, senza fretta e soprattutto seguendo la curiosità del momento. La velocità dell’Ape, il rumore scoppiettante del motore, il paesaggio che pian piano muta rendono l’esperienza unica. D’altra parte, è ben difficile andare veloci: il motore dell’Ape ha una cilindrata di 200 cc. e il mezzo va al massimo – ma proprio nei momenti migliori, come in discesa! –  a 50 km. l’ora, in compenso consuma poco e permette di vedere tanto, perfino i paeselli carini che con altre modalità di viaggio avresti snobbato!

7

Tanta strada e poi? La notte i viaggiatori-apisti parcheggeranno il loro Great Italian Rickshaw presso gli agriturismi convenzionati, appartenenti al canale Agriturismi.it, dove pernotteranno in attesa di riprendere, il giorno successivo, l’itinerario su tre ruote.

Ogni itinerario di viaggio (al momento ce ne sono 5 in programma, di cui uno già “sold-out”) è all’incirca di 1.000 km per 7 o più giorni: si sa dove si parte e dove si arriva, per il resto l’itinerario è tutto da costruire  insieme. Ed i costi sono sostenibili, paragonati ad un’altra qualsiasi vacanza: ad esempio attraversare l’Italia in rickshaw da Milano a Catania in 9 giorni ha un costo di 1.500 euro per tre partecipanti, incluso il pernottamento in agriturismo (una stanza per tre) e assicurazione basic. Non sono invece incluse le spese della benzina, i trasporti, le assicurazioni specifiche, i pasti, gli ingressi.

2

Da Milano a Catania di luoghi da vedere ce se sono davvero tanti e altrettanti sono i temi possibili attorno cui costruire un itinerario: salire sull’Ape Calessino nella città di Expo per seguire le eccellenze vitivinicole italiane e le produzioni gastronomiche di nicchia, ad esempio (e vuoi mettere fare tappa nelle cantine pavesi, emiliane, toscane,umbre e giù giù fino alla Sicilia… certo, chi guida dovrà rinunciare a bere ma il mezzo è facile da portare e ci si può alternare) oppure seguire – no, non a piedi, ma in Ape! – il percorso storico della Via Francigena da Piacenza fino a Roma, passando per l’appennino parmense, la costa tirrenica a Massa (e ci scappa anche un bagno al mare!), proseguendo per Lucca e poi Siena,  Viterbo. A Roma l’itinerario potrebbe poi continuare  lungo la Via Appia fino a Napoli, per poi raggiungere le coste della Sicilia in traghetto- perché dopo tanta strada, un po’ di sano relax ci sta benissimo!

L’Ape calessino di The Great Italian Rickshaw Adventure è:

  • tradizionale: è fornito di wi-fi in modo che i viaggiatori “apisti” possano condividere in tempo reale le loro avventure;
  • solidale: a chi deciderà di scegliere la vacanza in rickshaw verrà chiesto di raccogliere nel percorso almeno 500€ da devolvere in beneficenza;
  • essenziale: impossibile viaggiare con troppo bagaglio al seguito
  • comunitario: si viaggia in tre e in tre si condividono esperienze, si studia l’itinerario, si sceglie cosa fare e cosa vedere;
  • spartano: il vero lusso è la lentezza, l’assenza di vincoli e di obblighi
  • adatto a tutte le età: non serve essere giovani, alti, belli, biondi e smart ma è sufficiente essere maggiorenni, possedere la patente ed avere un bel po’ di voglia di mettersi in gioco.

Un’esperienza che a me piacerebbe provare, una sfida alle convenzioni ed alle abitudini, un modo “lento” per conoscere l’Italia, scoprirla (o riscoprirla) senza alcun limite se non quello imposto dalla velocità del mezzo. A te cosa te ne sembra dell’idea? La faresti una vacanza con  The Great Italian Rickshaw Adventure?

Per saperne di più basta cliccare sull’immagine qui sotto: ti collegherai al sito e… chissà che il prossimo team a partire non sia proprio il tuo!

(PS scelto da Claudia perché: divertente, innovativo, avventuroso!)


Claudia Boccini

Curiosa di novità e di tendenze sociali e culturali, il mio karma è il viaggio

1 Commento

  1. Avatar
    Carlo luglio 09, 2015

    Fico!

    Reply

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *