Il prossimo viaggio in Olanda è in arrivo!

Sono stata indecisa fino all’ultimo se scrivere questo post, perché ho sempre il dubbio che anticipare ai lettori troppi dettagli di un viaggio sia un po’ come togliere loro il gusto di curiosare sui social (soprattutto su FB e Istagram) e indovinare dove mi trovo in un determinato momento ma davvero questa volta non mi tengo e ho voglia di condividere con voi che… il prossimo viaggio in Olanda è finalmente in arrivo! Non sto davvero più nella pelle e a differenza di tante altre partenze con meta Europa, in cui in genere tendo a prendermela comoda e a procrastinare fino all’ultimo la definizione dei dettagli (che vuoi che sia, siamo in Europa, no?), questa volta ho cominciato con grande anticipo a programmare ogni minima sosta, ho individuato cosa visitare, ho studiato nel dettaglio l’itinerario sulla mappa geografica, sull’atlante e ovviamente pure su Google Maps ed ho perso il conto di quanti chilometri ho percorso insieme all’ omino giallo (il segnalino di Google che permette di posizionarsi in un luogo e percorrerlo in modalità ‘realtà virtuale’) per fare il sopralluogo visivo delle città e dei borghi che visiteremo!

Quindi ho deciso: vi anticipo le tappe, non necessariamente nell’ordine in cui le visiteremo e vi fornisco solo qualche dettaglio del prossimo viaggio in Olanda e vi invito a seguirmi sui social (non vi ricordate i miei account? Su Facebook cercate la pagina de La Bussola e il Diario, su Twitter mi trovate come @ClaudiaShanta e su Instagram seguite @claudiaboccini) per gli aggiornamenti ‘freschi di giornata’ e avere l’anteprima di foto, luoghi e dettagli – che già immagino fantastici, perché questa è la stagione di fioritura dei tulipani! – che incontreremo nel nostro super tour “In Olanda a ritmo dolce: itinerario alla scoperta del design e dei paesaggi più incantevoli tra campagna e città minori”.

10_Nederland Waterland_Urk_Vuurtoren (1)

Ma vediamo di farvi venir voglia di Olanda :) !

Per prima cosa, in questo viaggio non c’è spazio per Amsterdam, città dove siamo già stati un paio di volte e che questa volta sfioriamo soltanto (atterreremo e ripartiremo dall’aeroporto di Schipol, utilizzando come vettore la compagnia olandese KLM) perché il progetto del tour nasce come un itinerario ai margini dei consueti circuiti turistici, dove il focus sono i paesaggi bucolici dell’Olanda del Nord e gli elementi urbani capaci di mixare armonicamente tradizione e modernità. Un itinerario facile, dolce appunto ma non necessariamente slow ma comunque adatto alle esigenze delle famiglie, dei gruppi di amici ed alle coppie di ogni età, fatto di soste per ammirare campagne, visitare parchi naturali e cittadine caratteristiche e per conoscere l’arte e la cultura creativa olandese, che quest’anno trova la sua massima espressione nella celebrazione del Dutch Design e della corrente artistica De Stijl (il cui esponente più noto a livello internazionale è Pieter Cornelis Mondriaan.

Park image 2016 2

Sapete bene che non siamo backpacker ne’ viaggiatori low-cost e che spesso nella scelta degli alloggi cerchiamo di regalarci esperienze piacevolmente confortevoli. Questo varrà anche per il viaggio in Olanda e vedrete che le sistemazioni alberghiere in cui pernotteremo hanno tutte quel ‘qualcosa’ in più capace di rendere molto gratificante il ritorno la sera in hotel.

Tra le mete scelte, città grandi come Leida ed Utrecht (e spero tanto anche Groninga, dipende da alcune variabili che possiamo valutare solo sul posto), particolarmente vivaci in quanto città universitarie; le meno conosciute Leeuwarden, Lelystad e Drachten ed ovviamente i piccoli borghi incantevoli come Giethoorn ed  i tanti paesini che incontreremo lungo il percorso fino ad arrivare sulle coste del Mare del Nord. Percorreremo anche una delle più grandi dighe di Olanda, la Afsluitdijk, barriera poderosa che separa il mare dall’IJsselmeer. 

Nel corso dell’itinerario, spazio alla visita dei Musei, gallerie d’arte e produzioni creative ed ovviamente – potrebbe essere altrimenti? – spazio al tasting della cucina olandese innovativa e gourmet e visita ai mercati locali. Non mancherà la visita al meraviglioso Parco Keukenhof (sì, proprio quello dove fioriscono milioni di tulipani, armonicamente disposti affinché diano vita a  set scenografici), che visiteremo in una giornata davvero speciale per l’Olanda e gli olandesi (non vi dico nulla, anzi, vi do un indizio prezioso: in valigia metterò un paio di magliette arancioni!).

schokland_06

Un viaggio così impegnativo, con un programma serrato e interessantissimo ha diritto anche ad avere il suo hashtag personalizzato (per chi non sa bene cosa sia, è una sorta di parola chiave con un # davanti, utile per individuare tutto il materiale su un determinato argomento che viene postato sui social, soprattutto Instagram e Twitter): cercate #BussolainOlanda e ci troverete!

A proposito: pubblico e sentito ringraziamento all’Ente del Turismo Olandese, con cui questo tour è svolto in collaborazione, che mi ha supportato non poco nell’organizzazione del viaggio e mi ha messo a disposizione alcune gratuità gradite ed utilissime. Il suo sito (in italiano) è stato fon-da-men-ta-le per recuperare indirizzi, informazioni e definire l’itinerario.

(Photo credit En del Turismo Olandese)

Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *