Una ricca torta di grano saraceno

Avevo acquistato un sacchetto di farina di grano saraceno con l’intenzione di provare a fare durante la stagione invernale i pizzoccheri, la tipica pasta della Valtellina che si serve condita con abbondante formaggio bitto, patate e verza. Peccato che il sacchetto in questione sia rimasto in fondo alla dispensa e  me lo sia proprio dimenticato, ricomparendo quando ormai la data di scadenza imponeva di utilizzarlo. Esclusi i pizzoccheri (ci vuole comunque un po’ di tempo tra preparare l’impasto, fare la sforglia, tagliarli, farli asciugare e quindi cuocerli) non mi restava che impiegare la farina per altri usi. Dubbio amletico: dolce o salato, ci faccio il pane o ci preparo una torta? La golosaggine familiare – ed ospiti inattesi a cui servire un piccolo five ‘o clock tea – hanno fatto volgere la scelta verso una ricca torta di grano saraceno, piuttosto semplice e basica nella preparazione che però si arricchisce con un doppio ripieno.

torta farina grano saraceno 1

La farina di grano saraceno è indicata per gli intolleranti al glutine in quanto il grano saraceno (Fagopyrum esculentum) non è un cereale della famiglia delle Graminacee ma uno pseudo-cereale appartenente alla famiglia delle Poligonacee. Un altro pseudo-cereale, di recente entrato nella nostra alimentazione, è la quinoa, altro super-food: quel che fa davvero la differenza, secondo me, è che mentre la quinoa arriva dalle Ande (anche se oggi viene coltivata anche in Italia), il grano saraceno fa parte da tempo della cultura alimentare tradizionale europea ed in Italia viene coltivato e utilizzato nelle zone alpine della provincia di Sondrio e di Bolzano. Oltre alla Valtellina, dove il grano saraceno viene utilizzato per pizzoccheri, polenta e sciat, il grano saraceno è utilizzato nel Sud Tirolo, dove entra a far parte degli impasti del profumato pane del Sud Tirolo, dei canederli e ed in ottime torte rustiche farcite con marmellata di frutti rossi. Particolarmente ricco di proteine, vitamine e multi-mineralizzante, il grano saraceno sembrerebbe essere indicato per la buona salute del micro-circolo venoso ed avere la funzione generale di ricostituente.

Ed è proprio ispirandomi alla Schwarzplententorte, che avevo assaggiato nella sua versione originale presso il bar del Landhotel dopo aver visitato il castello medioevale di Rodengo, che ho preparato la mia ricca torta di grano saraceno, seguendo però solo in parte la ricetta tradizionale che vorrebbe l’uso della farina di grano saraceno abbinata alla farina di mandorle o di nocciole (che io non avevo e che ho sostituito con farina di riso). Per preservare la sua anima leggera e gluten-free ho farcito la torta, oltre che con la marmellata di mirtilli, con una crema al latte di riso.

torta farina grano saraceno 3

Se volete provare a preparare la torta di grano saraceno arricchita, a voi la mia ricetta della Schwarzplententorte rielaborata :

Ingredienti torta:

  • 3 uova intere a temperatura ambiente
  • 150 gr. di burro a temperatura ambiente
  • 2oo gr. di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 200 gr. di farina di grano saraceno
  • 100 gr. di farina di riso
  • mezzo bicchiere di latte vegetale di riso con 3 cucchiai di liquore di anice
  • 1 busta di lievito per dolci

In una ciotola mettete il burro, il sale e lo zucchero e montateli a neve con le fruste. Aggiungete le uova una alla volta, quindi pian piano versate le due farine miscelate insieme. Quando l’impasto diventa troppo sodo, allungate con latte di riso e anice fino ad incorporare tutti gli ingredienti. Aggiungete il lievito setacciato, versate nella teglia e mettete a cuocere a 180° per almeno 35 minuti (come sempre  il tempo di cottura dipende dai singoli forni). La torta non dovrebbe crescere molto. Una volta cotta, sformatela con attenzione e fatela freddare per bene.

Ingredienti per la farcia:

  • un barattolo di marmellata di mirtilli, di more o di ribes
  • 2 cucchiai di farina di riso
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 1 uovo intero
  • 1 pizzico di curcuma (a piacere)
  • 500 ml. di latte di riso

In un pentolino dal fondo inaderente versate la farina di riso, l’uovo, lo zucchero e il latte di riso, mescolando molto bene (io per amalgamare per bene tutti gli ingredienti ho usato il minipimer!) e mettete sul fuoco, mescolando continuamente. La crema rimane piuttosto chiara, ma – trucco! – se volete dargli l’effetto ‘crema gialla ricchissima di uova‘ potete aggiungere un pizzico di curcuma quando la crema è ancora in cottura.

torta farina grano saraceno 2

Come assemblare la ricca torta di grano saraceno:

  • con un coltello affilato tagliate in due parti la torta, in senso orizzontale
  • spalmate l’interno dei due dischi di torta con abbondante marmellata di frutti rossi (io ho ussat la marmellata di more ed ho aggiunto un paio di cucchiai di liquore di anice per diluire ed aromatizzare)
  • sul lato della torta che farà da base, sopra la marmellata, spalmate la crema di riso
  • ponete con attenzione il disco superiore della torta sulla farcia e mettete in frigo almeno un’ora prima di servire
  • se volete esagerare, potete montare poca panna da servire insieme.
Claudia Boccini

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *