Dove trovare buon tè a Roma: fare acquisti da Te e Teiere

L’estate (meglio, il mese di agosto) a Roma si sta rivelando carico di piacevoli sorprese: grazie ai frequenti acquazzoni pomeridiani il caldo torrido ha lasciato spazio ad una temperatura gradevole, le strade sgombre di traffico accorciano i tempi e le distanze e, almeno nel centro storico, le serrande dei negozi non sono del tutto abbassate. Turisti ce ne sono in quantità e un po’ per emulare la loro allegra spensieratezza ‘da vacanza’ e un po’ perché se non ne approfitto di questo periodo, in cui anche in ufficio non ci sono urgenze e quindi posso uscire ad orari decenti, cerco di riappropriarmi di Roma e delle sue strade e piazze meravigliose in cui risuona cristallino il gorgheggio delle fontane. Le mie sono passeggiate lente ed esplorative, sto scoprendo vicoletti dai nomi curiosi, chiese piccole e poco frequentate (spesso ahimè le osservo solo dall’esterno, perché in gran parte sono chiuse), ritrovo monumenti che avevo dimenticato o che – sempre di fretta – ho sempre osservato solo di sfuggita. Mi piacciono queste passeggiate lente – un paio di ore e poco più – che spesso includono una sosta per un caffè speciale, una granita fatta come una volta oppure un estratto di frutta esotica o un buon tè – sì, si può trovare buon tè a Roma – in locali che meriterebbero, tutti, di essere recensiti.

passeggiate romane

I quartieri – anzi, i Rioni, perché in centro di Roma i quartieri si chiamano così ed alcuni trovano addirittura origine nell’urbanistica della Roma antica – che sono meta delle mie passeggiate estive sono soprattutto Monti con i suoi tanti locali in cui si riversa la movida serale a caccia di aperitivi e con i suoi negozi di artigianato e di design (ne avevo parlato in un post non recentissimo – Tra le botteghe del rione Monti – e forse nel frattempo qualche esercizio avrà cambiato insegna ma se vi va di leggerlo vi aiuta a capire lo spirito di questo Rione speciale) e poi Parione, Pigna, Regola, S. Eustachio e S. Angelo. In pratica, le zone all’interno del quadrilatero delimitato da Corso Vittorio, il Corso, il fiume Tevere e il Muro Torto. E, quasi inutile dirlo, difficilmente torno a casa senza nemmeno un sacchettino con acquisti :) soprattutto se scovo negozi che hanno quel ‘qualcosa in più‘ che a me piace tanto.

passeggiate romane3

Una delle ultime scoperte è la rivendita di tè Te e Teiere, in Via dei Banchi Nuovi (a due passi da Piazza Navona e da Ponte Sant’Angelo), uno dei negozi in cui è possibile trovare buon tè a Roma. Ci sono arrivata un po’ per caso e un po’ no, nel senso che avevo apprezzato alcune foto postate su Instagram e mi ero incuriosita parecchio, perché anche dalle immagini trapelava lo spirito alla base della rivendita, un luogo in cui la cura e l’attenzione di chi ci lavora sono rivolte a far apprezzare l’infuso ed i suoi riti, a raccontarne le qualità, i diversi metodi di infusione e a cercare di proporre, con pazienza e grande disponibilità, il tè giusto per ciascun cliente, non solo a vendere una confezione di tè tanto per fare cassa. C’era passione, dietro quelle foto, e si sentiva che non mancava il cuore e l’entusiasmo.

passeggiate romane2

E’ per questo motivo che durante la mia passeggiata lungo Corso Vittorio ha deciso di deviare repentinamente per raggiungere quel magnifico contenitore di opere d’arte che è Piazza Navona e quindi, salutata come mio solito la Statua Parlante di Pasquino con le decine di foglietti appiccicati, ciascuno una ironica lamentela o una caustica reprimenda dei costumi del Potere, ho percorso rapidamente via del Governo Vecchio (dove fin troppi negozi sono diventati a misura di turista, dimenticando chi a Roma ci abita stabilmente) per approdare davanti alla vetrina di Te e Teiere, uno dei negozi dove è possibile trovare buon tè a Roma.

passeggiate romane10

La rivendita ha due vetrine, di cui una in agosto era allestita con una piccola esposizione di ceramiche e porcellane in saldo: tante tazze, teiere e ciotole, una più bella dell’altra! – ma è una volta varcata la soglia che si entra nel regno del tè e di tutto ciò che ruota al corroborante infuso orientale: scatoline porta tè che arrivano dritte dritte dal Giappone, piattini, cucchiaini, biscotti, zucchero e cioccolato, conserve e poi ancora ciotole, tovagliette giapponesi (i miei tanto amati furoshiki!), borse in stoffa dai disegni delicati che riprendono le immagini botaniche della Camellia sinensis (L.) Kuntze, nome scientifico che individua la pianta del tè. Tante piante verdi rendono l’atmosfera lieve e ci sono mille dettagli di design che andrebbero osservati  con calma. Un luogo bello e piacevole, non solo una rivendita dove trovare buon tè a Roma!

passeggiate romane5

Una parte del locale è scaffalata e contiene grandi barattoli rossi pieni di tè pregiati e di miscele, che arrivano per la gran parte dalla Cina e dal Giappone. Tè bianchi, tè neri, tè verdi, tè gialli (parlo al plurale, perché da Te e Teiere è possibile scegliere tra oltre 140 tipi di tè), selezionati e scelti con cura da Alessandra Celi che, insieme alla sorella Tiziana, gestisce la rivendita ed organizza corsi per chi vuole approfondire la conoscenza di questa bevanda, arrivata in in Europa grazie ai mercantili portoghesi prima e a quelli olandesi della Compagnia delle Indie Orientali poi.

passeggiate romane6

Da Te e Teiere (mai nome poteva essere più adatto!) chi si occupa dei clienti ha il dono di interpretare i desideri del cliente: tra i tanti disponibili, esiste sicuramente un tè (o una miscela) che si adatta ai gusti, allo stile e al carattere e perfino all’umore di ogni cliente! Per quel che mi riguarda, sarei rimasta nel negozio per ore (e sono sicura che la giovane ragazza che si è occupata di me non avrebbe avuto problemi a farmi annusare tuttie le decine e decine di tè disponibili!).

passeggiate romane7

Purtroppo mi sono dovuta accontentare di acquistare ‘solo’ due sacchetti di infusi, uno a base di mandorla, mela e cannella (viene definito anche ‘mangia e bevi’, perché i componenti che restano una volta preparato l’infuso si possono mangiare) il cui aroma piuttosto autunnale mi ha ricordato il profumo dello strudel appena sfornato, ed un sacchetto di tisana digestiva, la cui miscela comprende scorzette di arancia, cannella, finocchio, liquirizia, cardamomo, zenzero e chiodi di garofano, da preparare con acqua calda a 95° ed una infusione di 5 minuti. Il costo per ciascun sacchetto da 50 grammi è di 5 euro (ovviamente i costi variano moltissimo in base alle miscele e a quanto sono pregiate o difficili da reperire). Ora mi incuriosiscono parecchio le Tea Class, i corsi con degustazione comparata che vengono proposti al sabato mattina: in particolare, mi incuriosisce The perfect cup of tea  e I colori del tè. Credo proprio che Te e Teiere mi rivedrà presto :)

passeggiate romane8

Dove trovare buon tè a Roma:

  • Te e Teiere - Via dei Banchi Nuovi 37 Roma. Telefono 06.6868824.
  • Vi consiglio di controllare sul sito gli orari di apertura, perché in questo periodo sono chiusi sia il sabato e la domenica mentre da settembre, con l’avvio dei corsi e delle degustazioni guidate, sarà aperto anche il sabato.
  • Attenzione: non è una sala da tè e quindi non viene fatta somministrazione.
  • Tè e Teiere vende anche tramite e-shop.
  • Profilo Instagram: @teeteiereroma – su Facebook: @teeteiereroma – Te e Teiere

        passeggiate romane9

Claudia Boccini

Curiosa di novità e di tendenze sociali e culturali, il mio karma è il viaggio

0 Commenti

Scrivi il primo commento!

Fammi sapere cosa ne pensi.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *